Carrello vuoto
Papelitos
5 Marzo

In Serie C tutto tace

Michelangelo Freda

50 articoli
Proclami elettorali e propaganda twitteriana. Ma le riforme nel campionato di Serie C dove sono?

Il campionato di Serie C vive ancora in una fase di enorme incertezza, con diversi club sottoposti ai controlli della Covisoc (Commissione di Vigilanza sulle Società di Calcio Professionistiche) pronta a richiederne l’esclusione in caso di inadempienza. Infatti nonostante l’esclusione di club come il Matera (girone C) e la Pro Piacenza (girone A), e malgrado sia ancora a metà del girone di ritorno, il campionato sembra riservare ancora numerose sorprese. L’incertezza societaria di Lucchese e Cuneo, penalizzate rispettivamente con -16 e -23 punti, fanno sì che la stagione 2018/19 sia caratterizzata da un totale 104 punti di penalizzazione, avvicinandosi pericolosamente al primato negativo del 2010/11, che vide 27 società sanzionate per un totale di 125 punti di penalizzazione. Dati che fanno rabbrividire e disgustano quegli appassionati di calcio che, ogni anno, devono vedere il terzo livello del calcio italiano stravolto da una pioggia di penalizzazioni.

 

A Lucca la tensione per il destino della squadra la fa da padrona. I tifosi hanno provato a metterci una pezza, organizzando una colletta cittadina per venire in soccorso dei disastrosi bilanci della società, almeno per il prosieguo del campionato; tuttavia la fuga della vecchia proprietà e la mancanza di liquidità hanno proiettato la Lucchese sempre più nel baratro, con lo spettro dell’ennesima penalizzazione in campionato. Finora si è riusciti a garantire gli stipendi ai calciatori, di novembre e dicembre, grazie ad un anticipo sul fondo della Lega per la valorizzazione dei giovani, cassa però completamente prosciugata in vista degli stipendi di gennaio e febbraio, che dovranno esser garantiti entro il 18 marzo.

 

I tifosi della Lucchese non si vogliono arrendere

 

Parallelamente vi è l’A.C. Cuneo, penultima in classifica ad una sola lunghezza dalla Lucchese, a rischio esclusione per non aver presentato la fideiussione idonea per la partecipazione al campionato. Il presidente Roberto Lamanna ha pubblicamente ammesso di “non avere il potere di gestire da solo una società professionistica” e così, mentre il Cuneo calcio senza penalizzazione si ritroverebbe in zona playoff, adesso deve presentare la fideiussione entro il 18 marzo, con il rischio di vedere un altro club nel calderone delle escluse.

 

Queste paradossali situazioni societarie, in un contesto di scarsa affidabilità del campionato di Serie C, sono stati il cardine della campagna elettorale alla presidenza della FIGC di Gabriele Gravina, incentrata sulla trasformazione del campionato da professionistico a semiprofessionistico. Una “rivoluzione” non da poco, ben accolta da molti addetti ai lavori, e considerata la base per migliorare la condizione economica dei club ed evitare stravolgimenti del campionato durante lo svolgimento. Il semiprofessionismo tra l’altro è un ritorno alle origini della categoria, nata nel 1959 sotto il nome di Lega Nazionale Semiprofessionisti nell’ambito delle controverse riforme della FIGC (quelle, tanto per intenderci, scaturite dalla clamorosa eliminazione azzurra nelle qualificazioni ai Mondiali di Svezia contro l’Irlanda del Nord: corsi e ricorsi storici).

 

La curva biancorosso del Cuneo (Foto SportPeople.it)

 

Tuttavia l’idea del semiprofessionismo, per esser attuata, ha bisogno anche dell’intervento del legislatore nazionale. La modifica dello status prevede infatti l’allargamento di alcune disposizioni, soprattutto in materia fiscale e tributaria, già previste per l’associazionismo e per le onlus: una riforma dunque che dovrebbe coinvolgere anche il governo, allungando così i tempi dell’attuazione. Ma se l’idea del semiprofessionismo per concretizzarsi avrà bisogno di più tempo, la Lega di Serie C può nel frattempo intervenire in maniera sostanziale sul sistema di controllo dei bilanci societari. Potrebbe modificare il sistema di controlli incrociati, o meglio, migliorare il trasferimento di informazioni fra gli enti esistenti, sottraendo le società sportive da questa ambiguità. Ad oggi, infatti, non sussiste ancora la possibilità di confrontare i bilanci depositati presso la Camera di Commercio della provincia di riferimento e i bilanci depositati in Lega, motivo per cui si impone una riforma in merito.

