Papelitos
26 Gennaio 2022

Per Infantino i Mondiali possono salvare i migranti

L'ultima sparata del capo Fifa è oltre ogni limite.

In un articolo del 2018, Simon Chadwick commentava con invidiabile lucidità l’apparizione di Gianni Infantino al G20 di Buenos Aires: « [il presidente della Fifa vuole] democratizzare il calcio promuovendo gli interessi di vari Paesi in tutto il mondo, generando più soldi per tutti. Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo, Infantino ha bisogno di promuovere il calcio come entità geopolitica ». Forse l’autore dell’articolo non si rendeva conto a) che il calcio è già in quanto tale un fenomeno geopolitico e b), soprattutto, che per lo stesso fatto di essere stato invitato al G20, Infantino non stava “promuovendo” il calcio in quanto geopolitica; egli in quel momento rappresentava il calcio in quanto questione geopolitica.

È solo accettando questo come dato di fatto – e non come uno dei possibili modi d’interpretare la Fifa, accanto a quelli sportivi, sociali, ludici – che è facile comprendere le ultime dichiarazioni di Infantino all’assemblea parlamentare del Consiglio europeo: « Il calcio è opportunità, speranza. Non possiamo dire al resto del mondo [al di fuori dell’Europa, ndr] “dateci i vostri soldi” ma “guardateci in televisione”. Dobbiamo includerli ».

Non è la prima volta che Infantino parla del calcio in termini proto-messianici. D’altra parte, se c’è una cosa che abbiamo imparato negli ultimi tempi è che i potenti del calcio sono convinti di esserne i “redentori” (Florentino Perez, Gianni Agnelli e Arsene Wenger docent). « Facciamolo per i nostri figli », aveva detto proprio Infantino lo scorso 22 ottobre parlando sempre dell’ipotesi mondiale ogni due anni. Negli ultimi mesi i toni del presidente Fifa sono stati esagerati, volutamente radicali e brutalmente economici ma mai, come nelle ultime ore, patetici e vagamente razzisti:

« Dobbiamo trovare il modo di includere tutto il mondo per dare speranza agli africani. In questo modo, non dovranno attraversare il Mediterraneo alla ricerca di una vita migliore e, come spesso capita, la morte in mare ».

Gianni Infantino, 26 gennaio 2022

Tornano così alla mente le parole del libro Calcio e geopolitica (A. Postiglione, N. Pallarès-Domènech, V. Mancini, 2021), dove si legge che «la Fifa è un po’ come le Nazioni Unite del calcio, ma funziona anche come Banca Mondiale o Fondo Monetario Internazionale, orientando gli investimenti, favorendo lo sviluppo calcistico di un Paese o legittimando le pretese geopolitiche delle potenze». Ecco, il punto forse è proprio questo: che Infantino non ha parlato ad un’emittente privata, non ha rilasciato dichiarazioni ad un’agenzia di stampa in particolare, né ha scritto un comunicato. Ha parlato davanti al Consiglio europeo, proprio come un capo politico. Il Guardian scrive che l’intervento di Infantino ha destato grande indignazione. Ronan Evain, il capo esecutivo di Football Supporters Europe, ha twittato: « Fino a dove può spingersi Infantino? Strumentalizzare le morti nel Mediterraneo per vendere i propri piani megalomani lascia senza parole ». E siamo solo all’inizio.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La partita del secolo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Dicembre 2022

La partita del secolo

Argentina-Francia è stata una metafora dell'esistenza.
La colpa degli argentini? Essere bianchi!
Critica
Gianluca Palamidessi
11 Dicembre 2022

La colpa degli argentini? Essere bianchi!

La domanda è: quando, il Washington Post, parlerà dello stesso problema per la Croazia?
È tornato il calcio degli stregoni
Critica
Gianluca Palamidessi
10 Dicembre 2022

È tornato il calcio degli stregoni

I Mondiali come essenza del calcio.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Il VAR è una mancanza di rispetto
Calcio
Luigi Fattore
08 Settembre 2017

Il VAR è una mancanza di rispetto

Nata dall'insopprimibile urgenza di migliorare il gioco del calcio, la tecnologia Var rischia al contrario di minarne il fascino e ostacolare definitivamente la nascita di una cultura sportiva.
Nel nome del VAR
Calcio
Michele Di Virgilio
24 Gennaio 2018

Nel nome del VAR

C'è ancora posto per l'uomo (e per il pallone) nell'età della tecnica?
Scritto e diretto da Quentin Infantino
Calcio
Gianluca Palamidessi
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!
Prima delle nazionali ci sono le Nazioni
Critica
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2022

Prima delle nazionali ci sono le Nazioni

Il Mondiale vive di (antichissime) leggi proprie.
Zizou Zidane, il tutto e la parte
Ritratti
Edoardo Biancardi
20 Ottobre 2022

Zizou Zidane, il tutto e la parte

Le due anime del fuoriclasse berbero: Zizou il francese, Yazid l'algerino.