Carrello vuoto
Estero
27 Dicembre

Roberto Firmino: l’attaccante invisibile

Celebrazione di Roberto Firmino, l'attaccante invisibile della squadra più forte al mondo.

Tra panettoni di Natale e botti di Capodanno, dovessimo tracciare la costante calcistica dell’anno solare appena trascorso, il filo sarebbe immancabilmente rosso. Non rouge, come vorrebbe la tradizione popolare, mutata dall’usanza marinaresca, poi resa famosa da Freud e Goethe. Ci perdoni la storia del pensiero, quest’anno il filo è REDS.

 

Una Champions League vinta da protagonistI, concedendo anche spazio al pathos nella storica rimonta di Anfield contro il Barça di inizio maggio. Un campionato dominato e forse già ammazzato al giro di boa: un +14 che, a differenza dell’anno passato, i rivali di Manchester, il lato sky blues alla faccia della storia, avranno vita complicatissima a invertire.
Infine il Mondiale per Club, qualche giorno fa, giusto a impreziosire la torta della stagione con una ciliegina, rigorosamente rossa.

 

 

Liverpool campione del mondo
L’ultimo successo, in ordine di tempo, dell’incredibile anno del Liverpool. Il mondiale per Club conquistato a Doha. (Photo by Francois Nel/Getty Images)

 

La crescita costante del Liverpool in questi anni paga certamente il giusto tributo al “Normal One” di Stoccarda. Jurgen Klopp, arrivato ad Anfield da manager di grandi ambizioni ma pochi trofei, ha trovato sulle rive della Merseyside il terreno giusto per coltivare la sua idea di calcio. Il Gegenpressing applicato per la prima volta, nella sua carriera, a Magonza, migliorato a Dortmund e perfezionato a Liverpool, ha saputo contrapporre un nuovo dogma al tiki-taka catalano del “Maestro” Guardiola, generando una dicotomia di stili che ha impreziosito di genialità il campionato più bello del mondo.

 

Il calcio verticale di Klopp ostenta in copertina la siderale velocità del duo africano Salah-Manè, macchine da gol senza sosta, frecce imprendibili nella faretra dei Reds. La difesa è scortata dai muscoli ipertrofici di Van Djik, la porta sigillata dal talento straripante di Alisson.

 

 

Klopp, icona pop
Jurgen Klopp, The Normal One, entrato ormai prepotentemente nella cultura popolare di Anfield. (Photo by Michael Regan/Getty Images)

 

Eppure, la terza di copertina, l’ala nascosta del best seller del Nord-Ovest di Inghilterra, ha il sorriso accecante di Roberto Firmino. Il brasiliano, nato sulle coste verdeoro, cresciuto calcisticamente in Germania e infine adottato da Albione con il nome di Bobby, è il flusso canalizzatore della DeLorean di Liverpool. L’ingranaggio fondamentale per far girare un sistema calibrato al millimetro sulla sua percezione naturale degli spazi. Perché per Bobby le definizioni negative sono estremamente più semplici rispetto a quelle positive. Non è un cannoniere, non ha fisicità dei classici 9, non ha l’esuberanza atletica dei suoi compagni di reparto, né tantomeno l’attitudine a splendere sotto i riflettori del teatro di Anfield Road.

 

Ciononostante, è un centravanti essenziale per il gioco dell’allenatore tedesco. La sua naturale capacità di captare gli spazi, comprimerli e dilatarli a piacimento con il suo lavoro di movimento costante è la luce verde per le sgasate di Salah e Mané.

 

Il tridente del Liverpool
Firmino-Salah-Mané: la Trinità di Anfield. (Photo by Clive Brunskill/Getty Images)

 

Un attaccante, un giocatore peculiare, tremendamente istintivo e naturale nella sua abilità di gestione del pallone, sia a campo aperto che spalle alla porta, con una padronanza immensa dei fondamentali tecnici – controllo, passaggio e tiro – decisamente fuori dal comune per un numero 9. Un centravanti per cui perfino l’abusato aggettivo di ‘moderno’ risulta inappropriato. La verità è che nessun giocatore al mondo interpreta il ruolo allo stesso modo e nessuno prima di lui l’ha fatto.

