Carrello vuoto
Gianluigi Sottile
24 Maggio

Sami Khedira fuori dagli schemi

Gianluigi Sottile

11 articoli
Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.

Uno degli aspetti più affascinanti del calcio è la sua strutturale assenza di elementi oggettivi. È soggettiva la bellezza di un gesto tecnico, l’efficienza dei vari sistemi di gioco, in alcuni casi persino il regolamento. Per questo è possibile che due persone abbiano visioni completamente opposte sulla disciplina – e, in un certo senso, potrebbero entrambe avere ragione. In un simile e contraddittorio contesto, il dibattito degli ultimi anni ha introdotto al grande pubblico il tema della tattica, strumento con cui gli allenatori cercano di ridurre al minimo la casualità interna alle partite. E sulla scia dell’arcinota diatriba Allegri-Adani siamo arrivati all’ennesima domanda atavica: La tattica è sopravvalutata?. Risponde Sami Khedira per The Athletic:

Sì, visto che comunque l’analisi tattica avanzata è una routine nei club d’élite. Però la differenza la fanno gli allenatori che ottengono il consenso assoluto dai propri giocatori e hanno un senso di ciò che serve sul campo, oltre le formazioni e cose del genere”.

In un certo senso, questa risposta è paradossale. Lo è pensando a Khedira come a quel centrocampista ordinato e un po’ monotono che abbiamo conosciuto nei cinque anni alla Juventus, titolare per stagioni intere ma molto spesso criticato dai tifosi. Tutte le qualità migliori che ricordiamo del Khedira calciatore hanno un certo legame con l’analisi tattica: dalle letture difensive al posizionamento senza palla, passando per la capacità d’inserimento in area di rigore. Lui invece afferma che la strategia studiata a tavolino, in fondo, non è così importante. Un paradosso, come quelli che spesso si pongono di fronte alle persone che si fanno delle domande e non si accontentano delle risposte più facili.


Sami Khedira a 17 anni deve dare una risposta difficile. Prima di allora ha trascorso metà della sua vita da tesserato dello Stoccarda, dopo aver scoperto il calcio in una vacanza in Tunisia, il Paese di suo padre. Neanche diciottenne, dicevamo, rimedia un brutto infortunio al ginocchio, e i dottori gli dicono chiaramente che potrebbe non recuperare mai più la forza nelle gambe richiesta ai calciatori professionisti. Per questo è costretto ad affrontare due interventi al ginocchio destro nell’arco di pochi mesi.

«Se fosse stata necessaria un’altra operazione mi sarei arreso, non era facile dover fare riabilitazione mentre tutti gli altri erano in campo”.

La sofferenza lo tempra, tanto che a vent’anni è un titolare dello Stoccarda campione di Germania nel 2007 (essendo, tra l’altro, autore del gol decisivo per la vittoria all’ultima giornata che assegna il titolo agli Schwaben). Il resto della sua carriera è un continuo susseguirsi di successi: campione d’Europa under-21 e del mondo con la Germania, campione di Spagna e d’Europa col Real Madrid, cinque volte campione d’Italia con la Juventus. Fino al presente attualissimo, quello di pochi giorni fa, che lo porta ad annunciare il ritiro dal calcio giocato. D’altronde le ultime stagioni sono state difficili, condizionate da una serie infinita di infortuni oltre che dal contesto decadente della Juve di Sarri prima e Pirlo poi. Per un corpo tormentato come il suo, praticamente dall’adolescenza in poi, l’addio al calcio a 34 anni è stata una scelta quasi obbligata.

Per un calciatore in fondo il corpo è la base fondamentale su cui fondare tutto il resto. Khedira ha dovuto rifondare questa base più e più volte, soprattutto negli anni di Madrid, in cui ha affrontato l’infortunio più grave della sua travagliata carriera. Una rottura del legamento crociato del ginocchio destro, lo stesso già operato due volte, rimediata per giunta a novembre 2013, a meno di sette mesi dal Mondiale in Brasile. Egli però ha fatto in tempo a rientrare non solo per la spedizione tedesca in Sudamerica – dove ha segnato il quinto dei sette gol del Mineirazo – ma anche per la finale di Champions League del 2014, quella della Décima del Real.

In quel celebre 1-7, Khedira contribuì a umiliare il Brasile a casa propria. Qui a contatto con Bernard, in una metafora della sproporzione di quella partita.

Seneca diceva che la vita non è aspettare che passino le tempeste, ma imparare a ballare sotto la pioggia. Ecco, per quanto un simile concetto possa reggere nello sport, Khedira ha costruito una carriera sotto la pioggia. La sua è una mentalità tutta tedesca, cinica per certi versi, ma sempre estremamente lucida. «Dover affrontare momenti difficili fa parte di questo lavoro», parole sue dodici mesi dopo l’infortunio. «Avevo un obiettivo davanti a me, il Mondiale, e mi è stato mostrato un percorso chiaro per raggiungerlo». Molto semplice. verrebbe da dire citando un suo ex allenatore in bianconero.

