Carrello vuoto
Calcio
5 Agosto

L’eccezionale normalità di Jack Bonaventura

Rudy Galetti

6 articoli
L'addio al Milan in un silenzio dal rumore assordante.

Ce l’abbiamo ancora ben impressa nella mente quell’immagine: Giacomo Bonaventura inginocchiato in mezzo al prato verde di San Siro, solo, in lacrime per l’ultimo ballo in maglia rossonera. Ci siamo emozionati con quel fotogramma tutti, nessuno escluso, tifosi milanisti e amanti del calcio. Perché la commozione di un giocatore per bene come Bonaventura, qualunque sia la fede calcistica, non passa inosservata.

 

 

Ancor di più quando il commiato avviene nel silenzio di uno stadio deserto, nella Scala del Calcio messa a nudo da un killer invisibile. Quell’inchino sulla tre-quarti, zona di campo tanto cara a Jack, è un quadro muto dal rumore assordante. Un ossimoro tristemente attuale, metafora di un calcio post Covid zeppo di stranezze, controsensi, contrasti. Proprio come il suo addio al Milan.

 

 

Una contraddizione in termini per una società che desidera tornare ai fasti del passato, ma che decide di privarsi di un uomo spogliatoio, esponente sano di un calcio che tanto ci manca. Perché Jack Bonaventura sembra aver attraversato il tempo, sbalzato dagli anni ’80 ai giorni nostri: la professionalità prima di tutto, e poi quella passione cristallina fatta di campo, sudore, lavoro e sacrifici di cui il 5 rossonero era uno straordinario rappresentante.

 

Qui in un generoso tackle a un altro Signore del calcio, anch’egli ai saluti: José Maria Callejon (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

 

 

Un esempio, senza fronzoli, fuori e dentro al campo: il suo essere equilibrato, mai rumoroso, lontano dalle luci della ribalta rappresenta un patrimonio che certamente mancherà al Milan; e anche ai suoi tifosi, che con un’immane onda d’affetto sui social hanno tributato quel calore (seppur virtuale) che Bonaventura avrebbe meritato di ricevere in un San Siro gremito in ogni ordine di posto.

 

 

L’affetto d’altronde nacque fin dall’inizio, nell’estate 2014, quando Jack sbarcò a Milano dopo una stagione entusiasmante a Bergamo. I rossoneri riuscirono allora a strapparlo alla concorrenza nelle ultime ore di mercato, pagandolo 7 milioni di euro. Solo 7 milioni di euro, viene da dire con il senno del poi. Perché Bonaventura in maglia rossonera ha dato tanto, tutto, ripagando ampiamente il club per quel piccolo grande investimento.

 

 

Fu così fin dalla prima gara, un pirotecnico Parma-Milan 4-5, quello dell’indimenticabile tacco di Jeremy Menez, genio e sregolatezza. Quella sera tutto iniziò con la rete di Bonaventura, genio e regolatezza: alla prima presenza segnò un gol che, a rivederlo oggi, ci racconta l’essenza del giocatore che Milano ha potuto apprezzare. Taglio nello spazio, finta di corpo e diagonale velenoso: tre semplici movimenti, una esecuzione perfetta, senza mai toccare la palla prima di calciare in porta. Un taglio, una finta, un tiro: l’essenziale, in quell’occasione, è stato visibile agli occhi.

 

Jack Bonaventura parma
Il primo gol di Bonaventura con la maglia rossonera: ad abbracciarlo De Sciglio, poco dietro Bonera e Poli; lui era fino a pochi giorni fa l’unico superstite. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

 

 

Ed è proprio con la sua essenzialità che è entrato tanto nel cuore dei tifosi milanisti quanto nelle grazie degli allenatori, sempre pronti a sfruttare la sua duttilità tattica. D’altronde lo aveva detto lo stesso Bonaventura, qualche anno fa:

“La specializzazione è una deriva sbagliata: ti aiuta ad esplodere, ma poi devi variare, devi migliorare”

Così, da trequartista, l’evoluzione naturale lo ha portato a diventare quella mezz’ala estrosa che il calcio contemporaneo richiede. Dove poi non arrivava con il fisico, lì rimediava con le letture e una straordinaria intelligenza tattica. Creativo e al tempo stesso mobile, pronto a ricevere il pallone dai compagni nelle zone interne ed esterne del campo, lo lavorava, lo ripuliva, inventando poi assistenze: 30 in 184 presenze, che si aggiungono al ricco bottino di 35 reti all’ombra della Madonnina.

