Carrello vuoto
Papelitos
9 Gennaio

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.

La telefonata di Mario Draghi al presidente della Lega calcio Gravina non metteva il calcio di fronte a una scelta: la obbligava a prendere un provvedimento drastico nel minor tempo possibile. Così, in seguito alla riunione convocata d’urgenza dallo stesso Gravina insieme ai presidenti, si è votato all’unanimità una delibera che limita a 5.000 il numero di spettatori negli stadi per i prossimi due turni di campionato.

Il settore ospiti? Ovviamente chiuso. Il premier, per contrastare l’emergenza (è giusto definirla tale?) covid, aveva imposto al mondo del calcio di scegliere tra le porte chiuse – e il prosieguo del campionato – o l’interruzione dello stesso – ma fino a quando?. La Lega in barba alle promesse di inizio anno, sue come del governo Draghi, ha optato per la soluzione meno drastica e più conveniente per lei e i club di Serie A. Un contentino che accontenta tutti meno che i tifosi.

Ammesso e non concesso che la norma non verrà prorogata (possibilità a cui crediamo poco), non riusciamo a capire il senso di una misura simile. Non troviamo evidenze logiche per cui sia sensato imporre il limite di cinquemila posti. Per quale motivo lo Stadio Olimpico di Roma che ne ha 73.000 dovrebbe poter ospitare lo stesso numero di tifosi del Penzo di Venezia che non arriva neanche a 10.000? Paradossalmente da questa ulteriore stretta i lagunari, invece di perderci, guadagnano un centinaio di posti portando la percentuale di possibili presenze sugli spalti oltre il 50%, il limite in vigore fino ad oggi.

L’impennata dei contagi da 36mila a 200mila in Italia si è registrata tra il 22 dicembre e il 6 gennaio con la Serie A ferma e gli stadi chiusi. Aver costretto la Lega a chiudere gli stadi (dove si entra con Super green pass) è un clamoroso autogol.

Marco Bellinazzo dal suo profilo Twitter, 08.01.2022

Lasciando perdere il curioso lasciapassare per la Supercoppa italiana (evidentemente quel giorno il virus andrà in vacanza), quello che più ci preoccupa è la totale assenza di direzione e prospettiva. Non solo sportiva. Come è possibile imporre agli stadi e ai suoi frequentatori le stesse limitazioni presenti prima dei vaccini, del green pass, infine pure del super green pass? Perché il modello inglese è per noi così inaudito?

Riportiamo giusto qualche dato per far capire come la situazione sia notevolmente cambiata. Da inizio pandemia sono state somministrate 115milioni di dosi, il 90% della popolazione ha ricevuto almeno un vaccino e oltre 22 milioni di italiani hanno già fatto il terzo richiamo. Se da un lato è palese che i vaccini, con questa nuova variante, non coprano dal contagio (oltre 100mila nuovi casi in media al giorno nelle ultime due settimane), dall’altro lato è evidente che proteggano dal ricovero in terapia intensiva. La situazione degli ospedali non è paragonabile alle precedenti ondate e soprattutto, nonostante tutti questi contagi, nessuna Regione è in zona rossa.



Lo stadio è un luogo all’aperto, variabile importantissima ai fine della possibilità di contagio, e per entrare si deve avere il green pass (ora il super green pass). Come ha scritto Bellinazzo e come lui tanti altri, nessun dato testimonia una correlazione tra afflusso di pubblico negli stadi e aumento dei contagi (anche da un punto di vista temporale, diacronico).

Lo strumento per combattere la pandemia ci è stato dato e le persone hanno risposto presente. Che il 90% della popolazione si sia vaccinata è fattuale. Ognuno, magari, con una motivazione diversa: chi per paura, chi rispetto delle 139mila persone che da inizio pandemia a causa del Covid non ci sono più, chi per proteggere i propri cari e chi costretto. Fatto sta che 50 milioni di italiani il vaccino se lo sono fatto e che, magari gradualmente e non come ha fatto il Regno Unito del lupo cattivo Boris Johnson, è il momento di tornare ad avere una vita normale. Anche se le direttive del governo sembrano indicare il contrario.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Michelangelo Freda
16 Gennaio

La Serie C morirà di promesse

La politica del calcio sembra quella parlamentare.
Ritratti
Alberto Maresca
10 Luglio

Nevio Scala, l’ultimo grande conservatore

Il più italiano degli allenatori, dalla scuola di Nereo Rocco.
Calcio
Annibale Gagliani
28 Febbraio

Il modello Atalanta viene da lontano

L'Atalanta non è solo scouting e pianificazione: storia recente della polenta meccanica.
Calcio
Lorenzo Santucci
4 Maggio

5 maggio

La Waterloo nerazzurra.
Papelitos
Lorenzo Ottone
23 Agosto

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Calcio
Remo Gandolfi
14 Aprile

Piermario Morosini

In memoriam.
Calcio
Michelangelo Freda
6 Aprile

Fuori i mercanti dal tempio

È ora di finirla con lo strapotere dei procuratori sportivi.
Papelitos
Matteo Paniccia
13 Gennaio

Agli ordini di Sanremo

Perché Sanremo è Sanremo.
Storie
Gianluca Caboni
10 Giugno

12 settembre 1970

Storie di uomini leggendari. L'ultimo saluto al Sant'Elia.
Papelitos
Matteo Paniccia
27 Maggio

Fiorentina-Genoa, si salvi chi può!