“A 28 anni avevo due scelte: rinnovare e finire la carriera a Madrid o cercare una nuova sfida. Volevo qualcosa di diverso. Ho ricevuto la chiamata della Juventus, che stava ritrovando l’aura del passato. Per me era un nuovo Paese, una nuova cultura, una nuova lingua. E ho capito che potevo avere il ruolo che volevo: avere maggiori responsabilità, compiti da leader”

Alle parole sono seguiti i fatti: Khedira a Torino è diventato uno dei perni del ciclo di Allegri, reinventandosi nello spogliatoio e sul terreno di gioco, da incontrista a incursore. E col senno di poi possiamo dire che la Juventus avrebbe dovuto puntare di più sullo spessore di uomini come Khedira, negli stessi anni in cui cercava il salto di qualità affidandosi ai soli Douglas Costa, Cristiano Ronaldo e de Ligt. Khedira ha saputo portare ciò che serve oltre le formazioni in ambienti e spogliatoi impegnativi come quelli di Madrid e Torino, spesso non venendo capito fino in fondo neanche dai suoi stessi tifosi (tanto in campo quanto fuori).

«Alla Juventus mi sembra di essere in Germania. Tutto viene gestito con precisione e puntualità (…) a Torino si è più vicini alla mentalità tedesca. Sono tutti molto puntuali, lavoratori, nonostante questo (…) di tanto in tanto, si trova il tempo per stare con la famiglia e bere un buon vino rosso».

Sami Khedira

Anche perché, quando si fa riferimento alle qualità umane dei calciatori, di solito si parla di grinta, determinazione, impegno – come se in qualche modo tutti dovessero combattere per riscattare qualcosa. Khedira non ha mai trasmesso immediatamente queste caratteristiche, ma ha rappresentato il modo di amare la disciplina di chi il calcio lo ha scelto per pura passione, senza caricarlo di troppi significati etici e morali.

“Di base, non lo faccio per i miei compagni o per la mia famiglia. Lo faccio per me stesso”.

Sami Khedira

Un professionista che sicuramente non accende gli entusiasmi delle folle, ma un calciatore dotato di un’intelligenza superiore, per citare lo stesso Allegri, proprio perché dietro al giocatore c’è sempre l’uomo. E infatti Sami Khedira è uno dei pochi che, quando parla, dice sempre qualcosa, esprimendo pensieri e valutazioni personali e non ripetendo semplicemente frasi di circostanza o formule di rito. Amante per sua stessa ammissione dell’agonismo, all’occorrenza delle partite brutte sporche e cattive, ha dichiarato che il VAR, usato come viene usato, uccide il calcio. Ma astraendo dal campo, da figlio di padre tunisino e madre tedesca, si è espresso anche su un tema delicato come la convivenza tra culture:

«Papà all’inizio era percepito e si sentiva diverso, però ha imparato il tedesco presto e bene, ha analizzato e soprattutto accettato la cultura e le tradizioni della Germania. Non ha detto: sono musulmano e non mi adeguo. Ha dato e quindi ricevuto rispetto. Quando si parla di integrazione, il punto fondamentale è sapere accettare e adeguarsi alla mentalità e alle regole del paese che ci ospita, non ostinarsi a volerle cambiare».

Sami Khedira in un’intervista alla Bild

E ancora: «alla fine, la convivenza è sempre un compromesso». In medio stat virtus, avrebbero detto gli antichi. Concetti anche semplici, se vogliamo banali, ma ossigeno puro in un mondo che giorno dopo giorno sta diventando sempre più conformista e omologato (al ribasso). In questo mondo Khedira ha dimostrato che si può vincere essendo sé stessi, risultando decisivi grazie a virtù – sia in campo che fuori – ben poco appariscenti.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Lorenzo Fabiano
19 Giugno

Le rivoluzioni non si fanno a Torino

I bianconeri sono voce di palazzo, non urla di piazza.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Febbraio

Nulla è perduto

Un Napoli tirato a lucido si perde in pragmatismo nella notte del Bernabeu. Ma i conti sono aperti.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
19 Marzo

Le lacrime di Robinho

Il chicco di grano che non diede frutto.
Calcio
Lorenzo Santucci
28 Maggio

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Papelitos
Leonardo Aresi
20 Aprile

Letteratura Camp Nou

Come gli antieroi bianconeri hanno partecipato alla canzone blaugrana.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Calcio
Maurizio Fierro
16 Aprile

L’Ajax come eterno ritorno

L'Ajax è il romanzo della sfrontatezza che ciclicamente si ripete, di capitolo in capitolo: da Cruijff a De Jong, da Hulshoff a De Ligt, ma anche da Overmars a Neres e da Rinus Michels a Eric Ten Hag.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Agosto

Il caso De Ligt tra chiacchiera ed equivoco

Il calciatore moderno deve sempre dire la sua.
Recensioni
La Redazione
7 Febbraio

