Carrello vuoto
Calcio
16 Dicembre

Tutti contro la Coppa d’Africa

Eduardo Accorroni

10 articoli
Tranne gli africani, che però contano meno di zero.

“Il vero problema è che le dichiarazioni di Jürgen Klopp rispecchiano alla perfezione il pensiero di tantissimi allenatori europei. La Coppa d’Africa, a dispetto delle loro idee, però, rimane una festa per tutto il Continente, dentro e fuori dal rettangolo di gioco”. Aliou Cissé, tecnico della nazionale senegalese, ha alzato ulteriormente il livello dello scontro nell’accesa diatriba politico-sportivo delle ultime settimane, rispondendo, in maniera veemente, alle polemiche connesse all’ormai prossima CAN (Coupe d’Afrique des Nations).

Le dichiarazioni di Klopp

Così, a meno di un mese da quella che dovrebbe essere l’edizione numero 33 della massima competizione continentale africana, sono ancora le questioni di carattere extracalcistico a dominare le prime pagine dei media sportivi internazionali. La Coppa d’Africa rimane, per la maggior parte dei principali club europei, solo uno spiacevole inconveniente con il quale bisogna, malvolentieri, fare i conti ogni due anni. Le evidenti carenze organizzative dei vertici della CAF (Confédération Africaine de Football) e gli eclatanti ritardi manifestati dal governo di Yaoundé complicano ulteriormente, se possibile, l’avvicinamento alla competizione.

Nelle ultime ore, all’ennesimo rinvio nell’inaugurazione di quello che ormai viene soprannominato “lo stadio della discordia” – Olembé Stadium, alle porte della capitale -, si aggiunge, per rendere la situazione ancora più caotica, l’allarme di ordine pubblico connesso alle rivendicazioni dei separatisti anglofoni nel Camerun occidentale. Nel generale silenzio dei media internazionali, infatti, la nazione africana è stata travolta da un conflitto di carattere secessionista, che vede la minoranza anglofona del Paese, che già occupa due delle dieci regioni camerunensi, rivendicare l’indipendenza dal Governo centrale.

il calcio oggi è più che mai un affare di geopolitica. Studiarne i meccanismi profondi è un requisito necessario per muoversi con competenza e professionalità in un mestiere in continua evoluzione: ISCRIVITI A GEM SPORT 2022


La discussa elezione di Samuel Eto’o come nuovo presidente della Federazione calcistica del Camerun (Fecafoot) ha scatenato l’indignazione della separatista Ambazonia, che ha accusato l’attaccante ex Inter di aver sfruttato la propria visibilità mediatica per promuovere in maniera discutibile la prossima Coppa d’Africa.

Ogni voto ricevuto rappresenta l’energia e l’ambizione della nostra famiglia calcistica di portare il nostro amato sport a un livello mai visto prima“, ha dichiarato un emozionato Samuel Eto’o poche ore dopo l’elezione.

Lampante, infatti, come alle ambiziose promesse degli ultimi anni dei suoi predecessori non sia mai stato dato realmente seguito. L’agognato, almeno dalla CAF, allargamento del torneo dalle 16 alle 24 squadre ha avuto come unico risultato quello di abbassare il tasso tecnico medio della competizione. Il numero di allenatori africani alla guida delle selezioni impegnate nella Coppa d’Africa continua ad essere relativamente basso (solamente 13 su 24), senza aver conosciuto la crescita generalmente pronosticata.

Nonostante ciò, le polemiche delle ultime settimane sembrano guidate esclusivamente da un’ottica egoistica, data dal voler curare il proprio orticello, anche se, probabilmente, l’illuminista Voltaire avrebbe avuto molto da ridire rispetto a questa interpretazione meschinamente egoista della sua nota massima. Qual è la logica che si cela dietro la critica aspra e quasi violenta nei confronti della periodizzazione della Coppa delle nazioni africane quando il Mondiale, il prossimo anno, vedrà giocare la propria gara inaugurale proprio a dicembre?

Mi dispiace lasciare i miei compagni, ma per me è un onore disputare questa competizione” ha recentemente dichiarato Frank Anguissa ai media napoletani. Non c’è da aggiungere altro.

Che il calcio africano non abbia conosciuto lo sviluppo che tutti auspicavano è evidente: i campionati nazionali si giocano in strutture inadeguate, le Federazioni sono costrette a confrontarsi quotidianamente con problematiche di carattere finanziario ed i giocatori spesso sono costretti a confrontarsi in leghe dove corruzione e combine sono all’ordine del giorno. La Coppa d’Africa, perfetto specchio delle problematiche sportive e non del continente, rimane però una competizione unica che merita di essere celebrata e rispettata. Con buona pace di Klopp e del suo little tournament.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifosi
Alberto Fabbri
14 Febbraio

Quando gli ultras scendono in piazza

Nel 2011 il tifo organizzato del Cairo è stato garante e difensore delle rivolte popolari.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
27 Dicembre

Roberto Firmino: l’attaccante invisibile

Celebrazione di Roberto Firmino, l'attaccante invisibile della squadra più forte al mondo.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Calcio
Alberto Maresca
6 Aprile

Le due facce di Casablanca

Il rosso e il verde. I colori del Marocco, i colori di Casablanca.
Papelitos
Marco Armocida
1 Luglio

La Spagna gioca al ritmo di Sergio Busquets

Un giocatore insostituibile.
Calcio
Emanuele Meschini
7 Luglio

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Calcio
Matteo D'Argenio
5 Gennaio

Un pressing per sovvertire le gerarchie


I più grandi allenatori del calcio europeo sono tutti in un momento di svolta della propria carriera. Chi è in crisi, chi è profondamente cambiato e chi forse si è solo arreso.
Ritratti
Luca Pulsoni
5 Dicembre

Jay Jay Okocha ha dilatato spazio e tempo

La magia del 10 africano più forte di sempre.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Calcio
Mattia Curmà
19 Luglio

Spagna, la cantera d’Europa

Dalla strada al tetto del Mondo.
Calcio
Alessandro Previdi
15 Gennaio

La Cina si è presa l’Africa, anche nel calcio

Un riassunto di come la Cina, attraverso la diplomazia degli stadi, ha colonizzato sportivamente l'Africa.
Interviste
Eduardo Accorroni
14 Novembre

Conta vincere, conta il risultato

Intervista a Stefano Cusin, allenatore del Sud Sudan.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Calcio
Gianluigi Sottile
10 Aprile

Sadio Mané come modello di integrazione

Conservare Dio e le radici. Ignorare i media. Vincere.
Cultura
Massimiliano Vino
9 Settembre

Libia, lo sport delle masse

L'utopia sportiva di Muammar Gheddafi.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Storie
Gianluca Losito
28 Novembre

L’eredità sportiva di Thomas Sankara

La passione per lo sport del leader panafricano ha segnato il Burkina Faso.
Ritratti
Massimiliano Vino
3 Dicembre

Quel meticcio di Luciano Vassallo

La condanna senza patria del miglior calciatore etiope.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Calcio
Michelangelo Freda
15 Febbraio

Spezia, tra calcio e traffico di esseri umani

Umar Sadiq, Abdullahi Nura e David Okerke sono i tre nomi dell'Abuja Football Academy, arrivati in Italia tramite una squadra di Serie D.
Calcio
Luca Giorgi
27 Marzo

Età di passaggio

A che punto è il lavoro di Ventura?