Carrello vuoto
Altri Sport
27 Agosto

Chi ha ucciso Top Gear?

Giacomo Cunial

37 articoli
Un'analisi sulla chiusura del programma televisivo più seguito al mondo.

The Grand Tour, programma automobilistico capitanato dal trio Clarkson-May-Hammond che da qualche anno si è reinventato nella piattaforma digitale Amazon Prime, ha segnato un passaggio epocale. È stato dismesso ufficialmente il format televisivo che per anni aveva rappresentato la serie più apprezzata (e piratata) del mondo, un vero e proprio manifesto culturale che più di qualunque altra cosa ha approfondito, amplificato e sviluppato la passione moderna per l’automobile: Top Gear.

Le lacrime dei presentatori alla fine dell’ultima puntata avevano sorpreso tutti, essendo loro ironici per vocazione e totalmente estranei al sentimentalismo (con l’eccezione straordinaria del prologo nella prima puntata su Amazon), ma anticipavano quel che sarebbe concretamente accaduto: The Grand Tour è diventato un programma di avventure e viaggi intorno al mondo slegato totalmente dalla focalizzazione automobilistica. La fine di un’era, una fine iniziata nel 2015 con il licenziamento di Jeremy Clarkson da parte della BBC.

Top Gear
La commozione di Jeremy Clarkson e dei suoi compagni di viaggio

Sembrano in bianco e nero i ricordi del tempo in cui centinaia di milioni tra appassionati, cultori, sognatori si potevano godere l’insindacabile verdetto del Cool Wall, bacheca in cui una Ferrari poteva essere marchiata come auto “assolutamente non figa” o una Fiat 500 piazzata all’apice in categoria “Subzero” perchè odiata dal più stravagante dei presentatori, Captain Slow James May.

Impossibile dimenticare le gesta folli di un mitologico personaggio senza volto come The Stig: quando dall’amorfo casco bianco uscì la testa di Michael Schumacher andò in onda uno dei frammenti più alti della televisione nel mondo. Così tra test di automobili, metafore geniali, idee illuminanti, interviste “ignoranti”, tecniche di montaggio video futuriste, una linea editoriale completamente libera dagli uffici stampa delle case costruttrici e enormi budget, prese forma quello che è diventato un capolavoro insuperabile di informazione giornalistica.

Quando Jeremy Clarkson venne licenziato dalla BBC, morì il trio originale non il programma, al quale tutt’oggi viene dato un seguito. Stupidamente però, i produttori pensarono che gli effetti speciali, il cazzeggiare più o meno simulato e le supercar stesse bastassero a fare la differenza per il successo del programma e che il trio fosse facilmente rimpiazzabile: un errore. Per non parlare del tentativo di esportare il prodotto Top Gear in Italia: nemmeno commentabile. Non a caso gli ascolti del programma originale nel Regno Unito come nel resto del mondo non si sono più registrati.

Top Gear
Colpo di scena: Michael Schumacher è The Stig!

Il giornalista di Doncaster ne ha parlato in questi termini:

“Tutti quelli che conosco sotto i 25 anni non sono minimamente interessati alle automobili. A loro viene insegnato a scuola, prima di dire ‘mamma o papà’, che le macchine sono cattive. Ce l’hanno proprio nella testa. Quanti di loro stanno crescendo con i poster di qualche bella macchina appesi in camera da letto? Per questo Greta Thunberg ha ucciso gli show dedicati al mondo dell’auto”.

La sofferenza è reale, ma se è vero che andare in giro a dire che moriremo tutti non risolverà un bel niente, ci si chiede chi ha ucciso l’essenza di questo programma, la passione autentica per la benzina bruciata, il pensiero libero e trasversale, politicamente scorrettissimo, che rappresentavano l’identità nonchè la fortuna commerciale di Top Gear e The Grand Tour.

Non è l’oggi, non è la Thunberg, figlia di questo passaggio culturale più che generazionale, e non è Amazon il colpevole (uno spirito corsaro pur diluito è rimasto nel semi-rinnovato format). Se il messaggio colpevolizzante della ragazzina con l’impermeabile giallo non è chiaro, è vero che questa è l’epoca in cui per diversi motivi è in crisi l’automobile stessa come concetto legato all’individuo libero di muoversi.

Siamo di fronte a un’evoluzione degli stili di vita. Dal 2015, quella di Top Gear è stata una morte lenta e soffocante, resa evidente con il licenziamento di Jeremy Clarkson da parte della BBC, frutto di un processo di delegittimazione ad opera del politically correct, quasi un gretismo ante-litteram che si è lentamente attuato.

Jeremy Clarkson nel suo habitat naturale

Solo qualche sprovveduto potrebbe infatti credere alla favola che vuole una star come Clarkson, conduttore della serie TV più seguita al mondo, cacciata dalla più importante emittente britannica per aver preso a male parole il proprio produttore per una bistecca non cotta. Il tutto è reso ancora meno credibile proprio da ciò che lo stesso Clarkson ieri come oggi rappresenta: un uomo al vertice dei consensi del pubblico e degli ascolti della BBC malgrado accuse di xenofobia, sessismo e quant’altro.

Per fare qualche esempio: le auto fabbricate in Messico definite più inefficenti e “pigre”, la Romania “paese Borat, composto di zingari e playboy russi” oppure lo speciale in Argentina dove il trio inglese rischiò la vita girando per le strade locali con evidenti richiami alla guerra delle Falkland (ricordiamo l’auto targata H982 FKL). Senza dimenticare una perla che fece risentire il governo tedesco: «per definire un mini-van il più tedesco possibile, esso deve essere equipaggiato con a sat-nav that only goes to Poland» (un navigatore satellitare che porta solo in Polonia, in riferimento evidente alla campagna di Polonia).