La morte di Scirea nella voce di Ciotti

Il commovente annuncio in diretta televisiva.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Calcio
Graziano Missud
26 Aprile

Danke Philipp

Lahm è un tedesco atipico. Eppure, nessuno è stato più tedesco di lui.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio

Adriano alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
28 Agosto

Moriremo di VAR

La Serie A è ripartita e le polemiche, malgrado la tecnologia in campo, non si sono ridotte (anzi).
Papelitos
Federico Brasile
2 Novembre

La copertina va alla Roma

Torna la miglior espressione del Bar Sport, in cui raccontiamo a modo nostro le notti europee delle italiane.
Storie
Diego Mariottini
16 Gennaio

Prima dell’Heysel

A inizio 1985 Juventus e Liverpool, nella neve di Torino, si sfidarono per la Supercoppa europea: circa quattro mesi dopo ci sarebbe stato il duello ben più noto, nella tragedia dell'Heysel.
Papelitos
Federico Brasile
29 Marzo

La Juventus fa da esempio

I giocatori bianconeri hanno deciso di tagliarsi lo stipendio.
Altro
Giacomo Cunial
8 Agosto

Valentino, artista eterno

Valentino Rossi non si è ritirato e non si ritirerà mai, semplicemente perché non ci si può ritirare da sé stessi.
Calcio
Mattia Curmà
19 Luglio

Spagna, la cantera d’Europa

Dalla strada al tetto del Mondo.
Calcio
Diego Mariottini
29 Maggio

Heysel, le voci di una strage

Trentacinque anni fa una delle più grandi tragedie del calcio italiano ed europeo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Febbraio

La forza del Tottenham

Gli Spurs dominano (e domano) la Vecchia Signora. Nella sua casa.
Ritratti
Sabato Del Pozzo
26 Maggio

Osvaldo, una vita da Rockstar

La carriera Rock & Roll di un talento incompreso.
Storie
Niccolò Maria de Vincenti
30 Maggio

Corea e Giappone 2002

Pentacampeões.
Editoriali
Andrea Antonioli
3 Maggio

Hasta el Cholo siempre

Apologia del cholismo, dopo la nottata più difficile.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Aprile

Andreazzoli e i pochi ma buoni

La sala stampa deserta per le parole di Andreazzoli denota mancanza di professionaità, maleducazione, superficialità: scegliete voi cosa mettere prima.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
3 Novembre

La Juventus è tornata squadra

Il ritiro ha fatto bene ai bianconeri.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
20 Luglio

Sarri alla Juventus è un problema estetico

Ogni aspetto del matrimonio tra Madama e il toscano è un fallimento.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre

Intervista malata a The TED inside

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Michelangelo Freda
27 Novembre

Supercoppa Italiana, un’ipocrisia nazionale

Dai segni rossi sul viso alla finale di Supercoppa in Arabia Saudita la strada è breve.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
24 Ottobre

Di Maria, ultimo tango a Parigi

La corsa contro il tempo di Ángel Di Maria.
Papelitos
Lorenzo Ottone
4 Luglio

L’insostenibile inutilità del derby di Torino

La fine delle rivalità attraverso la stracittadina all'ombra della Mole.
Ritratti
Maurizio Fierro
17 Gennaio

Giovanni Borghi, cuore e testa di Varese

Il Presidentissimo, simbolo di un'altro calcio e di un'altra imprenditoria.
Ritratti
Giacomo Amorati
15 Novembre

Dirk Nowitzki dalle tribù germaniche

Con il sangue di Arminio nelle vene.
Ritratti
Mattia Curmà
9 Ottobre

Mesut Özil, contraddire il talento

Gli assist in campo, gli autogol nella vita.
Calcio
Gennaro Malgieri
14 Dicembre

Davide contro Golia

Tra Napoli e Madrid si combatterà una battaglia che ricorda quella di Salamina (480 a.C.), tramandataci nella sua epicità dolorosa e gloriosa da Eschilo nella tragedia "I Persiani".
Ritratti
Alberto Fabbri
1 Marzo

Giuseppe Meazza, il divo dai piedi d’oro

Alla scoperta di Peppìn, icona nerazzurra e monumento del calcio nazionale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Giugno

La virtù dei vinti

E la paura dei vincitori.
Calcio
Luca Giorgi
1 Settembre

Passaggio di consegne

La caduta del Barcellona e l'ascesa del Real Madrid.
Critica
Pippo Russo
2 Ottobre

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Agosto

Senza CR7 e Neymar non è circo

Nei Paesi privi di cultura calcistica conta più il singolo della squadra, in una deriva individualista che sta spolpando il calcio.
Calcio
Lorenzo Santucci
4 Maggio

5 maggio

La Waterloo nerazzurra.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Papelitos
Umberto De Marchi
5 Luglio

Buffon e la schiavitù dei record

La triste parabola di un ossessionato Gianluigi Buffon.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
7 Agosto

Il miracolo di Gordon Banks, ep. I

Intervista al miglior portiere della storia d'Inghilterra, parte I.