Carrello vuoto
Papelitos
22 Giugno

Lewis Hamilton vuole abbattere le statue

Giacomo Cunial

42 articoli
Ma nelle sue posizioni estreme c'è qualcosa che non torna.

Come tutti ben sappiamo, l’omicidio dell’afroamericano George Floyd è stato l’innesco di una polveriera di proteste antirazziste negli Stati Uniti d’America che, attraverso i social network, si è riversata anche in Europa e in particolare nel Regno Unito. Black Lives Matter, movimento attivista nato nel 2013 in USA, e gli stessi movimenti “antifa” americani rivendicano la paternità delle manifestazioni, ormai fenomeno globale.

 

 

Attraverso la leva della questione razziale – mai lontanamente risolta oltreoceano nemmeno durante l’amministrazione di Barack Obama – ha preso piede una pericolosa e non ben definita furia iconoclasta. Come afferma il noto accademico Alessandro Barbero in una recente intervista a ilforo.eu:

 

“Fare l’inventario delle statue e abbattere quelle dedicate a personaggi storici non perfetti e non in linea con i valori moderni è un’idiozia ed è una forma di vergognoso e arrogante imperialismo culturale verso gli abitanti di quel luogo diverso che è il passato.”

 

Ma ecco che, a favore di queste libere e variegate manifestazioni di dissenso, non si è fatto attendere il sostegno degli influencer alla ricerca della posizione politica “corretta”, spesso un puro posizionamento di marketing. È la comunicazione moderna, bellezza, degna de “La Société du Spetacle” di Guy Debord. Ma c’è in questa storia un influencer che è ben più influencer di altri: stiamo parlando di Lewis Hamilton, sei volte campione del mondo di Formula 1.

 

 

L’inglese appartiene di diritto alla Hall of Fame delle quattro ruote, quella ristrettissima èlite costituita dai piloti più importanti della storia del motorsport. Talento sopraffino, capace di annientare Fernando Alonso al debutto nella specialità e di battere tutti i campionissimi che ha incontrato nel suo percorso: da Kimi Raikkonen a Sebastian Vettel, passando da Robert Kubica e lo stesso Schumacher (gli manca un solo titolo iridato per raggiungere proprio Kaiser Michael). È a tutti gli effetti il Re moderno della specialità, il Michael Jordan della Formula 1, ispirazione per tutti gli appassionati e aspiranti piloti.

 

Lewis Hamilton Black lives matter
Lewis Hamilton la scorsa domenica tra i manifestanti londinesi di Black Lives Matter con il pugno al cielo

 

 

Hamilton negli ultimi giorni ha più volte appoggiato pubblicamente il movimento Black Lives Matter, dicendosi favorevole all’abbattimento di ogni statua, tra cui quella di Edward Colston, ed ogni genere di monumento che rappresenti qualcuno che in vita si sia macchiato di razzismo. In Inghilterra, tra i nemici ideologici da abbattere, spicca anche il nome di Winston Churchill.

 

 

D’altronde il pilota inglese può contare su un’enorme (e meritata) visibilità per educare i propri seguaci, anche sulle posizioni politiche “più corrette” da prendere. Se è vero come dice Alex Kalinauckas di Autosport che “Lewis Hamilton è semplicemente un fantastico leader e grazie al suo successo comanda un enorme pubblico di milioni di fan” è vero anche che il peso delle sue parole è gigantesco, a maggior ragione su un tema così delicato.

 

 

Non stiamo parlando infatti solo della sacrosanta battaglia al razzismo e alle discriminazioni: si tratta invece, in questo caso, di sposare una linea “estrema” che pretende di cancellare la storia, e ancor prima di piegarla alle categorie interpretative del presente. Difficile comprendere una posizione così decisa, anche a fronte di disordini di strada spesso tremendamente violenti: ed è anche complicato capire a fondo i motivi per cui abbattere monumenti storici possa essere un passo utile per il “miglioramento del mondo”. Semmai esistano, è chiaro.

 

Hamilton per anni è stato sponsorizzato dal marchio Hugo Boss, che deve il suo successo esclusivamente ai rapporti con il nazismo: Hugo Ferdinand Boss, nazionalsocialista consacrato, secondo la logica dei dimostranti dovrebbe però essere rimosso dalla storia della moda (e non solo).

 

 

Anche perché, se si porta all’estremo il processo alla storia, lo stesso Lewis finirebbe per non potersi sedere nella sua Mercedes W11, dato che la Casa della Stella ha un passato scomodo. Nelle officine naziste sono girati molti progetti Mercedes, come quel W07/W150 da cui nacque l’auto preferita da Adolf Hitler, la 770, modello che divenne il riferimento per sovrani e capi di Stato dell’epoca, come l’imperatore Guglielmo II o l’imperatore Hirohito del Giappone che ne acquistò sette esemplari (l’auto personale del Fuhrer è andata all’asta nel 2018).