 

Tra proclami a colpi di Twitter ed un campionato in lento declino, però, la FIGC e la Lega di Serie C non possono stare a guardare, e sono tenute ad intervenire in maniera rapida e decisa lì dove sono presenti delle lacune. Dalla conclusione dell’elezioni, per la presidenza della FIGC, poco è cambiato: oltre alla possibilità di autodeterminazione delle singole Leghe, vittoria personale di Mauro Balata, la nuova presidenza non ha mostrato ancora quel progetto rivoluzionario che doveva partire dal basso. È arrivato il momento di un drastico cambiamento, di una vera attività riformatrice del campionato di Serie C, affinché torni ad avere quella credibilità necessaria per far appassionare i tifosi, sempre più distanti dai campi di gioco delle serie minori.

 

 

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tennis
Diego Mariottini
7 Giugno

Il rogo del Ballarin, una tragedia dimenticata

Il più grande dramma in uno stadio italiano, in un periodo molto delicato.
Calcio
Michelangelo Freda
6 Aprile

Fuori i mercanti dal tempio

È ora di finirla con lo strapotere dei procuratori sportivi.
Calcio
Michelangelo Freda
6 Giugno

La Serie B è un enorme conflitto di interessi

L'annus horribilis della Serie B tra stravolgimenti, sentenze ad personam e clamorose smentite.
Ritratti
Lorenzo Fabiano
17 Giugno

Se Gigi Fresco non ci fosse, bisognerebbe inventarlo

Un unicum in Italia: allenatore e presidente, ma ancor prima idealista e uomo di cuore.
Calcio
Michelangelo Freda
6 Marzo

Le Squadre B servono solo per le plusvalenze

Una misura tanto invocata, ma con cui hanno perso tutti.
Editoriali
Andrea Antonioli
25 Febbraio

Il Coronavirus colpisce i tifosi

Ma giocare a porte chiuse è l'unica soluzione per non interrompere il campionato.
Calcio
Michelangelo Freda
21 Novembre

Colpo di stato in Serie A

La guerra intestina nel mondo del calcio italiano continua a mietere vittime.
Papelitos
Michelangelo Freda
18 Febbraio

Pro Piacenza, la partita della vergogna

Il 20-0 incassato dal Pro Piacenza grida letteralmente allo scandalo, ed evidenzia un calcio minore sull'orlo del collasso.
Interviste
Federico Cenci
12 Maggio

Silvio Baldini, il calcio è identità non soldi

Pochi ori, tanti allori.
Papelitos
Federico Brasile
23 Aprile

Siete voi che avete bisogno di soldi

Non la gente che ha bisogno di calcio.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Calcio
Domenico Rocca
25 Agosto

Odissea Serie B

Dopo una tormentata estate passata tra sentenze, appelli e tribunali federali, ritorna finalmente il campionato cadetto.
Calcio
Michelangelo Freda
4 Novembre

La Serie C è un campo di battaglia

Con molti più vinti che vincitori.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Calcio
Gennaro Malgieri
14 Novembre

Crisi di identità

L'apocalisse dell'Italia calcistica si inscrive in un più generale fallimento culturale, sociale e programmatico.
Calcio
Remo Gandolfi
8 Febbraio

La rivincita di Roberto D’Aversa

Alla faccia del bel gioco, il Parma di D'Aversa stupisce nel segno della tradizione italiana.
Papelitos
Michelangelo Freda
18 Gennaio

Malagò, il Coni ed i gialloverdi: il re è nudo

Viva la riforma sportiva dei gialloverdi (che però deve essere solo l'inizio): la monarchia al CONI di Malagò è al tramonto.
Calcio
Gianluca Palamidessi
15 Luglio

Il Monza è lo specchio di Berlusconi e Galliani

E infatti la Serie A non è più una chimera.
Papelitos
Beniamino Scermani
2 Settembre

Il calcio femminile contro le regole base dell’economia

Il professionismo femminile non può salvare il calcio italiano.
Storie
Gennaro Malgieri
13 Agosto

Le scuole calcio hanno tradito il pallone

Desertificazione della fantasia e profitto sulla pelle dei ragazzi.
Calcio
Matteo Mancin
19 Gennaio

La favola del Castel di Sangro

Memorie sull'indimenticabile cavalcata condotta da Osvaldo Jaconi.
Papelitos
Federico Brasile
9 Marzo

