Carrello vuoto
Tifo
22 Maggio

Il Genoa scende, la Gradinata Nord sale

Marco Gambaudo

11 articoli
I tifosi rossoblù hanno dato una lezione di tifo e d'amore.

Barasso, Basso, Chini, Ghomsi, Scantamburlo (Rinaldi), Feussi, Boisfer, Catalano, Colurcio (Criscito), Volpe, Cardini (Siligato). All. Torrente. Con questa formazione il Genoa affrontò il Cosenza nella gara di chiusura della stagione 2002/03, anno dell’ultima retrocessione prima di quella avvenuta nella stagione appena conclusa. Diciannove anni or sono il Ferraris salutò l’undici rossoblu, immaginandosi di tornare a settembre a calcare i campi di serie C. Poi il “caso Catania” e tutti salvi. Si parlò di giornata dell’orgoglio rossoblu, per la dignità con cui la tifoseria genoana affrontò l’onta di retrocedere in serie C per la seconda volta nella sua lunga storia, per come la Gradinata Nord cantò senza sosta in quella surreale partita tra due squadre retrocesse.

La mente non può che tornare a quelle settimane, distanti quasi vent’anni, quando si guardano i video dei tifosi liguri durante le partite degli ultimi mesi del campionato 2021/22. Un ritrovato entusiasmo che sembrava perduto durante il lungo regno Preziosi, iniziato proprio in quel 2003. Una nuova proprietà che nonostante errori grossolani (come Shevchenko allenatore che, a pensarci bene, se avessero aspettato ad esonerare magari avrebbe iniziato a vincere, come i suoi connazionali le gare musicali o le classifiche del Time…) ha spazzato via dalle menti zeneisi la certezza di una retrocessione tombale e conseguente decennio abbondante nella serie cadetta, dando una speranza (almeno quella, poi si vedrà) di pronta risalita.



Perché il genoano, negli ultimi sudici anni calcistici in cui la B era evitata sempre di un soffio, ripensava a qualche calciatore comparso nei campionati disputati nella seconda serie. E rispuntavano i Roy Lassiter ed i Paulo Pereira. I lunghi dodici anni di purgatorio prima della risalita erano quelli in cui le squadre italiane vincevano tutte le coppe europee, matricole come il Vicenza andavano a fare la voce grossa a Stamford Bridge e le provinciali potevano mettere in campo giocatori del calibro di Roberto Baggio (Bologna) o Bierhoff – Amoroso (Udinese). Mentre il Genoa schierava Marrocco e Rutzittu.

La Sampdoria aveva Seedorf e Veron, dall’altra sponda del bisagno Pelliccia e Bettella. Via della Povertà, per dirla alla De André (o Desolation Row per dirla alla Bob Dylan). La nuova proprietà, il fondo statunitense 777 Partners, sta facendo shopping di squadre di calcio europee e non, lasciando un’inquietudine di fondo sugli obiettivi a lungo termine. Ma al genoano ora non interessa fare troppo il sofista, altrimenti non avrebbe riempito il settore ospiti di Verona un lunedì alle 18:30 (2.280 presenze) con un piede in B e quello del Diego Armando Maradona (1.200) con un piede e tre quarti in B; riempito la Nord e settore a fianco nel drammatico ultimo derby; dato tutti i polmoni e qualche minuto di vita nel 2-1 casalingo contro la Juventus.



El Ouaer, Badra, Bouzaiene. I tunisini di Scoglio affioravano durante le coreografie della stracittadina o in trasferta a Venezia, ma chissenefrega, si canta e si sbandiera. Fantasmi di ogni sorta si aggiravano in Nord dopo il rigore parato da Audero al capitano Mimmo Criscito, che sicuramente si sarà ricordato del suo esordio in maglia rossoblu al minuto 39 del secondo tempo di QUEL Genoa – Cosenza. I conti tornano e la Nord torna a cantare. Gente di mare, sferzata dal libeccio e bagnata dalle onde salate, massacrata dalla costante perdita di posti di lavoro giù al porto e ferita a morte dalla caduta del Morandi.

Le tragedie vere fanno sembrare facezie quelle sportive ed allora tutti allo stadio a cantare, tutti in centro a fare il corteo per “festeggiare” la retrocessione cantando Bresh e la sua “Guasto d’amore” dopo l’ennesima coreografia nell’ultima apparizione in serie A per almeno (si auspica) un anno. «Gli stessi colori che cadon nel mare – quando il sole tramonta senza salutare» sono le ultime parole della canzone del rapper genovese e genoano, nonché le ultime parole scritte dalla tifoseria organizzata in Gradinata Nord in questa travagliata stagione. Contro il Bologna è stata un’altra giornata dell’orgoglio rossoblu.

Uno dei più antichi motti della Repubblica di Genova recita: “Griphus ut has angit, sic hostes Ianua frangit” (Come il grifone artiglia queste, così Genova distrugge i nemici). Gli artigli allora li hanno tirati fuori non i giocatori di Blessin ma i tifosi, che con il loro commovente calore hanno ridato lustro al calcio pay-tv tutto salotto e tette al silicone. In attesa di ritornare, ancora una volta, laddove meritano.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Marco Armocida
22 Giugno 2022

Su Lukaku aveva ragione Di Canio

E forse lo ha capito lo stesso Romelu.
Papelitos
La Redazione
19 Giugno 2022

La Serie A è la Serie B d’Europa, dice Scaroni

Ma non chiedetegli il perché.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Giugno 2022

Fate l’amore, non fate l’abbonamento a DAZN

Tornate allo stadio, non chiudetevi dentro casa (per 40€ al mese).
Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Italia
Gabriele Fredianelli
6 Giugno 2022

Massimiliano Alvini, la gavetta in persona

Un uomo che vive per allenare, non il contrario.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Papelitos
Federico Brasile
23 Maggio 2022

Onorare il campionato

Viva l'orgoglio, il Venezia e l'Udinese!
Papelitos
La Redazione
1 Maggio 2022

La Serie A se la vedono giusto nel metaverso

L'ennesima conquista del progresso.
Tifo
Gianluca Palamidessi
29 Aprile 2022

Milan-Fiorentina, la Curva Sud: il settore ospiti è sacro!