 

 

Una rete però è stata indubbiamente più pesante delle altre: l’ombra, allora, era quella tanto sospirata per trovare refrigerio nel caldo afoso di Doha, sede della Supercoppa Italiana 2016. Con un pregevole colpo di testa Bonaventura riacciuffò la Juventus, portando il Milan a raggiungere – e poi a vincere – i calci di rigore. Fu quello l’ultimo trofeo della straordinaria epopea berlusconiana di cui Bonaventura, suo malgrado, è stato protagonista solo nella fase calante: al suo arrivo a Milano i pezzi da novanta dell’ultimo scudetto rossonero (leggasi Thiago Silva e Ibrahimovic) si erano già accasati a Parigi da un paio d’anni, e anche le ambizioni del club non erano più quelle di un tempo.

 

Milan Doha
A Doha l’ultimo trofeo del Milan, l’unico trofeo di Bonaventura. (Photo by AK BijuRaj/Getty Images)

 

 

Possiamo dirlo: Bonaventura è stato l’acquisto più giusto nel momento – per il giocatore – più sbagliato possibile. Difficoltà societarie, scelte di mercato scellerate, continui cambi di allenatore. Nessuna reale programmazione, nessun progetto a lungo termine. E non serve nemmeno ricordare l’innumerevole sfilza di infortuni, giunti a minare la sua carriera, per capire che il percorso di crescita – sia al Milan che in Nazionale – avrebbe potuto e dovuto essere migliore. In fin dei conti negli ultimi anni, soprattutto a centrocampo, il calcio nostrano non ha brillato di talento: lo spazio per confermarsi e diventare uno dei migliori interpreti della mediana c’era. Eccome se c’era, così come le qualità del giocatore.

 

 

Purtroppo la storia è andata diversamente. L’intelligenza tattica e il valore tecnico di Bonaventura non hanno mai trovato terreno fertile: chi ha occhi per il calcio ha potuto apprezzare sprazzi del suo talento, del suo estro, della sua caparbietà. Solo sprazzi, purtroppo. La parte migliore probabilmente è andata perduta anche perché, in casa rossonera, non c’è mai stato nessuno davvero in grado di coltivarla, di esaltarla, di raccoglierla giorno per giorno. Anzi, in un Milan in grande difficoltà di risultati ma ancor prima di gioco, molto spesso è stato proprio Bonaventura ad adattarsi al contesto, e a caricarsi la squadra sulle spalle.

 

Jack Bonaventura Lecce
Al Via del Mare di Lecce l’ultimo gol di Bonaventura al Milan. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

 

 

Con Pioli, invece, la scintilla stava per scoccare di nuovo ma sappiamo tutti – purtroppo – come è andata a finire. Perché Bonaventura una conferma in questo Milan l’avrebbe meritata: per la sua affidabilità, per la sua disposizione ad accettare ogni scelta dell’allenatore, positiva o negativa; per il suo valore anche umano, perché il calcio è fatto anche di gruppo e non solo di campo. In rossonero, mai una parola fuori posto, un gesto di stizza, una polemica. Umiltà, professionalità, discrezione sono state le sue armi, insieme all’estro e alla visione di gioco, superiori alla media.

 

 

Per tutte queste ragioni ci saremmo aspettati almeno un premio alla normalità per Bonaventura, archetipo del giocatore della porta accanto. Rappresentazione plastica e umana del concetto di sobrietà, in un mondo di influencer e di tormentoni estivi (anche nel calcio). Ormai però è andata così. Probabilmente i reali motivi dell’addio non li conosceremo mai, e in realtà oggi nemmeno ci interessano: una decisione, tanto crudele quanto definitiva, è stata presa. Questo travagliato viaggio dopo sei anni è davvero finito, e il triplice fischio dell’ultima partita in rossonero fa calare il sipario.

 

 

Resta così solo il silenzio, e il centro del campo. Davanti agli occhi scorrono le emozioni, i gol, gli assist, gli abbracci, i momenti difficili, i sorrisi. In quel momento gli occhi si riempiono, ed è naturale che scenda una lacrima. Sarebbe stato bello un San Siro pieno per i saluti, che potesse tributare il giusto addio. Per cause di forza maggiore, e per sfortuna ricorrente, non è stato possibile: meglio allora lasciarci con un arrivederci, perché “chi la maglia ha onorato mai verrà dimenticato”. In bocca al lupo Jack, di cuore, da gente semplice. E che il futuro sia migliore.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.