 

L’esempio più vicino è quello del famigerato ‘falso nueve’ sdoganato proprio dal rivale Pep, che a Barcellona aveva ritagliato una simile posizione in campo al pupillo Leo Messi. La differenza principale risiede nella spiegazione che lo stesso tecnico catalano forniva in uno dei suoi momenti profetici da vate: ‘il mio centravanti è lo spazio’. Effettivamente, la Pulga agiva lontano dal cuore delle difese avversarie proprio per scaricare la densità delle zone che poi avrebbe attaccato palla al piede. Nel caso di Bobby Firmino, al contrario, è lui stesso a gestire quella porzione di campo, addensandola e svuotandola, dettando così gli attacchi delle due ali offensive.

 

Firmino no look
Il no-look, unica concessione allo spettacolo di un giocatore essenziale.(Photo by Jan Kruger/Getty Images)

 

Sono proprio queste doti che rendono il 9 del Liverpool un calciatore semplicemente unico. Non per niente il tecnico tedesco, ha più volte rimarcato l’essenzialità del brasiliano nell’economia del suo gioco, impossibile da sostituire, perché impossibili da replicare le sue caratteristiche. Ecco che allora le alternative al giocatore dell’Alagoas sono principalmente armi tattiche che mutano la fisionomia dei Reds: Divock Origi su tutti, capace di cambiare la storia recente del Liverpool con un paio di gol essenziali nella cavalcata verso la Champions.

 

Roberto Firmino rappresenta l’esaltazione di un giocatore sistemico, diventato mediante il contesto la scintilla incendiaria per far detonare il calcio pirotecnico del Liverpool. Un destino diviso tra lavoro sporco in fase difensiva, giocate intelligenti e mai appariscenti in zona offensiva, per lasciare la scena in zona gol a compagni di reparto letali, e abbracciarli qualche secondo dopo.

 

Firmino esultanza
Roberto Firmino, giocatore unico. (Photo by Michael Regan/Getty Images)

 

Perché il biglietto della storia si strappa anche così, con il sacrifico qualitativo dei comprimari che assurgono a livello di essenzialità in un gruppo che tramite questi giocatori si trasforma in squadra. Una fatica mediata dalla gioia di essere sempre presente, non a caso lui, Roberto Firmino, è l’uomo che ha portato il Liverpool sul tetto del mondo nel recente derby personale contro il Flamengo. Un anno di celebrazioni anche a livello internazionale, avendo giocato e guidato da titolare l’attacco della nazionale brasiliana campione d’America.

 

L’utilità di una giocata, l’essenzialità di un movimento, la definizione di un ‘attaccante che non c’è’ e che non poteva che essere scovato dagli avanguardisti osservatori dell’Hoffenheim tramite Football Manager – il famoso simulatore manageriale. Perché in fondo Roberto Firmino è così: non lo noti, non lo vedi, ma le statistiche parlano per lui.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

storie
Diego Mariottini
16 Gennaio

Prima dell’Heysel

A inizio 1985 Juventus e Liverpool, nella neve di Torino, si sfidarono per la Supercoppa europea: circa quattro mesi dopo ci sarebbe stato il duello ben più noto, nella tragedia dell'Heysel.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Maggio

Impossibile dunque certo

Liverpool-Barcellona, o della certezza divina.
Italia
Matteo Fontana
10 Gennaio

Mou e il social-ismo

Così lo Special One ha perso.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Italia
Andrea Antonioli
25 Aprile

La Roma non è pronta

Il suicidio di una provinciale.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Alberto Fabbri
27 Maggio

Italia senza palle

Perché l'uscita dalle coppe è stata una questione di attributi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Febbraio

La forza del Tottenham

Gli Spurs dominano (e domano) la Vecchia Signora. Nella sua casa.
Estero
Alberto Maresca
16 Novembre

Mircea Lucescu e la libertà dagli schemi

Come la cultura rom ha plasmato l'allenatore.
storie
Maurizio Fierro
22 Maggio

Francia 98

Le Monde est à nous.
Estero
Alberto Fabbri
12 Marzo

Dammi solo un minuto, un soffio di fiato, un attimo ancora

Ad Anfield ci siamo dimenticati di tutto il resto.
storie
Simone Galeotti
21 Agosto

The Rush Hour

Ian Rush, l'uomo che fece innamorare la Kop.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Alen Boksic, l’alieno