Gli ultras, lasciati soli, si difendono tra di loro!
Papelitos
Luca Pulsoni
28 Aprile 2022

L’Inter sprofonda nella paura, come la Serie A

Uno scudetto a perdere, quello italiano.
Papelitos
Marco Armocida
25 Aprile 2022

La Salernitana è una lezione di sport (e di vita)

Comunque dovesse andare a finire, è già epica.
Papelitos
Federico Brasile
12 Aprile 2022

I campionati non si vincono con il gioco

E ne stiamo avendo l'ennesima dimostrazione.
Italia
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2022

Non è da questi particolari che si giudica un giocatore

Dybala è (stato) un fuoriclasse?
Italia
Luca Pulsoni
30 Marzo 2022

I ragazzi che diventeranno uomini senza l’Italia ai mondiali

Storia di un disamore antico: quello tra i ragazzi italiani e il pallone.
Papelitos
Valerio Santori
23 Marzo 2022

Zanetti libero!

Una bestemmia di un veneto non vale.
Italia
Valerio Santori
22 Marzo 2022

Gli scudetti non si vincono (solo) col gioco

L'Inter di Inzaghi è troppo poco “sporca”.
Italia
Federico Brasile
14 Marzo 2022

La Serie A decresce, ma è felice

Una lotta al vertice mai così avvincente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Marzo 2022

Se non reggi la pressione, non puoi vincere

Per ammissione dello stesso Spalletti.
Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Papelitos
Paolo Pollo
13 Febbraio 2022

Di cosa parliamo quando parliamo di calcio?

Dalla danza classica al pallone originario, in 24 ore.
Cultura
Alberto Fabbri
23 Gennaio 2022

La strage dello Stadio Olimpico

23 gennaio 1994, la Mafia alza il tiro contro lo Stato.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Cultura
Giovanni Tarantino
10 Giugno 2021

Alle origini del calcio

Come nasce il gioco più bello del mondo.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Ritratti
Francesco Andreose
19 Ottobre 2020

Ho scelto Mandorlini per amico

Un allenatore tanto bravo quanto controverso.
Ritratti
Lorenzo Cafarchio
3 Ottobre 2020

Franco Scoglio, morirò parlando del Genoa

Il 3 ottobre del 2005 ci lasciava un educatore nel calcio.
Calcio
Marco Gambaudo
13 Agosto 2020

Genoa, un altro anno aspettando Godot

Sulla sponda rossoblù del Bisagno si naviga a vista.
Calcio
Diego Mariottini
30 Giugno 2020

Pruzzo faceva gol e se ne fregava del resto

Tra l'amore e la propria natura, scegliere comunque la seconda.
Storie
Massimiliano Vino
13 Marzo 2020

Solo la guerra aveva fermato il calcio italiano

Maggio 1915, l'Italia entra in guerra: il campionato viene interrotto e poi assegnato al Genoa.
Calcio
Marco Gambaudo
23 Dicembre 2019

Il fu Mattia Perin

Le scelte sbagliate di un portiere straordinario.
Storie
Massimiliano Vino
1 Ottobre 2019

L’ultimo scudetto del Genoa, datato 1924

Tra la conquista del potere di Benito Mussolini e la rivoluzione calcistica in Italia, il Genoa riuscì nel 1924 a vincere il suo ultimo scudetto.
Editoriali
Marco Gambaudo
22 Luglio 2019

Il Genoa di Preziosi, cronaca di una mediocrità annunciata

Il progetto di Preziosi al Genoa sta naufragando: bilanci disastrosi, debiti vertiginosi e tasse non pagate, in una inquietante girandola di giocatori e allenatori.
Papelitos
Matteo Paniccia
27 Maggio 2019

Fiorentina-Genoa, si salvi chi può!

Il biscotto è servito. L'Empoli è in B, Viola e Grifone rimangono tra i fischi.
Calcio
Lorenzo Santucci
24 Novembre 2018

Li abbiam battuti di nuovo

Uscire dal Ferraris dopo aver vinto il derby della Lanterna. Flusso onirico nella testa di Faber.
Calcio
Matteo Mancin
20 Settembre 2018

L’epoca d’oro del calcio italiano

Quando le piccole d'Italia fecero le grandi d'Europa.
Calcio
Matteo Albanese
29 Gennaio 2018

Long live Pellegri

Da Genova al Principato sono solo 180 km.
Storie
Maurizio Fierro
15 Ottobre 2017

L’ultimo dribbling

La sfortunata storia di Gigi Meroni, il calciatore beat.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Novembre 2016

Buon sangue non mente

Bar Sport, Episodio II. Manifestazioni di giubilo ed entusiasmo della grande narrazione sportiva! Sotto l'albero di Natale potremmo avere ancora un campionato aperto!