 

 

Dovrebbe andare dal suo biondo ex-compagno di squadra Nico Rosberg e contestargli il titolo mondiale, vinto con il nome W07. Ma soprattutto dovrebbe rinnegare – data la sua passione per la moda e lo stile d’abbigliamento – lo sponsor a cui è stato legato per anni, Hugo Boss, azienda tessile nata nel 1923, rifondata dal Partito Nazista dopo la bancarotta e successivamente divenuta fornitore ufficiale delle divise delle SA, delle SS e della Hitlerjugend (la gioventù hitleriana). Anche perché, al di là delle sorti dell’azienda e dell’appoggio nazionalsocialista, il rapporto con il regime non era semplicemente utilitaristico.

 

Hugo Ferdinand Boss era infatti un nazista conclamato, addirittura condannato per aver usato schiavi nel processo di produzione durante la seconda guerra mondiale.

 

Insomma, per ribadire il concetto espresso dallo storico Alessandro Barbero, mettere in mano alla politica questo folle revisionismo storico è un enorme errore che può fare solo danni; figuriamoci se lo mettessimo in mano agli influencer. Il Re nero Lewis Hamilton è giusto che continui a scrivere la storia a suo modo ma, a nostro modo di vedere, sorpassando all’esterno questa pericolosa deriva ideologica.

 

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
16 Giugno 2022

Pure Wenger è diventato razzista

Le parole su Mbappé diventate un caso (perso).
Papelitos
La Redazione
6 Marzo 2022

Nikita Mazepin, licenziato perché russo

Il neo-maccartismo continua spedito.
Motori
Giacomo Cunial
24 Febbraio 2022

Non è un paese per piloti

l'Italia è rimasta indietro anche nel motorsport.
Motori
Luca Pulsoni
12 Dicembre 2021

È andata come volevamo

Max Verstappen è campione del mondo dopo una stagione rocambolesca.
Motori
Giacomo Cunial
22 Novembre 2021

Max Verstappen è uno di noi

Il pilota fuori dal coro che stavamo aspettando.
Motori
Giacomo Cunial
13 Novembre 2021

Una Formula 1 inclusiva, ecologica e saudita

Dagli USA all'Arabia Saudita il passo è breve.
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Motori
Giacomo Cunial
30 Agosto 2021

Formula 1 Horror Show

Il Gran Premio di SPA 2021 ha sancito il punto più basso nella storia della Formula 1.
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Motori
Luca Pulsoni
21 Luglio 2021

C’è vita in Formula 1

Tra Hamilton e Verstappen volano gli stracci dopo l’incidente di Silverstone
Motori
Luca Pulsoni
28 Giugno 2021

Date una macchina a Leclerc

Il monegasco è l’unica certezza per il futuro della Ferrari.
Editoriali
Andrea Antonioli
24 Giugno 2021

Che stanchezza il calcio arcobaleno

Kneeling, rainbows and conformism.
Motori
Antonio Torrisi
22 Giugno 2021

Sebastian Vettel, uno stoico in Formula 1

Un pilota con un preciso centro di gravità permanente.
Motori
Giacomo Cunial
8 Giugno 2021

Bernie Ecclestone, il Napoleone della Formula 1

Un uomo che ha segnato un'epoca.
Papelitos
Andrea Antonioli
6 Giugno 2021

Facciamo schifo, ma per davvero

La vicenda di Seid Visin ha tirato fuori il peggio di noi.
Motori
Luca Pulsoni
26 Maggio 2021

Verstappen è il rivale perfetto per Hamilton

Finalmente in Formula 1 c'è storia.
Motori
Luca Pulsoni
17 Aprile 2021

La Formula 1 vuole darsi un taglio

Il budget cap (tetto agli stipendi per i piloti) divide il Circus.
Altro
Francesca Lezzi
31 Marzo 2021

Jesse Owens oltre la retorica

Un'icona dello sport, non dei diritti.
Motori
Luca Pulsoni
24 Gennaio 2021

L’automobilismo ecologico non piace a nessuno

La svolta green rischia di snaturare la Formula 1 (e non solo).
Altri Sport
Diego Mariottini
10 Gennaio 2021

Per non dimenticare Ignazio Giunti

Cinquanta anni moriva tragicamente il pilota della Ferrari.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Papelitos
Andrea Antonioli
1 Gennaio 2021

I razzisti siete voi

Il caso Cavani e il vero razzismo, quello della FA.
Altri Sport
Luca Pulsoni
17 Dicembre 2020

Leclerc è l’uomo di cui la Ferrari ha bisogno

Nella peggiore stagione degli ultimi 40 anni, la speranza per il futuro.
Altri Sport
Giacomo Cunial
12 Dicembre 2020

Se la tecnologia può comprare il talento

Che ne sarà del motorsport?
Calcio
Marco Gambaudo
12 Dicembre 2020

La Familia Abraham

Gli accordi di Abramo portano gli sceicchi nella squadra più razzista d'Israele.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Dicembre 2020

La banalità del bene

Dal quarto uomo a Vardy, dai tifosi del Millwall alla marcia sessista.
Altri Sport
Luca Pulsoni
10 Novembre 2020

Schumacher e Hamilton oltre i record

Il confronto tra gli uomini che si celano dietro agli idoli.
Altri Sport
Giacomo Cunial
3 Novembre 2020

Mick Schumacher è solo un’operazione di marketing?