Perduto è l'amore di una classe così pura.
Italia
Matteo Donadoni
20 Settembre

La caduta della Dea

È difficile rimproverare qualcosa all'Atalanta, ma il tracollo di Zagabria deve almeno farci interrogare.
Estero
Andrea Antonioli
24 Agosto

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
Estero
Gianluca Palamidessi
2 Ottobre

Abolite l’Europa League

Una competizione confusa nella teoria e brutta nella pratica.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
19 Marzo

Le lacrime di Robinho

Il chicco di grano che non diede frutto.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Mattia Curmà
7 Gennaio

Frank Rijkaard, l’olandese sparito

La parabola misteriosa dell'allenatore che ha rimesso Barcelona sulla mappa del calcio.
storie
Diego Mariottini
9 Dicembre

Quando l’Independiente vendicò le Falkland/Malvinas

Il riscatto argentino contro gli Inglesi, prima della Mano de Dios.
pallonate
Pippo Russo
24 Novembre

Consoliamoci col Mondiale del 2020

Alla Gazzetta dello Sport titolisti e direttore fanno a gara a chi ha meno idee. E poi c'è sempre lui, il Vate Fabio Caressa.
Papelitos
Federico Brasile
12 Dicembre

L’Atalanta ci fa tornare bambini

Il trionfo dell'Atalanta è la vittoria dei belli e dei giusti.
Papelitos
Lorenzo Santucci
19 Settembre

A riveder le stelle

L'Inter è tornata in Champions League.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
13 Settembre

Piedi per terra

La Juventus per vincere in Europa deve costruire e lavorare sempre da capo, anno dopo anno, senza presunzioni.
storie
Maurizio Fierro
15 Maggio

USA 94

Di rigori e lacrime.
pallonate
Pippo Russo
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
storie
Raffaele Arabia
20 Maggio

El Coloso de Santa Úrsula

Storia e leggende dello Stadio Azteca.
Estero
Lorenzo Solombrino
10 Dicembre

Malaga, sedotto e indebitato

Quando finisce l'amore, rimangono solo i debiti.
Italia
Diego Mariottini
2 Marzo

Te lo do io Zico

La Leggenda di uno dei più forti numeri 10 della storia del calcio.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Novembre

Gabigol ha scritto la storia

L'ex bidone dell'Inter ci ha ricordato qual è lo sport più bello del mondo.
Ritratti
Marco Armocida
2 Maggio

Junior Messias è uno spirito libero

Il brasiliano gioca un calcio in via d'estinzione.
Estero
Antonio Grimaldi
13 Dicembre

La caduta degli dei

La storia di Roberto Di Matteo, dalla Champions all'anonimato.
Tifo
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

Casuals, ep. II: il riscatto di Manchester

Gli scontri coi Reds, i furti dei negozi, la musica maledetta.
Estero
Luigi Fattore
24 Ottobre

È solo il tempo di Hazard

Dopo nove giornate di Premier il Chelsea di Sarri è ancora imbattuto e a tratti incanta. Merito anche della libertà di azione di cui dispone il suo fuoriclasse.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio

Finalmente Leo, finalmente Argentina!

L'Albiceleste vince la Copa America.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.
Estero
Matteo D'Argenio
5 Gennaio

Un pressing per sovvertire le gerarchie


I più grandi allenatori del calcio europeo sono tutti in un momento di svolta della propria carriera. Chi è in crisi, chi è profondamente cambiato e chi forse si è solo arreso.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
16 Agosto

In un calcio sballato, il solito Pep

Tutto cambia in questa Champions, tranne la sfortuna di Guardiola.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
storie
Marco Gambaudo
26 Novembre

Stella Rossa v Bayern 1991, scontro di mondi

Una doppia semifinale che riassume la grande Stella Rossa di Belgrado, con pregi e difetti.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Tifo
Gianluca Palamidessi
20 Luglio

Casuals, ep. I: Liverpool e le origini

La cultura Scouse tra moda, violenza e nichilismo.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
3 Luglio

Come mangiarsi l’Asado

Semifinale senza storia. Brasile superiore, Argentina in crisi d'identità.
Italia
Carlo Garzotti
17 Febbraio

Adriano alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.