Carrello vuoto
Calcio
10 Maggio

Ode al Dribbling

Mattia Curmà

9 articoli
Il gesto tecnico che riassume la bellezza del calcio.

Se ci si attiene al fonema, alla sua fredda definizione, dovremmo rimandare il lettore a Treccani, che ne indica la sintesi più corretta: “dribblingdrìbliṅ› s. ingl. [der. di (to) dribble: v. dribblare], usato in ital. al masch. – Nel gioco del calcio, manovra individuale dell’atleta che consiste in leggeri tocchi del piede, dati rapidamente al pallone, per portarlo da destra a sinistra o viceversa, così da ingannare l’avversario e scartarlo velocemente.”

 

 

Ma, da appassionati del gioco, descrivere questo gesto con un semplice esercizio filologico sarebbe intellettualmente disonesto. Un affronto che nessun lettore dovrebbe essere tenuto a sopportare. In ogni competizione vincere è l’obiettivo ultimo, certo. Ma esistono dei piaceri che trascendono la vittoria, che si manifestano nel gesto tecnico, in un senso puramente estetico.

 

 

Uno di questi piaceri, per gli occhi e per il cuore, si chiama dribbling. Del resto, come si possono ridurre al mero pragmatismo i fiati sospesi per le giocate da circense di Ronaldinho, gli occhi di meraviglia dopo una ruleta di Zidane, gli applausi a scena aperta dopo uno slalom di Messi?

 

Ronaldinho dribbling
Il refolo d’aria, lo spostamento del corpo, quella sensazione di gioia: l’avversario è ormai superato (Photo by Michael Steele/Getty Images).

 

 

Il dribbling possiede implicitamente una componente di sberleffo agonistico, insinua nell’avversario il timore subconscio che possa accadere ancora, mette in allerta interi sistemi difensivi. È l’emozione che si manifesta nel vincere la propria battaglia, anche se si dovesse perdere poi la guerra.

 

 

Si può esultare fino a piangere per un gol brutto, fortuito, di carambola, ma vedere un centrocampista uscire dal pressing di cinque avversari con due finte di corpo resterà sempre il motivo per cui ci si è innamorati di questo sport. Un doppio passo, la finta di tiro, un elastico, chi ne ha più ne metta: fantasia al servizio della concretezza.

 

Denilson dribbling
Denilson è stato uno dei funamboli del gesto. Qui in semifinale contro la Turchia ai mondiali 2002, quando Scolari lo inserì a pochi minuti dalla fine per gestire il pallone e i suoi dribbling fumosi furono essenziali per far scorrere gli ultimi minuti di gara (Photo by Tim De Waele/Getty Images).

 

 

A livello tattico saltare l’uomo è, oggi come un tempo, fondamentale per creare quella che viene comunemente definita superiorità numerica. Ogni sforzo nell’uno contro uno dovrebbe essere rivolto alla creazione di un pericolo per la squadra avversaria. Questo, almeno, secondo gli allenatori. Perché il dribbling ha il potere di essere superfluo, vano, insensatamente rischioso. Si tratta semplicemente di affrontare l’uomo per il gusto di farlo; di superarlo, aspettarlo e puntarlo ancora, solo per il piacere sfidarlo nuovamente.

 

 

Nell’estetica del calcio moderno il ruolo del dribbling ha cambiato forma, perdendo molta della centralità che ha avuto in passato a favore di una sempre maggiore fisicità e di una tattica esasperata. Siamo passati dai “leggeri tocchi del piede, dati rapidamente al pallone per portarlo da destra a sinistra o viceversa” alle lunghe falcate di atleti che rasentano la perfezione fisica. Possiamo ad esempio dire di aver mai assistito a un dribbling per definizione da parte di un giocatore come Gareth Bale?