Non vorremmo essere nei panni del figlio d'arte.
Motori
Antonio Torrisi
23 Luglio 2020

Abbiamo ucciso la Formula 1

Un mondiale che, come da pronostico, è finito prima di iniziare.
Papelitos
Giacomo Cunial
11 Luglio 2020

Alonso alla Renault, un ritorno d’immagine

Un'ottima operazione di marketing per una scuderia in difficoltà.
Papelitos
Federico Brasile
1 Luglio 2020

Gli scacchi sono la nuova frontiera del razzismo

Muovere per primo il bianco è un chiaro segno di discriminazione.
Storie
Mattia Di Lorenzo
10 Giugno 2020

Nicolò Carosio e il razzismo inesistente

Un insulto razzista mai pronunciato può costare l'epurazione.
Storie
Mattia Azario
5 Giugno 2020

Ali vs Frazier: la storia dell’odio più grande

L'epica e drammatica rivalità tra due uomini tremendamente diversi.
Altro
Giacomo Cunial
20 Aprile 2020

Il pilota tra eros e morte

Spingersi oltre i propri limiti, conquistando le donne e beffando la morte.
Papelitos
Giacomo Cunial
5 Aprile 2020

Formula Uno 2020, tra eSport e realtà

La proiezione virtuale dell'esistenza alla quale stiamo assistendo ha inevitabilmente investito anche lo sport.
Papelitos
Luca Pulsoni
28 Febbraio 2020

Lewis Hamilton, alla ricerca di un vero rivale

Punti di forza e debolezze di un mito (forse) imbattibile.
Papelitos
Giacomo Cunial
25 Febbraio 2020

Ferrari, due prime guide sono troppe

Gestire la convivenza tra Leclerc e Vettel sarà un problema per la scuderia di Maranello.
Altro
Andrea Catalano
21 Febbraio 2020

Di padre in figlio

L'eredità sportiva è un peso o una risorsa?
Papelitos
Giacomo Cunial
6 Febbraio 2020

Fernando Alonso, un talento egocentrico

Il pilota spagnolo non si rassegna, e non esclude il ritorno in Formula 1.
Papelitos
Giacomo Cunial
3 Gennaio 2020

Vogliamo sapere come sta Michael Schumacher

Tutti coloro che hanno vissuto con passione le sue cavalcate hanno diritto a sapere di più.
Papelitos
Lorenzo Santucci
17 Dicembre 2019

Le scimmie siete voi

Avete visto le tre scimmie dipinte all'ingresso della Sala Assemblee della Lega Calcio?
Storie
Stefano Peradotto
11 Settembre 2019

Il calcio in Israele è una questione da adulti

In Israele la scelta della squadra per cui tifare è una questione maledettamente importante, collegata spesso alla politica e all’appartenenza etnica.
Papelitos
Federico Brasile
31 Luglio 2019

Disfarsi di Kean è stato un affare

Gli sbrodolamenti dei media a favore di Kean non sono stati solo patetici, ma anche dannosi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Maggio 2019

Il caso Mkhitaryan e il silenzio della UEFA

Il lato corrotto del politicamente corretto.
Recensioni
Luigi Fattore
7 Maggio 2019

Suite 200

Il viaggio di Terruzzi nella psiche tormentata del pilota brasiliano è un'occasione imperdibile per coglierne la disturbata personalità e il suo perenne senso di colpa legato alle ingiustizie sociali del Brasile.
Editoriali
Luca Giannelli
28 Dicembre 2018

Il fallimento di un modello che non c’è

Concentrarsi sul singolo fatto per non mettere in discussione un sistema marcio.
Altri Sport
Giacomo Cunial
26 Novembre 2018

Il tempo è galantuomo

Robert Kubica e Fernando Alonso: quando le vite di due campioni si incrociano.
Storie
Luca Pulsoni
13 Ottobre 2018

Quel maledetto sorpasso

La storia drammatica di Gilles Villeneuve e Didier Pironi, uniti dal medesimo destino.
Storie
Matteo Latini
6 Luglio 2018

Silverstone. Dove corrono gli inglesi

Dall'era Clark al Silverstone Two Step di Mansell. La magia del circuito inglese.