Carrello vuoto
Papelitos
14 Aprile

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.

Da un punto di vista strettamente finanziario, il Manchester City Football Club Limited non spende troppo. Dall’ultimo bilancio disponibile, consolidato il 30 giugno 2019, risulta un utile netto che supera i 10 milioni di sterline; trattasi del quinto utile consecutivo nella gestione degli sceicchi.

I Citizens superano ormai stabilmente la soglia di mezzo miliardo di sterline di fatturato da quasi tre anni mentre la crescita dei ricavi sotto la proprietà dell’Abu Dhabi United Group è più o meno stabile da undici esercizi consecutivi. Nell’annus horribilis 2020, tali numeri sono destinati a calare per via dei mancati introiti del match day, ma non peseranno in maniera eccessiva sulle casse pressoché illimitate del proprietario Sheikh Mansour.

Fortunatamente però il pallone non è (ancora) solo finanza. Rispetto ad un’impresa “comune”, che ambisce ad avere successo nelle performances commerciali, l’azienda calcistica deve raggiungere simultaneamente un’altra – importantissima – priorità, cioè avere successo sul campo.

Questo discorso è valido solo a metà per il City, che dall’arrivo dei petroldollari è cresciuto esponenzialmente, arrivando a vincere trofei importanti in Inghilterra e ad agguantare la semifinale di Champions nel 2016.

Proprio in quell’anno la proprietà emiratina ha pianificato il salto di qualità, ingaggiando il visionario catalano Pep Guardiola come allenatore, che tutto aveva vinto a Barcellona (e meno a Monaco), con un contratto faraonico che attualmente sfiora i 23 milioni di euro a stagione, record assoluto per il ruolo. Da allora, però, il ritornello rimane lo stesso: se in Inghilterra gli Sky Blues hanno vinto due Premier League e si accingono, salvo imprevisti, a vincerne una terza, una FA Cup, tre Carabao Cup e due Community Shield, in Europa invece il City di Guardiola non è andato oltre i quarti di finale di Champions.

reus dortmund city
Il gol di Reus che ha riaperto la qualificazione (Clive Brunskill/Getty Images)

“Abbiamo un sacco di soldi per comprare un sacco di giocatori incredibili”.

Così un Guardiola tanto sarcastico quanto onesto dopo la partita di Champions vinta col Borussia Monchengladbach, la diciannovesima consecutiva. Il dato di per sé non sarebbe tragico se si tacessero le cifre che il City ha speso per sotto la gestione di Pep Guardiola. Secondo Transfermarkt, da quando Guardiola è sbarcato a Manchester, la società ha sborsato la cifra monstre di 948,41 milioni di euro. Quasi un miliardo di euro in quattro anni e mezzo. Allo stesso tempo, gli incassi derivanti dagli scambi di mercato ammontano ad un terzo delle uscite, ovvero 316,95 milioni di euro.

Il saldo complessivo che ne deriva è un passivo di -631,46 milioni di euro.

Sarà l’aria di Manchester, ma solo i cugini dello United si avvicinano ad un saldo così negativo con -553,50 milioni di euro nello stesso arco temporale. L’equivalente qatarino nel City, il Paris Saint Germain, ha un passivo dagli scambi di -372,40 milioni di euro, ovvero “solo” il 59% di quello dei cugini del Golfo. Chiudono la top five dei club più spendaccioni il Barcellona e una conoscenza del nostro calcio, l’Inter, entrambi con un saldo negativo che supera i 350 milioni di euro, e che infatti hanno recentemente evidenziato evidenti problemi di liquidità.

pep guardiola city
In Premier il City detta legge, ora è il momento di farlo anche in Europa (Michael Regan/Getty Images)

Fino ad adesso il City è riuscito a mantenere i propri conti abbastanza sostenibili, anche e soprattutto grazie alle ricche sponsorizzazioni di dubbia provenienza. Allo scandalo Football leaks fatto emergere dall’Assange lusitano Rui Pinto, sul quale pesano 171 capi d’imputazione per aver hackerato alcune email della società di Manchester che avrebbero dimostrato la gonfiatura di qualche decina di milioni da parte di alcune società riconducibili all’Abu Dhabi United Group, non è seguito altro che una multa di 10 milioni di euro, ovvero l’equivalente dello 0,52% del patrimonio stimato dello sceicco Mansour.

Se le debolezze di un Financial Fair Play sempre più in crisi e il garantismo del Tribunale Arbitrale dello Sport (CAS) di Losanna hanno reso sostenibile la situazione finanziaria del City, lo stesso discorso non può essere applicato alla sostenibilità dei risultati sportivi della squadra di Guardiola.

“Questo è il motivo per cui sarò giudicato. Se non vinco (la Champions, ndr) qui, sarò un fallimento. Questo lo so.”

– Pep Guardiola

La vittoria acciuffata al novantesimo con la zampata di Foden, per ironia della sorte l’unico titolare non strapagato perché proveniente dal vivaio, concede un vantaggio labile alla squadra di Guardiola. Anche senza l’appoggio della gelbe Wand, stasera a Dortmund il Borussia darà filo da torcere ai Citizens, che dovranno fare una partita perfetta per regalarsi la prima semifinale di Champions dal 2016. Il City e il suo pluripremiato allenatore non possono più permettersi di sbagliare e di non entrare nell’Europa che conta. E questo Pep lo sa.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Estero
Vito Alberto Amendolara
11 Aprile 2022

Manchester City-Liverpool, e tutto il mondo fuori

Da qui passano i destini del calcio attuale (non solo inglese).
Editoriali
Andrea Antonioli
6 Aprile 2022

Il dibattito sportivo non è mai caduto così in basso

Stupido, rabbioso e ultra-ideologicizzato.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Marzo 2022

Capello: seguire il modello tedesco, non quello (defunto) di Guardiola

Don Fabio indica la via al calcio italiano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Estero
La Redazione
13 Febbraio 2022

Perché nessuno parla del City Football Group?

Più che un gruppo una multinazionale.
Estero
Eduardo Accorroni
3 Febbraio 2022

Mikel Arteta è un maniaco del controllo

È lui il vero erede di Pep Guardiola?
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Estero
Emanuele Iorio
21 Novembre 2021

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Estero
Vito Alberto Amendolara
17 Novembre 2021

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Estero
Lorenzo Solombrino
12 Settembre 2021

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto 2021

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Estero
Valerio Santori
2 Giugno 2021

Guardiola non vuole più essere Guardiola

La dura vita del profeta, fuori dalla patria.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile 2021

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Estero
Michelangelo Freda
5 Aprile 2021

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Italia
Federico Brasile
18 Marzo 2021

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio 2021

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre 2020

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre 2020

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Calcio
Antonio Aloi
25 Ottobre 2020

Il falso nueve è un falso amico

Riscoprire l'importanza della punta di peso.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Ritratti
Mattia Curmà
9 Ottobre 2020

Mesut Özil, contraddire il talento

Gli assist in campo, gli autogol nella vita.
Calcio
Gianluca Palamidessi
30 Settembre 2020

Il Wolverhampton è più portoghese del Portogallo

La più grande magia del mago Jorge Mendes.