Non si potevano più dire certe cose.

Il mainstream, attraverso la BBC, si è mangiato in tempi e modi insospettabili il trio più amato dagli appassionati di motori. Adesso c’è da chiedersi chi difenderà quello spazio dello spirito critico e dissidente che per anni Jeremy Clarkson, James May e Richard Hammond hanno rappresentato.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Giacomo Cunial
2 Gennaio

La NASCAR è un mito a stelle e strisce

Dalla velocità dei contrabbandieri di alcolici al business.
Altri Sport
Luca Pulsoni
24 Gennaio

L’automobilismo ecologico non piace a nessuno

La svolta green rischia di snaturare la Formula 1 (e non solo).
Altri Sport
Giacomo Cunial
9 Settembre

La furia gentile di Charles Leclerc

È nata una stella.
Altri Sport
Giacomo Cunial
18 Agosto

In Moto GP è questione di coraggio, non di idiozia

Lezione per Zarco: anche il mondo dei piloti ha i suoi limiti.
Altro
Giacomo Cunial
20 Aprile

Il pilota tra eros e morte

Spingersi oltre i propri limiti, conquistando le donne e beffando la morte.
Altri Sport
Giacomo Cunial
16 Marzo

Cosa significa amare un pilota

L'amore irrazionale delle compagne dei piloti da corsa.
Altri Sport
Giacomo Cunial
23 Agosto

Le Mans è la corsa del destino

Così è stato anche nel 2021.
Papelitos
Giacomo Cunial
3 Gennaio

Vogliamo sapere come sta Michael Schumacher

Tutti coloro che hanno vissuto con passione le sue cavalcate hanno diritto a sapere di più.
Altri Sport
Luca Pulsoni
14 Novembre

Il doping è diffuso anche nella MotoGP?

Il caso Iannone riaccende i riflettori su un tema delicato.
Tennis
Giacomo Cunial
25 Luglio

Il pilota è prima di tutto un artista

Animato da un demone irrazionale ed estetico, viene oggi represso dalla tecnica.
Ritratti
Giacomo Cunial
10 Ottobre

Giorgio Faletti, un intellettuale al volante

I motori prima di cinema, televisione e scrittura.
Ritratti
Giacomo Cunial
17 Ottobre

Il carisma intramontabile di Kimi Raikkonen

Iceman è basso profilo, amore puro per la guida di auto da corsa e passione smodata per gli alcolici.
Altri Sport
Giacomo Cunial
24 Settembre

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Altri Sport
Giacomo Cunial
12 Dicembre

Se la tecnologia può comprare il talento

Che ne sarà del motorsport?
Papelitos
Giacomo Cunial
5 Aprile

Formula Uno 2020, tra eSport e realtà

La proiezione virtuale dell'esistenza alla quale stiamo assistendo ha inevitabilmente investito anche lo sport.
Altri Sport
Luca Pulsoni
21 Luglio

C’è vita in Formula 1

Tra Hamilton e Verstappen volano gli stracci dopo l’incidente di Silverstone
Ritratti
Luca Pulsoni
16 Giugno

Giacomo Agostini, l’irraggiungibile

Il cannibale delle due ruote.
Altri Sport
Giacomo Cunial
30 Agosto

Formula 1 Horror Show

Il Gran Premio di SPA 2021 ha sancito il punto più basso nella storia della Formula 1.
Ritratti
Giacomo Cunial
15 Settembre

Colin McRae, guida allo stato puro

25 anni fa l'unico titolo mondiale di un pilota che ha reso pop i motori.
Papelitos
Giacomo Cunial
11 Luglio

Alonso alla Renault, un ritorno d’immagine

Un'ottima operazione di marketing per una scuderia in difficoltà.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Storie
Giacomo Cunial
17 Luglio

Il mondo di Kazunori Yamauchi

L'ontologia digitale dell’automobile.
Altri Sport
Giacomo Cunial
27 Dicembre

Il sogno dell’ingegner Dallara

E venne “la Stradale”.
Recensioni
Giacomo Cunial
20 Novembre

Le Mans ’66 – La grande sfida

Il film di James Mangold è pura epica contemporanea.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
2 Febbraio

È la Formula 1 a non essere più appropriata

Ci hanno tolto pure le gioie alla griglia di partenza. Ora se lo guardano loro quello scempio di gare.
Ritratti
Luca Cameroni
17 Settembre

Daijiro Kato e l’anima del Giappone

Lo spirito del Sol Levante racchiuso nel corpo del suo più grande pilota.
Altri Sport
Antonio Torrisi
22 Giugno

Sebastian Vettel, uno stoico in Formula 1

Un pilota con un preciso centro di gravità permanente.
Altri Sport
Giacomo Cunial
22 Maggio

Il tramonto del Futurismo automobilistico

Sognavamo corse folli e roboanti ma saranno le macchine a guidare le persone.
Cultura
Alberto Fabbri
3 Marzo

Lucio Dalla ha cantato lo sport

Aspirante cestista, cuore rossoblù, aedo degli eroi sportivi.
Altri Sport
Luca Pulsoni
3 Maggio

Ducati è l’Italia vincente

Miller e Bagnaia portano in alto la Rossa.
Altro
Giacomo Cunial
8 Agosto

Valentino, artista eterno

Valentino Rossi non si è ritirato e non si ritirerà mai, semplicemente perché non ci si può ritirare da sé stessi.
Papelitos
Giacomo Cunial
6 Febbraio

Fernando Alonso, un talento egocentrico

Il pilota spagnolo non si rassegna, e non esclude il ritorno in Formula 1.
Altri Sport
Gianmarco Galli Angeli
28 Agosto

Scontro titanico

Hamilton spietato, Vettel magistrale: Il Gran Premio di Spa non lascia mai indifferenti.