Carrello vuoto
Altro
3 Giugno

L’ecuadoriano in rosa

Luca Pulsoni

80 articoli
Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.

Tulcàn, provincia di Carchi, Ecuador. Il sole albeggia ai piedi delle Ande al confine con la Colombia. Plaza Central è un tripudio di vessilli tricolor in cui fa capolino qualche sprazzo di rosa qua e là. Alle 6.00 in punto si alternano preghiere, sogni, speranze. Alle 8.00 la piazza è sold out, vestita a festa come il 24 maggio, giorno dell’anniversario della Battaglia del Pinchincha del 1822 che consegnò l’indipendenza dalla Spagna. Alle 9.46 a Verona, dall’altra parte del mondo, Richard Carapaz sta per iniziare l’inseguimento al sogno di una nazione intera. L’Ecuador è paese giovane in una terra antica. Deve il suo nome alla linea equatoriale che lo attraversa da est a ovest e che accarezza la capitale Quito. Da più di una settimana tutti i suoi abitanti si sono fermati dinanzi alle imprese di Carapaz, nativo di Tulcan, El Carmelo, città situata a 2.947 metri sul livello del mare. Il piccolo scalatore della Movistar, che in molti hanno già paragonato per stile e caratteristiche al Diablo Claudio Chiappucci, veste la Maglia Rosa da più di sette giorni ed è in procinto di portare al termine un’impresa impensabile.

 

Alla vigilia del Giro d’Italia numero 102, i favori dei pronostici erano tutti per Vincenzo Nibali e Primoz Roglic, aspettative alimentate dal ritiro di Tom Dumoulin nella prima settimana di gara; forfait di lusso che fa il pari con quello di Egan Bernal, fuori dai giochi a causa di una caduta in allenamento. Dopo i primi dieci giorni di freddo, pioggia e sprint a ranghi compatti, è sulle Alpi Occidentali che Carapaz ha spiegato le ali dando inizio al suo volo verso l’Olimpo del ciclismo. Sul Col de Nivolet ha approfittato furbescamente dell’esasperato tatticismo di Nibali e Roglic, il giorno seguente è scattato sul Colle San Carlo prendendosi tappa e maglia a Courmayeur. Un attacco che ha lasciato di sasso i maggiori pretendenti al Giro, che nulla hanno potuto dinanzi alla progressione vincente del corridore esploso durante la Corsa Rosa dello scorso anno.

 

Con un popolo alle spalle

 

Ma chi è Carapaz? Classe 1993, ha iniziato a correre giovanissimo prima in Ecuador e successivamente in Colombia, dove si è imposto nella prestigiosa Vuelta de la Juventud de Colombia finendo sui taccuini di molte squadre professionistiche europee. Nel 2017 arriva l’ingaggio da parte della formazione spagnola della Movistar, la stessa del campione del mondo Alejandro Valverde e del colombiano Nairo Quintana, primo sudamericano a vincere il Giro nel 2014. Carapaz partecipa alla Vuelta a España chiudendo a quasi un’ora dal vincitore Chris Froome. Nulla di eccezionale ma quello che emerge è la predisposizione al recupero fisico nell’arco delle tre settimane di corsa. Conferme che arrivano al Giro dello scorso anno quando, con un’altra progressione micidiale, si impone nella tappa con arrivo in salita a Montevergine di Mercogliano. Convocato per accumulare esperienza, Richard chiude al quarto posto in classifica generale ed arriva secondo nella speciale graduatoria per la maglia bianca di miglior giovane under 25 conquistata dall’amico e rivale Miguel Angel Lopez.

 

Dopo una Vuelta corsa soprattutto in appoggio al futuro iridato Valverde, nella stagione in corso l’ecuadoriano prende parte al Giro come seconda punta alle spalle di Mikel Landa, già sul podio nel 2015. Le non perfette condizioni del corridore basco portano Carapaz alla conquista della leadership interna in casa Movistar, legittimata con la Maglia Rosa dopo l’impresa valdostana. Dal successo di Courmayeur, la tattica di Carapaz e dei Movistar passa sulla difensiva addormentando la corsa e approfittando della grande qualità a disposizione in montagna con Andrey Amador (costaricense già quarto al Giro nel 2015) e Antonio Pedrero su tutti. Anche Landa diventa uomo prezioso a protezione del primato, complice un ritrovato colpo di pedale che lo ha portato a scalare la classifica sino ai piedi del podio. Dopo la durissima tappa di sabato scorso da Feltre al Monte Avena, con Manghen, Rolle e Croce d’Aune nel mezzo, Carapaz ha ipotecato il successo in rosa resistendo agli attacchi di Vincenzo Nibali e Miguel Angel Lopez.

 

Un trionfo

 

Alle 9.46, le 16.46 in Italia, Carapaz prende il via dell’ultima tappa del Giro, la cronometro di 17 km sul circuito delle Torricelle di Verona. Il successo finale va allo statunitense Chad Haga, alla prima vittoria dopo il drammatico incidente stradale in allenamento di due anni e mezzo fa che stava per costargli la carriera. L’ecuadoriano in rosa, dal fisico esile tutt’altro che cronoman, ha gestito il tesoretto accumulato in montagna conservando il primato e suggellando un successo che ha mandato in visibilio la sua gente.

 

Dopo aver tagliato la linea del traguardo, arriva l’ovazione da parte dell’Arena di Verona che ribolle di entusiasmo e passione. Carapaz si accascia sulla bicicletta e scoppia in un pianto interminabile. Sembra sussurrare qualche parola interrotta dai singhiozzi. Terminato il momento di intimità con la fidata bicicletta alza lo sguardo verso le pietre dell’Arena. Un sorriso appena abbozzato, gli occhi ancora coperti dalla visiera del casco super aerodinamico. Alza un braccio al cielo stringendo un pugno che racchiude rabbia ed un pizzico di incredulità. Non appena riabbassa lo sguardo, torna a scrutare il rosa addosso. E’ tutto vero. Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Altri Sport
Luca Pulsoni
6 Maggio 2022

A nessuno piace più il Giro d’Italia

Parte da Budapest la corsa più povera degli ultimi anni.
Cultura
Giovanni Guido
21 Aprile 2022

Paolo Conte, di musica e bicicletta

Un viaggio in un mondo antico, anche sportivo.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Altro
Luca Pulsoni
14 Marzo 2022

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo

E nessuno si fila più il Giro d'Italia.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Altro
Luca Pulsoni
16 Agosto 2021

Elogio dell’arte di Gimondi

Un ciclista immortale, per sempre scolpito nella leggenda.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio 2021

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio 2021

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Cultura
Andrea Muratore
22 Luglio 2021

Montanelli al Giro, un affresco d’Italia

Vent'anni fa ci lasciava un grande giornalista italiano.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio 2021

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio 2021

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Ritratti
Gabriele Fredianelli
4 Luglio 2021

Aldo Montano, la scherma nel sangue

Cinque olimpiadi e non sentirle.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Giugno 2021

La sofferenza aiuta a crescere

La vittoria mette a tacere inutili polemiche, almeno per ora.
Italia
Raffaele Scarpellini
23 Giugno 2021

Dal Pescara alla Nazionale

Immobile, Insigne e Verratti: da Zeman a Mancini.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno 2021

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Papelitos
Luca Pulsoni
17 Giugno 2021

Governare l’entusiasmo

Non soffiare sul fuoco, ma nemmeno spegnerlo.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Altro
Alessio Nannini
18 Aprile 2021

Quell’imbroglione di Lance Armstrong

La caduta in disgrazia di un mito moderno.