Carrello vuoto
Italia
4 Giugno

Un Italiano a La Spezia

Luca Pulsoni

80 articoli
Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.

In quelle pareti di roccia che sorgono dal mare Dante riconobbe la rupe del Purgatorio:

«Tra Lerice e Turbìa la più diserta,

la più rotta ruina è una scala,

verso di quella, agevole e aperta».

Purgatorio, Canto III (49-51)

Eugenio Montale, che a Monterosso trovò la sua «parte di ricchezza» tra «l’odore dei limoni», nella poesia ‘Riviere’ raccontò invece di «pochi stocchi d’erbaspada penduli da un ciglione sul delirio del mare». Il Purgatorio dantesco tanto caro a Montale, e citato anche da Petrarca e Boccaccio, si affaccia sul Golfo dei Poeti e veglia su La Spezia, città racchiusa nello spazio tra il mare e i monti.

Sul Golfo della Spezia soffia vento di poesia, uno scirocco di bellezza: il primo a chiamarlo ‘Golfo dei Poeti’ fu il commediografo Sem Benelli nel 1910, nel suo elogio funebre allo scienziato e scrittore Paolo Mantegazza: «Beato te, o Poeta della scienza, che riposi in pace nel Golfo dei Poeti. Beati voi, abitatori di questo Golfo, che avete trovato un uomo che accoglierà degnamente le ombre dei grandi visitatori»

La Spezia golfo Manarola
La bellezza abbacinante delle Cinque Terre (Foto di Viktor Hanacek)

Il golfo custodisce storie di filosofi e letterati ma anche epopee calcistiche. A La Spezia il pallone ha segnato i momenti più bui: nel 1943, in un’Italia nella morsa del secondo conflitto mondiale, quando gli spezzini, riuniti in una rappresentativa dei Vigili del Fuoco, si cucirono sul petto lo scudetto della guerra (titolo rivendicato dal club ma mai riconosciuto dalla FIGC nell’albo d’oro). Ancora lo scorso anno, con le incertezze della pandemia ad albeggiare sulle nostre coscienze. Nel desolante scenario del Covid, lo Spezia strappava la prima storica qualificazione in Serie A, suggellata dalla salvezza ottenuta con il 4-1 rifilato al Torino. 

Tra Dante e Montale, nel cuore del golfo c’è posto anche per Vincenzo Italiano, il cantore dello Spezia dei miracoli.

Italiano, di nome e di fatto ma nativo di Karlsruhe, in Germania, ha completato l’opera: dopo la promozione, è arrivata la salvezza con una rosa giovane e inesperta. Per scavare a fondo nel miracolo Spezia è utile snocciolare alcuni dati relativi alla rosa bianconera. A inizio stagione, il portale Transfermarkt attribuiva alla rosa spezzina un valore economico di 21 milioni di euro (ultima in Serie A). Valutazione triplicata a fine stagione (60 milioni, +185%): nessuno in A ha fatto meglio. Ma riporre l’impresa spezzina nella trincea dei numeri sarebbe ingiusto quanto delegittimante. 


Vincenzo Italiano ha vinto con il proprio calcio e le proprie idee. «La salvezza è il nostro scudetto», ha continuato a ripetere con il petto riempito d’orgoglio. Il tecnico, che è stato accostato anche a panchine prestigiose, è però vittima di un equivoco: per la critica, Italiano è uno dei volti nuovi del giochismo all’italiana, neologismo che strizza l’occhio alla raffinata platea dei buongustai calcistici dello stivale.

Dopo una carriera da calciatore ricca di provincia, Italiano ha iniziato l’avventura da allenatore all’Arzignano Valchiampo, conquistando la vittoria ai playoff di Serie D; poi è stata la volta del Trapani, trascinato dalla C alla B con un calcio diretto e aggressivo. Un curriculum che ha convinto l’ex patron Volpi ad affidargli la panchina dello Spezia, sulla quale nell’arco di due anni Italiano ha centrato la promozione in A e la salvezza al primo colpo. Risultati, prima del gioco. 

«Giocare bene vuol dire avere massima attenzione in entrambe le fasi, perché giocare bene non vuol dire far vedere che uno sa cosa fare so con la palla. Non è solo l’estetica della giocata o di una partita, ma avere delle idee per essere sempre dentro la partita». 