 

Dribbling roman
Oggi il dribbling è mutato, molto più muscolare. Sarà sempre più raro trovare giocatori in grado di emulare i dribbling incantati di Román, dove l’inganno gioca nella testa, nei piedi, nelle movenze. Non nei muscoli (Photo by Michael Steele/Getty Images).

 

 

Non fraintendiamoci: la predominanza fisica, di cui il calcio moderno è ormai saturo, è caratteristica da ammirare in ogni atleta. Ma non c’è corsa spalla a spalla o scatto da centometrista che potrà mai muovere le stesse corde emotive di un tocco di suola e di un difensore che capitola sulla finta di corpo per il cambio di direzione. Il dribbling è la sublimazione del gioco, un gesto che associa doti tecniche, atletiche, agonistiche. Controllo di palla, del proprio corpo, delle mosse dell’avversario. Riflessi, rapidità di gambe, fantasia.

 

 

Saremo sempre quelli che aspettavano le pubblicità sportive per imparare i nuovi numeri dai nostri idoli, per scoprire il nuovo colpo su cui perdere i pomeriggi, la nuova mossa da allenare. Saremo sempre quelli che da piccoli scartavano gli alberi e le piante in giardino, provavano a fare il tunnel alle sedie in salotto, se ne andavano in doppio passo tra i corridoi.

 

 

Chiamateci romantici ma continueremo ad innamorarci del superfluo, di chi nasconde il pallone, dei giocolieri, dei difensori che vanno al bar sulla finta di corpo, degli avversari che non riescono nemmeno a compiere fallo dopo aver ricevuto il tunnel; soprattutto in questi tempi brutti e veloci, in cui il risultato e il profitto la fanno da padroni. Perché il calcio e la vita vogliono anche l’estetica e, parafrasando Ernst Junger, sono gli animi volgari a diffidare della bellezza.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Marzo 2022

Cosa accomuna Balotelli, Berlusconi e Jeff Bezos?

Non è l'iniziale del cognome.
Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
2 Settembre 2021

Emiliano Martinez è Argentina pura

Il "Dibu" nell'arte dell'inganno.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
12 Agosto 2021

Non prendiamocela con Messi e Lukaku

Guardare il dito e non la luna.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2021

Finalmente Leo, finalmente Argentina!

L'Albiceleste vince la Copa America.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Ritratti
Marco Armocida
2 Maggio 2021

Junior Messias è uno spirito libero

Il brasiliano gioca un calcio in via d'estinzione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Febbraio 2021

Non c’è nessun passaggio di consegne

Mbappé e Haaland sono incredibili, ma Messi e Ronaldo sono un'altra cosa.
Editoriali
Carlo Brigante
9 Febbraio 2021

Il calcio di strada è meglio della scuola

O quantomeno delle scuole calcio.
Papelitos
Alberto Fabbri
3 Febbraio 2021

Chi si stupisce dell’ingaggio di Messi si è svegliato tardi

Trovare un colpevole per non considerare il quadro della situazione.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
13 Settembre 2020

Lo spogliatoio è l’ultimo luogo sacro

In un mondo privo di regole, c'è un posto che impone ancora la propria legge.
Tennis
Graziano Berti
9 Settembre 2020

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
5 Settembre 2020

Messi male

L'amaro (non) finale di una storia che avrebbe meritato ben altro esito.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Calcio
Alessio Giussani
19 Luglio 2020

Il Basaksehir sancisce lo strapotere di Erdogan

Il club di Istanbul ha vinto ieri il campionato, inaugurando una nuova fase del calcio turco.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio 2020

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio 2020

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Giugno 2020

A dover correre è la palla

Ode ai giocatori flemmatici.
Recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno 2020

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
Tennis
Alberto Fabbri
25 Giugno 2020

Breviario di stile dello scarpino da calcio

La lotta alla degenerazione dei costumi continua in campo.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Giugno 2020

Vogliamo ballare in Curva, non nelle discoteche

L'ultimo DPCM si è dimenticato dei tifosi, ancora una volta.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.