Carrello vuoto
Tennis
2 Marzo

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.

Il coronafootball è antiestetico. L’assenza dei tifosi dal gioco non solo lo rende più scontato e prevedibile, ma essenzialmente più brutto da vedere. Persino chi ha sempre guardato il calcio dal divano se n’è reso conto. Senza dubbio lo hanno notato le pay-tv, che hanno subito un calo vertiginoso a livello di ascolti ed entrate da quando è iniziata la pandemia.

 

 

Senza voler tirare in ballo citazioni di intellettuali prestati al mondo del pallone – o meglio, di calciofili prestati ai salotti intellettuali –, nessuno può più negare che il calcio senza pubblico sia un altro sport anche perché, al contrario di altre discipline (il tennis, ad esempio), dei tifosi il football non può fare a meno. Ma se il calcio decide di fare a meno dei tifosi, i tifosi smettono di guardarlo.

 

“Il fatto che per te è così importante, che il casino che hai fatto è stato un momento cruciale in tutto questo rende la cosa speciale, perché sei stato decisivo come e quanto i giocatori, e se tu non ci fossi stato a chi fregherebbe niente del calcio?” dice Colin Firth in Fever Pitch, film cult per ogni tifoso, tratto dal celebre romanzo di Nick Hornby.

 

In un calcio ormai totalmente asettico e post-umano, l’unica vera alternativa è rappresentata dalla radio, antica avanguardia. Ne sentiamo parlare nei racconti dei padri e dei nonni, quando non era così facile andare allo stadio e le partite di Serie A era possibile sentirle in diretta solo attraverso il racconto dei radiocronisti. Ma ne sentiamo parlare, di nuovo, anche oggi. Piuttosto che guardare il desolante coronafootball, meglio immaginarselo (diverso da com’è realmente) ascoltando le radiofrequenze nazionali.

 

 

Viviamo negli anni dell’HD, del 4k, dei mille replay, delle grafiche minuziose per il fuorigioco, del VAR, dei gol-no gol, addirittura siamo sottoposti alla visione dei muscoli dei calciatori in slow-motion; ma la radio rimane la tecnologia per eccellenza. Dei commenti a bordocampo dei calciatori e di immergerci nel coronafootball, vuoto come gli stadi che lo ospitano, cimiteri del pallone, non ce ne importa nulla. Sentire la radio ci fa tornare ad un’epoca ormai tramontata nella quale il calcio era gioia, comunità, immaginazione.

 

 

Se si è tifosi, del modo in cui deve posizionarsi il terzino o di come deve attaccare la profondità la punta, interessa poco. Se si è tifosi si ha bisogno di trasporto emotivo, non di minuziosi dettagli tattici, rilevanti solo per gli addetti ai lavori. Guardare da appassionati il coronafootball è semplicemente impossibile: se ne esce alienati.

 

radio cronisti
Foto di gruppo di giornalisti sportivi Rai al Giro d’Italia 1967. Da sinistra Adone Carapezzi, Enrico Ameri, Nando Martellini, Sandro Ciotti, Sergio Zavoli, Adriano De Zan e il capo spedizione Nino Greco

 

“L’amore che strappa i capelli / È perduto ormai / Non resta che qualche svogliata carezza / E un po’ di tenerezza.”

 

(Fabrizio De André, La canzone dell’amore perduto)

 

I dati TER (Tavolo Editori Radio) del secondo semestre 2020, pubblicati qualche giorno fa, sembrano dare valore alla tesi del ritorno in auge dell’ascolto delle partite di pallone alla radio. Infatti le uniche stazioni che hanno incrementato i propri ascolti, nonostante la pandemia abbia fatto registrare cali di share ovunque, sono proprio le stesse in cui viene proposta la radiocronaca delle partite.

 

 

Alle ragioni sentimentali vanno però aggiunte quelle economiche: le radio, a differenza delle pay-tv, sono l’unico canale gratuito su cui è possibile seguire l’andamento in tempo reale delle partite. In un periodo storico nel quale l’Italia, rispetto al 2019, registra un calo dell’11,2% del PIL e 432mila posti di lavoro in meno, non possiamo non pensare a quanto ciò abbia influito sul dato relativo all’ascolto delle radio. Tutto il contrario di Sky, ad esempio, che ha perso centinaia di migliaia di abbonati.

