Carrello vuoto
Papelitos
8 Dicembre

Siamo periferia d’Europa

Federico Brasile

48 articoli
Mai così impotente e lontana del centro.

Ci spiace ripeterci per l’ennesima volta. Ribadire sempre e ancora i soliti concetti, quelli per cui appena si alza il livello in Europa ci sciogliamo come fiocchi di neve ai primi soli – non serve neanche che arrivi la primavera. E tutte le annose chiacchiere sugli stili di gioco lasciano spazio, inesorabilmente, a un sorriso amaro e disilluso di fronte all’abisso tecnico, caratteriale e di abitudine che ci separa dalle grandi europee. Lo abbiamo visto nella partita decisiva per il Milan, tra le squadre migliori squadre del nostro povero campionato: partita decisiva per i rossoneri e totalmente ininfluente per gli avversari, che non a caso si sono presentati con seconde e terze linee + Salah e Mané.

Il Milan, dicevamo, non poteva sperare in condizioni migliori: per carità le assenze ma i Reds a dir poco rimaneggiati, lo stadio pieno e tutta la carica di una squadra che aveva solo da guadagnare; di più, il vantaggio alla mezz’ora. Ebbene, tutto ciò non è bastato neanche lontanamente per impensierire un Liverpool in trasferta di piacere, talmente più forte in potenza (e in consapevolezza) da esserlo anche in atto. Si potrebbe sprecare inchiostro e analizzare aspetti specifici, tattici, tecnici, ma a che pro? L’evidenza, quella che resiste ferma malgrado l’oscillare delle interpretazioni, ieri si è manifestata in tutta la sua innocenza.

Così l’Inter, a cui non si poteva chiedere molto avendo già strappato il pass per gli ottavi e dovendo affrontare al Bernabeu un Real Madrid in ritrovata e grande forma; eppure, anche qui, ciò che impressiona è l’irreversibilità e la leggerezza della sconfitta. Un buon primo tempo, in cui i ragazzi di Simone Inzaghi hanno anche “fatto” la partita, ma poi un Real che vince da Real e un risultato che scorre via così naturalmente come fosse un copione già scritto: i nerazzurri perdono testa e partita, 1 handicap, ma davvero nessuno se la sentirebbe di rimproverarli, anzi.

Iscriviti al corso in giornalismo sportivo, e vieni a sentire le cose che nessuno vuole dire


Il punto è un altro: è il modo in cui ormai affrontiamo l’Europa dei grandi. Approcciamo i migliori palcoscenici come se le italiane fossero tutte l’Atalanta: squadre “inferiori” aggrappate alla sorpresa, che nella serata giusta possono mettere in difficoltà chiunque ma che se perdono – anzi quando perdono – vanno solo elogiate perché comunque non potevano fare di più. È un complesso di inferiorità, fondatissimo, che oggi ci rende periferia europea, mai così impotente e lontana dal centro. E allora, torniamo a ripetere, abbiamo la nausea quando sentiamo parlare del gioco come ricetta più o meno segreta per colmare il divario con i migliori: la verità è che, in confronto a questi, noi siamo deboli, fragili, indifesi, quasi ragazzini malgrado quelli più giovani poi spesso siano gli altri.

Parliamo di ordini di grandezza diversi, di galassie calcistiche differenti; facciamo pace con l’evidenza una volta per tutte. Perché siamo anche un po’ patetici a continuare con gli elogi alle nostre belle squadre, al nostro bel calcio, quando ogni anno il campionato italiano si impoverisce tecnicamente di più: la scorsa estate, come da tanti e più volte ripetuto, abbiamo perso i migliori giocatori tra Lukaku, Ronaldo, Hakimi. D’altronde sono i calciatori a fare la differenza, e lo abbiamo visto anche con la bravura di certi tecnici rivoluzionari in Italia – vedi Pioli – ma impossibilitati a ribaltare gerarchie scolpite nel marmo (e nei piedi) in Europa.

Oggi poi è già tempo di bilanci, e si inizia a dire che non bisogna disperare, tutt’altro: due italiane sono già tra le migliori 16, si spera tre con quella meravigliosa e irripetibile eccezione dell’Atalanta.

Ma cosa dovevamo pensare, che i campioni d’Italia si facessero sbattere fuori dallo Sheriff Tiraspol – con uno Shakhtar non pervenuto? O che la Juventus dovesse soccombere nell’inverno russo come Hitler e Napoleone? Se tuttavia l’Inter e la Juventus torneranno a casa agli ottavi, nessuno potrà davvero metterle dietro la lavagna, e con buone ragioni. In fondo tutti ormai abbiamo accettato la nostra inferiorità costituiva, tanto frustrante quanto innegabile, e irriducibile a triti e ritriti discorsi tattici sugli stili di gioco.

Nel frattempo i tifosi del Milan sono quasi sollevati, ben consapevoli di non poter competere in un torneo per cilindrate (di molto) superiori a quella rossonera. Quarto posto e niente competizioni europee: ah, che fortuna! Mentre a Porto se le sono date di santa ragione, tra risse e rossi, e a spuntarla è stato ancora una volta l’immortale Simeone, il Milan può tornare al sicuro e al calduccio – metaforico – del calcio nazionale. Senza più l’assillo dell’Europa che conta, come hanno insegnato nel 2020 i cugini nerazzurri, e con il Tricolore adesso bene alla portata. Ad maiora!

