Carrello vuoto
Papelitos
8 Dicembre

Siamo periferia d’Europa

Federico Brasile

66 articoli
Mai così impotente e lontana del centro.

Ci spiace ripeterci per l’ennesima volta. Ribadire sempre e ancora i soliti concetti, quelli per cui appena si alza il livello in Europa ci sciogliamo come fiocchi di neve ai primi soli – non serve neanche che arrivi la primavera. E tutte le annose chiacchiere sugli stili di gioco lasciano spazio, inesorabilmente, a un sorriso amaro e disilluso di fronte all’abisso tecnico, caratteriale e di abitudine che ci separa dalle grandi europee. Lo abbiamo visto nella partita decisiva per il Milan, tra le squadre migliori squadre del nostro povero campionato: partita decisiva per i rossoneri e totalmente ininfluente per gli avversari, che non a caso si sono presentati con seconde e terze linee + Salah e Mané.

Il Milan, dicevamo, non poteva sperare in condizioni migliori: per carità le assenze ma i Reds a dir poco rimaneggiati, lo stadio pieno e tutta la carica di una squadra che aveva solo da guadagnare; di più, il vantaggio alla mezz’ora. Ebbene, tutto ciò non è bastato neanche lontanamente per impensierire un Liverpool in trasferta di piacere, talmente più forte in potenza (e in consapevolezza) da esserlo anche in atto. Si potrebbe sprecare inchiostro e analizzare aspetti specifici, tattici, tecnici, ma a che pro? L’evidenza, quella che resiste ferma malgrado l’oscillare delle interpretazioni, ieri si è manifestata in tutta la sua innocenza.

Così l’Inter, a cui non si poteva chiedere molto avendo già strappato il pass per gli ottavi e dovendo affrontare al Bernabeu un Real Madrid in ritrovata e grande forma; eppure, anche qui, ciò che impressiona è l’irreversibilità e la leggerezza della sconfitta. Un buon primo tempo, in cui i ragazzi di Simone Inzaghi hanno anche “fatto” la partita, ma poi un Real che vince da Real e un risultato che scorre via così naturalmente come fosse un copione già scritto: i nerazzurri perdono testa e partita, 1 handicap, ma davvero nessuno se la sentirebbe di rimproverarli, anzi.

Iscriviti al corso in giornalismo sportivo, e vieni a sentire le cose che nessuno vuole dire


Il punto è un altro: è il modo in cui ormai affrontiamo l’Europa dei grandi. Approcciamo i migliori palcoscenici come se le italiane fossero tutte l’Atalanta: squadre “inferiori” aggrappate alla sorpresa, che nella serata giusta possono mettere in difficoltà chiunque ma che se perdono – anzi quando perdono – vanno solo elogiate perché comunque non potevano fare di più. È un complesso di inferiorità, fondatissimo, che oggi ci rende periferia europea, mai così impotente e lontana dal centro. E allora, torniamo a ripetere, abbiamo la nausea quando sentiamo parlare del gioco come ricetta più o meno segreta per colmare il divario con i migliori: la verità è che, in confronto a questi, noi siamo deboli, fragili, indifesi, quasi ragazzini malgrado quelli più giovani poi spesso siano gli altri.

Parliamo di ordini di grandezza diversi, di galassie calcistiche differenti; facciamo pace con l’evidenza una volta per tutte. Perché siamo anche un po’ patetici a continuare con gli elogi alle nostre belle squadre, al nostro bel calcio, quando ogni anno il campionato italiano si impoverisce tecnicamente di più: la scorsa estate, come da tanti e più volte ripetuto, abbiamo perso i migliori giocatori tra Lukaku, Ronaldo, Hakimi. D’altronde sono i calciatori a fare la differenza, e lo abbiamo visto anche con la bravura di certi tecnici rivoluzionari in Italia – vedi Pioli – ma impossibilitati a ribaltare gerarchie scolpite nel marmo (e nei piedi) in Europa.

Oggi poi è già tempo di bilanci, e si inizia a dire che non bisogna disperare, tutt’altro: due italiane sono già tra le migliori 16, si spera tre con quella meravigliosa e irripetibile eccezione dell’Atalanta.

Ma cosa dovevamo pensare, che i campioni d’Italia si facessero sbattere fuori dallo Sheriff Tiraspol – con uno Shakhtar non pervenuto? O che la Juventus dovesse soccombere nell’inverno russo come Hitler e Napoleone? Se tuttavia l’Inter e la Juventus torneranno a casa agli ottavi, nessuno potrà davvero metterle dietro la lavagna, e con buone ragioni. In fondo tutti ormai abbiamo accettato la nostra inferiorità costituiva, tanto frustrante quanto innegabile, e irriducibile a triti e ritriti discorsi tattici sugli stili di gioco.

Nel frattempo i tifosi del Milan sono quasi sollevati, ben consapevoli di non poter competere in un torneo per cilindrate (di molto) superiori a quella rossonera. Quarto posto e niente competizioni europee: ah, che fortuna! Mentre a Porto se le sono date di santa ragione, tra risse e rossi, e a spuntarla è stato ancora una volta l’immortale Simeone, il Milan può tornare al sicuro e al calduccio – metaforico – del calcio nazionale. Senza più l’assillo dell’Europa che conta, come hanno insegnato nel 2020 i cugini nerazzurri, e con il Tricolore adesso bene alla portata. Ad maiora!

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre 2021

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Italia
Valerio Santori
2 Maggio 2021

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Estero
Marco Metelli
22 Marzo 2021

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Italia
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo 2021

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
Italia
Federico Brasile
18 Marzo 2021

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.