 

Il Generale Vaccaro diceva, già negli anni ’30, che “ad uno spettacolo cinematografico si può rinunciare, ma ad uno spettacolo calcistico il buon tifoso non rinuncia: rinuncia invece, per esso, magari al vino per una settimana”. Ecco, oggi il tifoso rinuncia alla partita in televisione, ma non può rinunciare all’ascolto della partita alla radio.

 

Un calcio come questo è indubbiamente meglio immaginarlo che vederlo, e lo strumento migliore che abbiamo per farlo è la radio. Sentire le radiocronache ci permette di entrare in un mondo alternativo, arcaico, a partire dal linguaggio utilizzato durante la partita. Più che sui termini o sulle descrizioni in sé, facciamo affidamento sul volume della voce del radiocronista per capire l’andamento della partita.

 

 

Certo, che sia radio o televisione quei seggiolini restano vuoti ma, per lo meno, il semplice ascolto è in grado di creare una dimensione meno amara, illudendoci, per qualche istante, di essere tornati alla normalità. In fin dei conti la radio assomiglia allo stadio. La partita, quando si è in curva, tra cori e bandiere si vede poco o niente. Si capisce chi ha segnato solo dal boato del pubblico, da chi ci è accanto e di fronte. Di chi ci accompagna con la voce, come la radio domenica dopo domenica, in un rito di popolo che oggi è vivo più che mai.

 


Copertina © Rivista Contrasti


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Lorenzo Serafinelli
17 Aprile 2022

La guerra intestina del River Plate

La dirigenza (e le autorità) contro i tifosi.
Cultura
Diego Mariottini
2 Aprile 2022

Entrenamos en suelo argentino!

Lo sport argentino nel conflitto delle Malvinas.
Estero
Diego Mariottini
9 Marzo 2022

Juan Sebastian Veron, il pallone nel destino

Dal campo alla scrivania al campo.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Podcast
La Redazione
2 Settembre 2021

La radio non muore mai

Ne avevamo parlato qualche tempo fa: la radio ha visto durante la pandemia (e dopo, fino ad oggi) una crescita esponenziale negli ascolti. D’altra parte come direbbe Celine, “il viaggio che ci è dato è interamente immaginario. Ecco la sua forza” (Viaggio al termine della notte) e niente come la radio, nell’epoca dell’immagine sempre e […]
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Papelitos
Alessio Nannini
10 Giugno 2021

La banalità ha (sopran)nomi e cognomi

Dal Gallo a Supermario, da Ivan il Terribile a Lorenzo il Magnifico.
Estero
Paolo Cammarano
9 Giugno 2021

La guerra (delle radio) più assurda di sempre

Un potere che in Spagna superava quello dei club.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Aprile 2021

Il calcio accelera, lo streaming arranca

Stadi vuoti, streaming malfunzionanti: è il futuro, bellezza.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Editoriali
Francesco Andreose
12 Marzo 2021

Non sparate sulla nostalgia

Il popolo escluso dagli addetti ai lavori.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
4 Marzo 2021

Ariel Ortega ci ha fatto sognare

Un fenomeno umano, troppo umano.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
25 Gennaio 2021

Le due facce di Daniel Passarella

Chi meglio di Luciano Wernicke per mostrarle?
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Papelitos
Federico Brasile
26 Dicembre 2020

Fabio Caressa ci fa sentire migliori

Riabilitarlo è una battaglia di avanguardia, italianissima.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre 2020

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
3 Novembre 2020

Il circo del Payaso

Compie 41 anni uno degli argentini più amati.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
13 Settembre 2020

Lo spogliatoio è l’ultimo luogo sacro

In un mondo privo di regole, c'è un posto che impone ancora la propria legge.
Storie
Massimiliano Vino
10 Settembre 2020

Argentina ’78 segnata dalla loggia P2

Quando la massoneria scese letteralmente in campo.
Tennis
Graziano Berti
9 Settembre 2020

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Calcio
Alessio Giussani
19 Luglio 2020

Il Basaksehir sancisce lo strapotere di Erdogan

Il club di Istanbul ha vinto ieri il campionato, inaugurando una nuova fase del calcio turco.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio 2020

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.