Altri Sport
06 Maggio 2022

A nessuno piace più il Giro d'Italia

Parte da Budapest la corsa più povera degli ultimi anni.

Quello in partenza da Budapest sarà il Giro d’Italia più misero degli ultimi quindici anni. Dobbiamo sforzarci, infatti, per trovare un favorito per la maglia rosa: pensiamo a Richard Carapaz, vincitore nel 2019 e medaglia d’oro a Tokyo, a Joao Almeida, talentuoso portoghese ingaggiato dagli sceicchi come luogotenente di Pogacar, a Tom Dumoulin, tornato a correre dopo essersi scrollato di dosso il peso delle pressioni, a Vincenzo Nibali, ultimo alfiere di un ciclismo italiano che fatica a rialzare la testa.

Potremmo allora immaginare un duello tra Carapaz e Almeida, i due principali favoriti, o che uno della nutrita pattuglia degli outsider possa approfittare del vuoto di potere lasciato dall’assenza dei grandi. Tanti i nomi da spendere per il podio: oltre a quelli già citati, ci sarebbero anche Simon Yates, Miguel Angel López, Jai Hindley, Mikel Landa, Wilco Kelderman, Romain Bardet, Emanuel Buchmann, Hugh Carthy, Pello Bilbao, Guillaume Martin, Bauke Mollema e Tobias Foss. Un Giro di quantità più che di qualità, almeno per quanto riguarda la classifica generale. 

Al Giro non ci sono più i campionissimi. L’El Dorado è altrove, in Francia o in Spagna. Il Tour de France, la Superlega del ciclismo, ha sopraffatto il Giro per montepremi e appeal, attirando le attenzioni di sceicchi e giganti dello sportwashing. All’Italia resta dunque uno stuolo di seconde linee ambiziose o ex generali condannati all’esilio.



Il Giro numero 105 scatterà dal salotto di Viktor Orbán, tra Buda e Pest, con il traguardo della prima tappa in cima a una rampa che sembra fatta apposta per le gambe possenti di Mathieu Van der Poel. L’olandese, nipote del grande Poulidor, è stato l’unico dei grandi a scegliere il Giro: «Per vincere e non per preparare il Tour», come ha tenuto a precisare. Sarà il vincitore dell’ultimo Giro delle Fiandre il grande catalizzatore nella prima settimana di corsa prima che le montagne alzino il sipario su una competizione incerta ma scadente.

Proviamo allora a prenderci quel poco di buono che c’è. Il percorso, dicevamo, con un tracciato che Bardet ha definito “un susseguirsi di classiche”. Tante montagne e poche cronometro, giusto per arruffianarsi i giudizi di appassionati e addetti ai lavori. Di salita ce n’è tanta: l’Etna, dopo la tre giorni in Ungheria, la doppia scalata al Blockhaus, un Mortirolo in Abruzzo, le Alpi e infine le Dolomiti. Torneremo a gustarci l’accoppiata Mortirolo (quello originale) e Santa Cristina riavvolgendo il nastro della memoria al duello tra Pantani e Indurain nel Giro di Berzin. Altri tempi, lontanissimi. Al penultimo giorno sarà la volta di Pordoi e Marmolada, le cime dei pionieri, prima del gran finale all’Arena di Verona, quello dell’ordalia tra Moser e Fignon.

Non sarà un Giro di qualità e vi avevamo già messo in guardia: dei primi dieci ciclisti del ranking UCI, saranno in Italia soltanto il nono (Almeida) e il decimo (Carapaz). L’élite – Pogacar, Roglic, Alaphilippe e Van Aert – correrà al Tour o alla Vuelta. Dei 176 partecipanti, inoltre, soltanto in cinque hanno vinto almeno un grande giro in carriera: Nibali, Valverde, Carapaz, Yates e Dumoulin. Fotografia di una corsa destinata all’anonimato della periferia.



Ma se il Giro d’Italia possiede ancora un fascino viscerale, questo è da ricercare nella magia invisibile di una corsa che rappresenta il più grande evento sportivo popolare in Italia. Ci emozioneremo allora scoprendo gli angoli nascosti del Bel Paese, scrigni di bellezza custoditi dal tempo e rispolverati dalla liturgia del Giro. Proveremo a raccontare storie di vittorie e sconfitte, di fughe e crisi improvvise, di cadute e forature. Sarà un Giro ricco di speranze e incertezze, come quelle dei tempi che viviamo. 

Vestiremo dunque i panni di esploratori di una bellezza nascosta, percorrendo il sentiero tracciato da Indro Montanelli, cantore dell’Italia del Giro negli anni della rinascita, quelli dei coppiani e dei bartaliani, di De Gasperi e Togliatti, dei ponti distrutti e delle città bombardate. Scriveremo allora del francese Guillaume Martin, ciclista-filosofo con un debole per Cartesio e Nietzsche, dell’eritreo Biniam Girmay, primo africano a vincere una grande classica (la Gand-Wevelgem), dell’ex campione del mondo Alejandro Valverde, 42enne affetto dalla sindrome di Benjamin Button, delle cadute e delle risalite di un altro ex iridato, l’eterno Mark Cavendish tornato a sprintare dopo aver sconfitto la depressione.

A prenderci per mano saranno le sfumature di uno sport epico e selvaggio. Basterà questo, nel viaggio attraverso un’Italia dimenticata, a farci tornare indietro nel tempo, quando il Giro era il Giro e il ciclismo non aveva ancora conosciuto l’egemonia del Tour de France.


Foto di copertina: Giro d’Italia.


Gruppo MAGOG

Luca Pulsoni

82 articoli
Zhang-Inter: il tempo è scaduto
Italia
Luca Pulsoni
04 Ottobre 2022

Zhang-Inter: il tempo è scaduto

Siamo all'epilogo di un rapporto mai davvero sbocciato: quello tra i tifosi nerazzurri e il giovanissimo patron cinese.
Date una scuderia a Charles Leclerc
Motori
Luca Pulsoni
04 Luglio 2022

Date una scuderia a Charles Leclerc

Ancora una strategia sbagliata della Ferrai per il pilota migliore.
Per la Ferrari è finito il tempo dei regali
Motori
Luca Pulsoni
30 Maggio 2022

Per la Ferrari è finito il tempo dei regali

A Monaco tanta isteria e un altro assist alla Red Bull.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Keep calm and ride Brit
Altri Sport
Davide Bernardini
11 Giugno 2018

Keep calm and ride Brit

Ascesa e dominio del ciclismo britannico, da Tom Simpson a Froome e ai gemelli Yates, passando per Boardman, Cavendish e Wiggins.
Gran Bretagna dominatrice sulle due ruote
Altri Sport
Luca Pulsoni
01 Novembre 2018

Gran Bretagna dominatrice sulle due ruote

Si è da poco conclusa la stagione ciclistica. I britannici dominano, l’Italia arranca.
Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar
Altro
Luca Pulsoni
22 Settembre 2020

Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar

Lo sloveno di Komenda, 22 anni compiuti ieri, è Il più giovane vincitore del Tour dal 1904. Un predestinato che farà parlare molto di sé.
Andy Schleck
Altri Sport
Davide Bernardini
18 Aprile 2018

Andy Schleck

Ritratto del campione lussemburghese: il legame con il fratello, il talento cristallino, il dualismo con Contador, il coraggio, la fantasia.
Il Tour unisce e rivela la Francia
Altri Sport
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.