Carrello vuoto
Calcio
22 Febbraio

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.

Siamo piuttosto restii solitamente agli elogi. Preferiamo, più o meno a torto, critiche sistemiche, destinate a non estinguersi nell’arco di una giornata in cui una giocata risolutiva – o un errore compromettente – possono stabilire valori e gerarchie. Più in generale l’esaltazione del singolo mal si concilia con il nostro spirito, e spesso comporta una semplificazione che alimenta quella banalità del top player ridotta quasi a una sineddoche del gioco: un solo uomo per sintetizzare tutto.

 

Eppure questo discorso non vale, o vale solo in parte, per Romelu Lukaku e l’Inter: un caso di (reciproca) dipendenza che ad oggi risulta davvero unico.

 

Lukaku come sappiamo, dopo la telenovela che lo porta in maglia nerazzurra, sbarca a Milano come acquisto principe dell’estate di calciomercato 2019: un’operazione complessiva da circa 75 milioni di euro che, fin da subito, lo issa sul gradino più alto degli acquisti della Beneamata (squadra peraltro frequentemente incline alle spese folli). Non era però scontato che le prestazioni potessero rispettare il peso dei milioni e delle aspettative, tutt’altro.

 

Il sinistro che ha chiuso il derby della Madonnina di ieri. (Claudio Villa – Inter/Inter via Getty Images)

 

 

Il belga di origine congolese, d’altronde, alla corte del Manchester United aveva convinto e non convinto, dispensando certo sacrificio e fisicità ma mancando di iscriversi con continuità sul tabellino (42 gol in 96 presenze, non pochi ma neanche tanti); più in generale, al di là delle reti, non aveva mai dato mai l’impressione fino in fondo di essere un attaccante dal sicuro affidamento, soprattutto quando si alzava il livello fisico e tecnico. Per questo nel nord d’Inghilterra non si erano strappati i capelli al momento della sua cessione. Gary Neville, ex terzino, capitano e pluridecorato Red Devils alle dipendenze di Sir Alex, aveva affidato a Twitter un giudizio piuttosto tagliente:

 

“È sovrappeso, pesa più di 100 kg. Segnerà e farà anche bene a Milano magari, ma la mancanza di professionalità è contagiosa”.

 

Ora, è chiaro anche dalle ultime uscite che la fortuna di Gary Neville da calciatore non lo stia accompagnando anche da opinionista, eppure Neville non era l’unico nell’estate 2019 a sollevare dubbi sull’acquisto del giocatore belga. Se infatti nei cuori dei tifosi nerazzurri era ragionevole prevedere un rapido inserimento come erede della maglia numero 9, vituperata dagli eccessi e dalla mancanza di rispetto del capitano più contestato della storia interista, i 111 gol in quasi 190 partite (e i due titoli di capocannoniere della Serie A di Mauro Icardi), rappresentavano un’eredità tecnica ben più onerosa.

 

 

Un fardello statistico decisamente più ingombrante dei chili in eccesso portati da Manchester, ma agevolmente alleggerito dallo sponsor più importante trovato ad attenderlo alla Pinetina. Perché nell’eterna diatriba tra gli aspetti positivi e negativi della gestione di Antonio Conte da tecnico nerazzurro, aver fatto definitivamente fiorire il talento di Romelu Lukaku è stata la conquista più evidente del tecnico salentino.

 

Inter Conte Lukaku Derby
Antonio Conte e Romelu Lukaku, una sintonia perfetta. (Claudio Villa – Inter/Inter via Getty Images)

 

 

L’attaccante belga è stato posto al centro del neonato villaggio nerazzurro con l’onore, e l’onere, di custodirne le chiavi di accesso. Un’assunzione di responsabilità accettata con l’entusiasmo dei trascinatori da parte di Lukaku, che in questo anno e mezzo ha ripagato la fiducia, incontestata, con una crescita davvero impressionante. Di base, con quel fisico straripante donatogli da Madre Natura e scolpito negli anni di Premier League, Lukaku partiva in una Serie A dal livello non entusiasmante già con un bel vantaggio.

 

 

Eppure se la sarebbe dovuta vedere con l’attenzione tattica tutta italiana, presente nel nostro campionato ben più che in quella NBA del calcio chiamata Premier. Di qui la necessaria crescita tecnica e soprattutto tattica, forgiata in quel sodalizio con Antonio Conte che è diventata una vera e propria storia di amore professionale. Il credo tattico dell’allenatore leccese sembra cucito da sempre sulle spalle enormi del belga, che ha saputo a sua volta alimentarsi con la sintonia trovata con la squadra tutta.

 

“All’Inter è il secondo anno e io voglio solo aiutare la squadra. Sono contento di giocare con questi ragazzi perchè mi hanno fatto crescere tantissimo. Nell’ultimo anno e mezzo ho giocato il calcio migliore della mia carriera ma è merito dei compagni di squadra”.