Vincenzo Italiano, intervistato da Fanpage

La squadra di Italiano è stata la più grande rivelazione del campionato. Mai invischiati nelle zone pericolose, i bianconeri hanno conquistato una salvezza meno sofferta di quanto abbia detto la classifica e l’aritmetica, arrivata soltanto alla penultima giornata. Un risultato che sorprende analizzando alcune delle peculiarità della rosa come l’età media (26,1 anni, la terza più giovane del torneo) e il monte ingaggi di 22 milioni (il più basso in Serie A, fonte Gazzetta). 


Lo Spezia ha proposto un gioco vivace e aggressivo senza cadere nella retorica giochista: la difesa alta di Italiano è diventata materia di studio tra i banchi di Coverciano, il possesso palla, pulito ma non esasperato, ha consolidato il principio del ‘tutti registi’, uno dei punti cardini del sistema Italiano: «Nel calcio moderno – ha spiegato – si cerca di avere calciatori che siano partecipi e che possano essere protagonisti in tutte le situazioni». Il tecnico ha rispolverato quindi un mantra caro a ogni allenatore: l’equilibrio. Lo ha fatto nel momento più delicato dello Spezia, quando le energie erano al lumicino e la volata salvezza non tollerava più passi falsi:

«Non ho dogmi. È utile tenere il baricentro alto, per diversi mesi siamo stati la squadra che ha fatto più fuorigioco con tanto possesso palla. Poi ho cercato l’equilibrio».

Vincenzo Italiano a La Gazzetta dello Sport

Al contrario dell’etichetta incollatagli addosso, Italiano ha dimostrato di non essere un integralista. Il suo calcio, armonico ed elegante ma al contempo ricco e variegato, trascende dalla vecchia e stanca dicotomia giochisti-risultatisti: il gioco di Italiano è bello perché porta risultati. 

L’equivoco Italiano si ripercuote infatti anche nell’analisi sul gioco dello Spezia: le Aquile si sono mostrate più versatili di quanto abbia espresso la critica, con una squadra che ha saputo interpretare più fasi di gara senza mai rinunciare allo spirito ambizioso e coraggioso trasmesso dall’allenatore. Riduttivo quindi etichettare lo Spezia sotto l’egida del solo “gioco propositivo”. Al contrario, la salvezza maturata sul campo è frutto della cultura del lavoro e del coraggio inculcato a una rosa sì profonda, ma piuttosto modesta sotto il profilo della qualità.

Le radici del successo affondano in una società ambiziosa e in una città vogliosa di calcio. I seggiolini deserti della Curva Ferrovia non hanno intralciato il cammino dello Spezia, costretto per quasi tutto il girone di andata al trasloco al Manuzzi di Cesena: in un campionato privo di tifosi, Italiano ha saputo trasmettere motivazioni extra. 


È stata una stagione chiave anche sul fronte societario: l’ex presidente Gabriele Volpi (più interessato alla pallanuoto e alle sorti della sua invincibile Pro Recco) ha un ceduto il sodalizio all’americano Robert Platek, fondatore del fondo MSD Capital e partner finanziario del tycoon dell’informatica Micheal Dell. Il neo patron ha annunciato progetti ambiziosi: stadio, rinforzi sul mercato e il nodo allenatore sono i primi punti nell’agenda della nuova proprietà. Il lavoro di Italiano ha infatti stregato Platek, che ha dunque deciso di blindare il tecnico almeno per altre due stagioni. 

Scelte che caratterizzeranno le settimane a venire, quando il sole estivo tornerà a baciare il golfo e le correnti caleranno dolcemente sul mar di Liguria. Nel frattempo La Spezia si gode la festa: lo slogan più in voga in città (apparso anche sulle magliette celebrative) è ‘A ne ghe credo!’ (‘Non ci credo!’). E invece è tutto vero: la terra dei poeti abbraccerà ancora la Serie A. Così il golfo è pronto a recitare nuovi versi, ispirandosi a quelli che Montale compose ripensando alle estati trascorse all’ombra della «pagoda giallognola», «la casa delle mie estati lontane»:

«Qui tocca anche a noi poveri la nostra parte di ricchezza». 

E. Montale, I Limoni

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Enrico Leo
3 Maggio 2021

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
6 Aprile 2021

Pietro Vierchowod contro tutti

Compie oggi 62 anni l'ultimo Zar del calcio italiano.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile 2021

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo 2021

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.