Papelitos
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.

In medio stat virtus, si diceva una volta. Neanche il tempo di iniziare la stagione e già sul nostro campionato piovono copiosi temporali di giudizi tanto stentorei quanto prematuri. Per gran parte della stampa, l’esordio di Allegri è denso di significati. La Juventus ha pareggiato per due errori clamorosi del suo portiere, ma non solo. I bianconeri hanno pagato gli errori di un allenatore illanguidito, che millanta con pervicacia un calcio che non esiste più. Gli occhi di Allegri sono vitrei, vuoti. I due anni di assenza dal campo di gioco, come ha suggerito Fabio Caressa, sembrano averlo svuotato:

“Per me Allegri forse non ha capito come stava andando la partita. Forse ha pagato il fatto di essere rimasto fermo due anni, ma non è più quel mondo. Non basta più quel tipo di difesa, la Juve doveva giocare la partita a petto in fuori”.

Per molti Allegri maramaldeggia in un mondo che non è più il suo. È un uomo ostinato e recalcitrante ai cambiamenti ormai in atto. Gianfranco Teotino, sulle colonne della Gazzetta, afferma come il calcio all’italiana sia morto e che la semplice difesa di un vantaggio non basti più. Altri ancora sospettano che la teoria del corto muso sia fatalmente destinata ad essere abbandonata.

Più dei giudizi tecnici, ciò che stupisce (eufemisticamente parlando) è la totale mancanza di equilibrio. Allegri, celebrato dalla stampa come atteso deus ex machina dopo due stagioni complicate per la Juventus, è già un allenatore arrugginito. È di un’altra epoca, è vecchio. È demotivato e non è neanche più così bravo a fare i cambi. È “un dinosauro da distruggere”: i suoi giorni migliori sono ormai materia da libri di storia.

La verità è che questa vicenda è un’esemplificativa cartina di tornasole di alcune tendenze della stampa sportiva italiana. L’esigenza, tanto impellente quanto aberrante, è quella di rendere l’estemporaneità legge. L’attimo, storia. A preoccupare è questa incessante ricerca di un giudizio definitivo, di un taglio netto che ricopra l’arco temporale di pochi giorni. In questo quadro desolante non fa eccezione nemmeno la prima giornata (ad Agosto) di campionato. L’analisi della partita è poco richiesta, quasi obsoleta. Ciò che conta davvero è il titolone, l’affermazione forte in grado di strappare likes. Poco importa se verrà poi confutata o rovesciata nel giro di poco. La coerenza e la medietas sono compagne di viaggio ormai superate.

Dal canto nostro, non possiamo che fare qualcosa di totalmente inattuale: sospendere il giudizio. Aspetteremo la prima vittoria di Allegri per uno a zero, uno scontro diretto vinto grazie alla sua difesa e, chissà, un cammino in Europa migliore. Nel frattempo, magari, proveremo a salire sulla luna a recuperare, come Astolfo, il senso di equilibrio degli uomini. Giornalisti sportivi in primis.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Marco Armocida

26 articoli
Barak, l’artista silenzioso
Ritratti
Marco Armocida
24 Agosto 2022

Barak, l’artista silenzioso

Il ceco è un giocatore d'altri tempi.
Su Lukaku aveva ragione Di Canio
Calcio
Marco Armocida
22 Giugno 2022

Su Lukaku aveva ragione Di Canio

E forse lo ha capito lo stesso Romelu.
La Salernitana è una lezione di sport (e di vita)
Papelitos
Marco Armocida
25 Aprile 2022

La Salernitana è una lezione di sport (e di vita)

Comunque dovesse andare a finire, è già epica.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Mamma Italia
Podcast
La Redazione
04 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Chissenefrega dei tifosi
Papelitos
Alessandro Imperiali
09 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Cristiano Ronaldo non è la Juventus
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Novembre 2019

Cristiano Ronaldo non è la Juventus

L'ennesimo brutto episodio di un giocatore viziato e arrogante.
Pierluigi Casiraghi aveva due palle così
Calcio
Remo Gandolfi
28 Dicembre 2019

Pierluigi Casiraghi aveva due palle così

Contro-storia di Pierluigi Tyson Casiraghi
La guerra di Mario Mandzukic
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.