 

Una squadra che, oltre alle benevoli dichiarazioni, ha lui stesso aiutato a rivalutare. Grazie a Lukaku sono sbocciate le qualità di Lautaro Martinez, che non a caso si è affermato proprio lo scorso anno cambiando il proprio status da eterna promessa a solida realtà. Il 9 catalizza il gioco, addomestica i palloni, attira gli avversari, al 10 il compito di sprintare tra gli spazi, concludere verso la porta, sacrificarsi infliggendo la prima asfissia alla costruzione avversaria. La LuLa si è quindi affermata come una delle coppie migliori dello scorso campionato, e questa stagione ha segnato il primato bussando a tutta Europa: qui, con 30 gol e 17 assist, guarda dal basso solo Lewandowski e Müller (35 gol in Baviera)

 

Inter Lukaku Lautaro Derby
Seconda le statistiche OPTA, la LuLa è la coppia migliore d’Europa per intesa: Lukaku e Lautaro si sono scambiati per 6 volte gli assist in questa stagione, nessuno ha fatto come loro. (Marco Luzzani/Getty Images)

 

 

Delle spalle larghe del gigante di Anversa ha beneficiato anche Nicolò Barella, la cui crescita straripante ha trovato sfogo offensivo proprio nei rimorchi costanti offerti al numero 9. Gli scarichi precisi e il dinamismo del giocatore sardo si combinano in transizioni spesso letali per gli avversari, e permettono alla squadra nerazzurra di ribaltare il fronte sfruttando trasformando le uscite difensive in potenziali occasioni da gol.

 

 

Ma è la crescita mentale di Lukaku quella che impressiona più di tutte. Responsabilizzato da un ruolo di primus inter pares, e martellato da un allenatore ossessionato da carattere, grinta e “cattiveria”, il belga ha saputo vestire i panni di trascinatore e finalmente si è assunto pesanti responsabilità. Lukaku è diventato un riferimento costante per i compagni con consigli sempre costruttivi (cosa inimmaginabile per il giocatore di Manchester, tanto timido quanto autocentrato) e rappresenta ormai la propaggine di Antonio Conte in campo, che sull’attaccante ha fatto certamente un enorme lavoro tattico e tecnico, ma soprattutto caratteriale.

 

I due, distanti una cinquantina di metri, sembra che parlino una lingua tutta loro. Un filo diretto costante e non sempre uniforme, se è vero che più volte Lukaku ha discusso visibilmente con Conte per le differenti interpretazioni della partita.

 

Confronti, mai scontri, accettati di buon grado da entrambi con un unico obiettivo: migliorarsi per vincere.

 

Ecco che allora il calciatore sembra addirittura migliorare lo stesso allenatore, mantenendone i caratteri peculiari ma smussandone la sicumera estenuante: da questo punto di vista Lukaku è il miglior contraltare possibile di Conte, e riesce a compensare le troppe parole del tecnico con l’atteggiamento mite, ma orgoglioso, dei lavoratori silenziosi abituati a parlare con il risultato del loro impegno. Anche per questo è una sponda da non sottovalutare per l’allenatore leccese: se il 9 fosse stato “protagonista” come lui, il tandem sarebbe risultato indigesto (a dir poco) a mezza Italia.

 

Inter Lukaku Derby
La leadership di Lukaku è per la prima volta, all’Inter, naturale e riconosciuta da tutti i compagni di squadra. (Emilio Andreoli – Inter/Inter via Getty Images)

 

 

Malgrado tutto, Lukaku ha però incassato critiche anche in questa stagione straripante. Ci si è appellati alla sua scarsa efficacia negli incontri decisivi, discorso che però non vale per il derby: da quando è in Italia l’attaccante ha sempre timbrato il cartellino nella stracittadina milanese, e il quinto derby consecutivo a segno rappresenta un record assoluto. Certo contro altre blasonate avversarie, Juventus su tutte, è rimasto a secco più di una volta; ma questo, in un simile percorso di crescita, sembra oggi quasi un appunto di principio.

 

Nel frattempo Lukaku, ambizioso e lavoratore in questo sì proprio come Conte, sembra ignorare le critiche fissando obiettivi più ambiziosi.

 

A 27 anni ha superato i 300 gol in carriera (in perfetto ruolino di marcia Cristiano Ronaldo, per citarne uno) e quest’anno sta trascinando la squadra con 17 gol e 5 assist in 22 presenze di Serie A. Quando ha accolto la corte nerazzurra d’altronde aveva l’obiettivo di far tornare grande l’Inter, e personalmente di diventare l’uomo su cui fare affidamento, in grado di portare alla squadra tutta un salto di qualità. Vedendo il risultato capirete perché di solito non amiamo parlare dei singoli, ma in questo caso abbiamo ritenuto di fare un’eccezione. Perché, fuor di retorica, se i nerazzurri sembrano pronti per tornare a vincere lo devono anche ad un uomo solo (un ossimoro, direbbero i letterati): alle spalle possenti, e ai piedi, di un ormai trasformato Romelu Lukaku.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Tifo
Jacopo Benefico
20 Marzo 2022

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Tifo
Jacopo Benefico
9 Febbraio 2022

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Tifo
Jacopo Benefico
1 Febbraio 2022

Trainspotting

Il derby di Edimburgo: Hearts v Hibernian.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Settembre 2021

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre 2021

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?