Quel pasticciaccio brutto della Serie A

Un Paese sportivo d'accordo su una sola cosa: la deresponsabilizzazione, l'incapacità di prendere decisioni.
Calcio
30 Luglio

Qualcuno salvi la Serie C

Concluso il campionato, si aprono i tribunali.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Editoriali
Lorenzo Santucci
1 Marzo

Si scrive Serie A, si legge WWE

Il rinvio delle partite è la decisione tardiva di un sistema ipocrita.
Papelitos
Alberto Fabbri
25 Luglio

La polvere sotto al tappeto

Cosa sta succedendo al calcio italiano?
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Calcio
Michelangelo Freda
20 Novembre

La Serie C va abolita in favore del semiprofessionismo

Le fondamenta della Serie C scricchiolano sempre di più, tra forfait e fallimenti: è tempo di riforme, si impone il semiprofessionismo.
Papelitos
Simone Meloni
28 Agosto

La discriminazione territoriale è una buffonata

Quando un semplice sfottò diventa pericoloso.
Calcio
Michelangelo Freda
18 Dicembre

Liberate la Salernitana!

Il calcio italiano si sta coprendo di ridicolo.
Papelitos
Michelangelo Freda
8 Febbraio

B come Balata, C come Caos

Il calcio italiano è nel caos più totale. Tra penalizzazioni, esclusioni e squadre sull'orlo del fallimento è partita la riforma dei campionati.
Interviste
Antonio Aloi
8 Ottobre

Il pallone è rotondo come il mondo

Intervista ad Antonio Stelitano, tornato a Messina dopo aver giocato (quasi) ovunque.
Calcio
Francesco Andreose
24 Febbraio

Il riscatto del calcio di provincia

Le serie minori credono ancora nel calcio di una volta.
Calcio
Giuseppe Gerardi
7 Marzo

Il vecchio che avanza

La conferma di Carlo Tavecchio, una vittoria più di clientele che di programmi.
Calcio
Michelangelo Freda
28 Marzo

Avellino resiliente

L'Avellino calcio è l'espressione di un popolo abituato a soffrire ma che ha sempre saputo rialzarsi, anche nei momenti più duri.
Tifosi
Simone Meloni
25 Dicembre

Avellino e Foggia, amici mai

Reportage sul tifo delle due curve dal Partenio.
Interviste
Michelangelo Freda
29 Marzo

Il Coronavirus sta facendo implodere il calcio

Abbiamo intervistato Pippo Russo sulle possibili ripercussioni dell'emergenza nel calcio.
Storie
Alberto Fabbri
13 Luglio

Il Piccolo Brasile

L’incredibile favola del Mantova che, con quattro promozioni in cinque anni, raggiunge la serie A nel 1961.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Calcio
Enrico Leo
4 Novembre

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Papelitos
Matteo Paniccia
25 Luglio

La Uefa vuole schiavi gratis

Per Euro 2020 la Uefa sta raccogliendo volontari da tutto il continente, con lo scopo di “promuovere i valori dello sport”. Cosa aspetti? Iscriviti anche tu!
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Calcio
Gianluca Palamidessi
14 Marzo

Il modello AlbinoLeffe tra futuro e distopia

Luci e ombre della società bergamasca.
Tifosi
Antonio Torrisi
31 Maggio

La Ternana ha il cuore d’acciaio

Il calcio come specchio della città.
Interviste
Michelangelo Freda
20 Febbraio

Cosimo Sibilia contro tutti

Domani si vota per la presidenza FIGC: la versione dello sfidante.
Papelitos
Michelangelo Freda
5 Novembre

La Serie A morirà in esilio

L'ennesima genialata della Lega Serie A: trasferire almeno una partita all'anno in Asia o Stati Uniti, alla faccia dei tifosi ma a favore dei mercati.
Calcio
Michelangelo Freda
4 Settembre

Il modello del Südtirol

La Bolzano biancorossa sogna il calcio che conta, ma è divisa tra tedeschi e italiani.
Interviste
Gezim Qadraku
24 Febbraio

Essere un procuratore

Intervista a Marco Chiofalo, giovane procuratore calcistico.
Interviste
Michelangelo Freda
31 Ottobre

Sibilia e la FIGC: l’inizio di una nuova era?

Abbiamo intervistato in esclusiva Cosimo Sibilia, vice presidente vicario della FIGC, cruciale per l'elezione di Gravina e per il nuovo corso in Federazione.
Calcio
Lorenzo Santucci
7 Novembre

(D)all’altezza di Ventura

Un allenatore allo sbaraglio.