Tifo
15 Aprile 2022

Il tifo infiamma Europa e Conference League

Lo ribadiamo nuovamente: in Europa si tifa solo di giovedì.

Lo avevamo già scritto all’inizio della stagione, lo ribadiamo con entusiasmo dopo ieri sera: in Europa si tifa solo di giovedì, quando il tifo infiamma Europa e Conference League. A Roma, la Roma di José Mourinho asfalta il Bodo/Glimt (4-0, 5-2 totale) davanti a 65.000 spettatori. Per carità, il Bodo sarà pure una squadra di bassa lega, ma ai giocatori norvegesi tremavano le gambe. Un’atmosfera impressionante, non nuova quest’anno dalle parti dell’Olimpico sponda Roma – che già pochi giorni fa contro la Salernitana aveva stabilito il record di presenze allo stadio dalla stagione 2001/2002. Non riconoscere già solo questo di merito a José Mourinho sarebbe un errore imperdonabile. Non a caso Rui Patricio e Smalling, nonché l’MVP Zaniolo, prima di commentare il passaggio del turno hanno dedicato parole d’amore ai propri tifosi.

tifo conference league europa marsiglia paok
L’accoglienza dei tifosi del PAOK per i giocatori del Marsiglia

Pazzi, passionali, malati (dall’etimo della parola) come quelli del PSV, che hanno regalato insulti e birre in quantità (scagliate in campo) ai giocatori del Leicester durante la sentitissima sfida di Eindhoven. Al Philips Stadion, il Leicester di Brendan Rodgers – prossimo avversario dei giallorossi in Conference League – ha rimontato lo svantaggio iniziale in 11′ (dal 77′ all’88’). Rimanendo sempre in Conference, l’Olympique Marsiglia di Jorge Sampaoli ha sbancato il Toumba, tempio infernale del PAOK di Salonicco. Dopo la partita di andata, che avrebbe meritato un approfondimento a parte, non potevamo che aspettarci un’atmosfera simile. Aver vinto su un campo così, per l’OM, è un segnale importantissimo (ma anche una conferma alla luce delle otto vittorie consecutive tra coppa e campionato, dove la squadra di Sampaoli è seconda in classifica).

Quand on connaît la réputation des supporters du PAOK, on a le sentiment qu’il suffirait d’une petite allumette (fiammifero, ndt) pour tout embraser.

Mario Albano, reporter La Provence

rangers braga europa league
Lo spettacolo dei tifosi a Glasgow

In Europa League, poi, viene addirittura il bello. Migliaia di tifosi londinesi hanno assistito all’impresa del West Ham di David Moyes – allenatore troppo spesso sottovalutato –, che con un secco 0-3 ha eliminato l’Olympique Lione. I tifosi francesi, come al solito, hanno riempito di passione il Groupama Stadium – nome terrificante, che stona con lo spettacolo della curva nord dell’OL, vicina alla sua squadra fino all’ultimo secondo di gara, ormai compromessa dalla fine del primo tempo.

Molto più equilibrata, ma altrettanto spettacolare sotto il profilo canoro e atmosferico, è stata la sfida tra Rangers e Braga (3-1 dopo i supplementari per i padroni di casa). Ibrox, come al solito, ha infuocato l’incontro. Lo stesso vale per i tantissimi e appassionati tifosi atalantini, che nonostante la sconfitta della Dea contro il Lipsia (0-2, 1-3 totale) sono rimasti vicini alla propria squadra fino al fischio finale (non è una novità).

eintracht tifosi europa league barcellona
Una parte della tifoseria dell’Eintracht al Camp Nou

Una menzione speciale la meritano però i tifosi – ma è riduttivo definirli tali – dell’Eintracht di Francoforte. Secondo alcune stime, i tifosi tedeschi che hanno raggiunto Barcellona per il ritorno dei quarti di Europa League erano addirittura 30.000. Un numero impressionante che probabilmente non ha precedenti nella storia. Basti vedere – e sentire – le immagini salienti della partita per rendersi conto dell’esodo francofortese.

Un dettaglio in particolare lo conferma: la frangia più calda del tifo catalano ha raggiunto la propria postazione al Camp Nou solo a partita iniziata (nel secondo tempo, quando il punteggio vedeva già avanti di due reti l’Eintracht). Il motivo? Ai tifosi del Barcellona non è piaciuta la gestione del club sulla vendita dei biglietti. Agli ufficiosi 5000 posti riservati ai tifosi ospiti, infatti, ne sono stati aggiunti 20.000 per riempire lo stadio – diventato, de facto, la seconda casa dell’Eintracht. Le diverse macchie bianche presenti sulle tribune lo confermano. Il risultato, alla fine, ha dato ragione a chi ha più tifato. Qui come in Conference League: si tifa solo di giovedì.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La partita del secolo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Dicembre 2022

La partita del secolo

Argentina-Francia è stata una metafora dell'esistenza.
La colpa degli argentini? Essere bianchi!
Critica
Gianluca Palamidessi
11 Dicembre 2022

La colpa degli argentini? Essere bianchi!

La domanda è: quando, il Washington Post, parlerà dello stesso problema per la Croazia?
È tornato il calcio degli stregoni
Critica
Gianluca Palamidessi
10 Dicembre 2022

È tornato il calcio degli stregoni

I Mondiali come essenza del calcio.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italianissima Roma
Papelitos
Federico Brasile
16 Aprile 2021

Italianissima Roma

L'arte dell'adattamento e della difesa.
L’Europa tifa solo il giovedì
Tifo
Lorenzo Serafinelli
03 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Le finali non si giocano, si vincono
Papelitos
Andrea Antonioli
26 Maggio 2022

Le finali non si giocano, si vincono

La Roma torna a vincere in Europa dopo oltre 60 anni.
Una Dea favolosa
Papelitos
Luigi Fattore
15 Settembre 2017

Una Dea favolosa

I fuochi d'artificio dell'Atalanta in Europa League.
La poetica del fanciullino
Calcio
Alberto Girardello
25 Aprile 2017

La poetica del fanciullino

L'Ajax ha sempre puntato sui giovani: quest'anno con risultati eccezionali.