Il biscotto è servito. L'Empoli è in B, Viola e Grifone rimangono tra i fischi.
Papelitos
Lorenzo Ottone
16 Novembre

Federica Pellegrini e la spettacolarizzazione del dolore

Se gli atleti diventano attori di teatro.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Papelitos
Luca Rubeo
27 Febbraio

Quando il gioco si fa duro

Ventiseiesima giornata di Serie A (quasi) alle spalle, tra incroci ad alta quota e transizione domenicale.
Papelitos
Federico Brasile
9 Marzo

Quel pasticciaccio brutto della Serie A

Un Paese sportivo d'accordo su una sola cosa: la deresponsabilizzazione, l'incapacità di prendere decisioni.
Papelitos
Beniamino Scermani
24 Agosto

Attenti al lupo sessista!

Malgrado un'estate che ha messo a dura prova la tenuta del nostro calcio, le battaglie simboliche e marginali continuano ad occupare il dibattito e le prime pagine dei giornali.
Storie
Sebastiano Caputo
6 Novembre

Confessioni di un allenatore mancato

A passeggio con Massimo Fini nella bella e grigia Milano alla ricerca del calcio nazional-popolare detestato dagli str*** in tribuna d'onore.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Recensioni
La Redazione
15 Marzo

Eternamente Ronaldo

Da un frammento di Sfide, una giocata incredibile del fenomeno brasiliano. Commenta Pizzul.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Dicembre

Meno Sarri più Inzaghi

Lazio-Juventus non è stata una sorpresa.
Storie
Domenico Rocca
11 Febbraio

La Ternana di Corrado Viciani è stata rivoluzionaria

Il 12 febbraio di sei anni fa ci lasciava Corrado Viciani, l'allenatore che voleva ribaltare il calcio italiano.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
6 Aprile

Pietro Vierchowod contro tutti

Compie oggi 62 anni l'ultimo Zar del calcio italiano.
Editoriali
Luca Giannelli
28 Dicembre

Il fallimento di un modello che non c’è

Concentrarsi sul singolo fatto per non mettere in discussione un sistema marcio.
Papelitos
Alberto Fabbri
8 Ottobre

Prime sentenze

All'ottava giornata la Serie A si è già espressa.
Papelitos
Jacopo Benefico
22 Agosto

Se il calcio è mero spettacolo, noi tifosi siamo dei guardoni

Il nuovo pallone ha avuto la meglio sulla nostra umanità.
Calcio
Gianluca Palamidessi
9 Novembre

Bravo, fortunato e insopportabile

Giampiero Gasperini, l'allenatore più antipatico d'Italia.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Editoriali
Alberto Fabbri
22 Aprile

Torneremo a cantare, ma non sui balconi

Siamo una tribù che non può rinunciare ai suoi riti.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
24 Settembre

Paolo Rossi vuol dire Italia

Icona popolare e nazionale.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Calcio
Michelangelo Freda
21 Novembre

Colpo di stato in Serie A

La guerra intestina nel mondo del calcio italiano continua a mietere vittime.
Calcio
Gabriele Fredianelli
20 Agosto

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Recensioni
Alberto Fabbri
27 Dicembre

Cavalli Selvaggi

"Campioni romantici e ribelli nell'Italia di piombo", raccontati da Matteo Fontana. Eclettica Edizioni.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Papelitos
Federico Brasile
29 Ottobre

Lunga vita alle bestemmie in campo

Il post-umano ha trionfato fino a punire le bestemmie dei calciatori con la prova tv.
Storie
Maurizio Fierro
13 Novembre

La Lazio di Maestrelli: un mucchio selvaggio

Una banda di anarchici all'assalto del calcio italiano.
Calcio
Edoardo Franzosi
3 Ottobre

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Ermanno Durantini
7 Settembre

L’essenza della tecnica

Il VAR è ormai entrato nella realtà del nostro calcio. Perché supportarlo, anziché detestarlo.
Storie
Leonardo Catarinelli
18 Aprile

Il Cholismo forgiato dal fuoco dell’Etna

Il Catania degli argentini guidati da Diego Pablo Simeone.
Recensioni
Andrea Antonioli
9 Novembre

PPP non aveva paura di parlare di calcio

Papelitos
Michelangelo Freda
5 Marzo

In Serie C tutto tace

Proclami elettorali e propaganda twitteriana. Ma le riforme nel campionato di Serie C dove sono?
Storie
Annibale Gagliani
1 Settembre

Craxi e il Torino, un amore da Prima Repubblica

Il Bettino calciofilo, presidente ombra dei granata.
Calcio
Umberto De Marchi
15 Ottobre

Le multiproprietà rischiano di uccidere il calcio

Come se non bastasse tutto il resto, il tema delle multiproprietà si sta imponendo nel calcio in modo sempre più problematico.
Calcio
Marco Gambaudo
23 Dicembre

Il fu Mattia Perin

Le scelte sbagliate di un portiere straordinario.
Critica
Pippo Russo
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Marco Gambaudo
2 Maggio

Gli stadi nel post-umano

Dopo la carne non carne, arriva lo stadio non stadio!
Editoriali
Francesco Andreose
12 Marzo

Non sparate sulla nostalgia

Il popolo escluso dagli addetti ai lavori.