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Enrico Leo
22 Novembre

La crisi del Milan viene da lontano

Il momento negativo del Milan rispecchia l'incapacità gestionale della sua dirigenza.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Editoriali
Andrea Antonioli
3 Maggio

Hasta el Cholo siempre

Apologia del cholismo, dopo la nottata più difficile.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
15 Febbraio

Robbie Keane, il fiore d’Irlanda

Il fallimento con la maglia dell'Inter ha privato il nostro calcio di un giocatore entusiasmante.
Calcio
Lorenzo Solombrino
10 Dicembre

Malaga, sedotto e indebitato

Quando finisce l'amore, rimangono solo i debiti.
Calcio
Andrea Fantucchio
15 Febbraio

Goodbye Manchester city

Chi c'è dietro alla maxi squalifica inflitta ai Cityzens.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Ritratti
Marco Metelli
22 Dicembre

Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo

Un omaggio allo Zio, che compie oggi 57 anni.
Calcio
Lorenzo Solombrino
14 Marzo

Ivan Gazidis e l’House Of Cards del calcio italiano

La storia di un manager machiavellico, tra luci (finanziarie) e ombre (sportive).
Papelitos
Luigi Fattore
27 Maggio

Gli anni d’oro

La decimotercera.
Calcio
Matteo Mancin
1 Marzo

Corrado Orrico

L'uomo che è rimasto nella storia per i suoi fallimenti.
Papelitos
Federico Brasile
20 Marzo

Noi stiamo con Rino Gattuso

Un allenatore e ancor prima un uomo che riavvicina al calcio.
Papelitos
Alberto Fabbri
27 Maggio

Italia senza palle

Perché l'uscita dalle coppe è stata una questione di attributi.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.
Papelitos
Jacopo Benefico
10 Luglio

Dio ci scampi e liberi dalla nuova maglia dell’Inter

Il marketing sportivo nell'epoca del brutto.
Calcio
Lorenzo Santucci
12 Settembre

L’uomo giusto

L'importanza di Spalletti per la rinascita dell'Inter.
Papelitos
Lorenzo Santucci
10 Dicembre

Eriksen è una questione di rispetto

Per l'uomo prima che per il calciatore, al di là dei risultati.
Calcio
Luca Pulsoni
8 Dicembre

Il giochismo in Italia non paga

Meglio adattarsi e rifiutare i dogmi.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
23 Novembre

Fernando Redondo

Storia di un principe.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Calcio
Gennaro Malgieri
24 Febbraio

Un re nella polvere

Un finale non degno di un'epopea sportiva senza precedenti.
Papelitos
Luca Rubeo
13 Aprile

Ancora tu

Lo scontro tra titani termina con una netta vittoria dei blancos, guidati dal solito CR7.
Cultura
Andrea Mainente
23 Gennaio

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Ritratti
Roberto Tortora
26 Marzo

Gianluigi Lentini contro Eupalla

Le sliding doors di un potenziale crack del calcio italiano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
31 Maggio

Può un Conte uccidere Madama?

Antonio Conte è il nuovo allenatore dell'Inter.
Storie
Andrea Tavano
16 Dicembre

La guerra dei due mondi

Quattro finali di Coppa Intercontinentale, dal '67 al '70, passate alla storia per un particolare tratto distintivo che le accomuna: la violenza.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio

Adriano alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Critica
Pippo Russo
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Maggio

Impossibile dunque certo

Liverpool-Barcellona, o della certezza divina.
Calcio
Luigi Fattore
23 Gennaio

L’equivoco Higuain

Il deprezzamento del Pipita nella percezione calcistica collettiva segue quello sul piano economico. L'approdo al Chelsea come ultima spiaggia per tornare a sorridere.
Papelitos
Alberto Girardello
28 Dicembre

Il calcio naturale di Patrick Cutrone

L'Inter sbatte nella terza sconfitta consecutiva, in un derby deciso dal miglior fiore rossonero
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Calcio
Maurizio Fierro
6 Febbraio

La promessa di Bobby Charlton

Dalla tragedia alla gloria: gli storici decenni del Manchester United.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Storie
Massimiliano Vino
8 Gennaio

Unione Sportiva Milanese, il cuore a scacchi di Milano

L'Unione Sportiva Milanese, terza squadra di milano, alle radici dell'Ambrosiana.
Calcio
Federico Brasile
18 Marzo

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Calcio
Diego Mariottini
22 Settembre

Ronaldo, una storia semplice

44 anni di un uomo nato per giocare a pallone.
Calcio
Alberto Fabbri
12 Marzo

Dammi solo un minuto, un soffio di fiato, un attimo ancora

Ad Anfield ci siamo dimenticati di tutto il resto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

È questo il calcio che volete?

Se quello di ieri è football, meglio votarsi al tennis.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Calcio
Lorenzo Santucci
28 Novembre

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Ritratti
Jacopo Benefico
28 Marzo

Enzo Jannacci, l’arcimilanista

La storia rossonera di un artista a tutto tondo, capace di rappresentare una milanesità ormai perduta.
Papelitos
Federico Brasile
29 Novembre

Dove sono finiti quelli di Rangnick?

Il Milan comanda senza aver ceduto all'esterofilia.
Storie
Raffaele Cirillo
12 Dicembre

La nuova era di Sacchi e Berlusconi, a spese di Liedholm

Tra Arrigo Sacchi e Nils Liedholm, due allenatori agli antipodi, Berlusconi non poteva avere dubbi.
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Dicembre

Maledetto campionato

Quarto caffè al Bar Sport, offre Allegri. La Serie A è un campionato serio. Rectius: è tornato alla serietà. Sì, perché in Europa paiono essersi allineati i pianeti.