Carrello vuoto
Lorenzo Santucci
1 Marzo 2020

Si scrive Serie A, si legge WWE

Lorenzo Santucci

44 articoli
Il rinvio delle partite è la decisione tardiva di un sistema ipocrita.

“Se si giocasse con il pubblico, sarei l’uomo più felice del mondo perché vorrebbe dire che c’è stata un’evoluzione positiva ma al momento, da quello che arriva dall’ordinanza alla quale dobbiamo attenerci, oltre alle porte chiuse non ci sono alternative”. Queste le parole del Presidente della FIGC, Gabriele Gravina, pronunciate al maturare dell’emergenza COVID-19 che da una settimana ha paralizzato il Nord Italia: il buonsenso, però, si è arreso dopo appena cinque giorni, incapace di fronteggiare interessi più grandi e una mal celata disonestà intellettuale. 

 

Non che ci facesse impazzire come soluzione, ma la scelta di giocare a porte chiuse le gare a rischio era l’unica (triste) realtà a cui dovevamo rassegnarci. La sfida scudetto tra Juventus e Inter si sarebbe disputata così in uno Stadium spettrale, animato dalle sole voci degli attori protagonisti: uno scenario certamente desolante, ma necessario non solo per una questione di calendario – trovare date utili in tempi relativamente brevi sarebbe stato impossibile – quanto piuttosto per salvaguardare la regolarità del nostro campionato. Poi però, come un fulmine a ciel sereno, ieri mattina la Federazione ha cambiato disposizioni in modo frettoloso per non dire grottesco.

Perché prendere una decisione del genere a ridosso del fischio d’inizio, in particolar modo quando tutto si era incastrato per disputare i match a porte chiuse?

Improvvisamente la tutela del tifoso è diventata di primaria importanza, proprio nel momento in cui si stava andando incontro a una perdita di immagine (e di quattrini) non da poco per il nostro calcio. Chiamasi coincidenze! Quella che si sarebbe dovuta giocare infatti non era la solita, affascinante sfida tra due rivali storiche, ma un autentico spareggio scudetto e soprattutto un evento planetario.

 

Che poi parlare soltanto di Juventus e Inter (per noi) è riduttivo, oltre ad essere una mancanza di rispetto nei confronti di altre squadre, come Udinese e Fiorentina, che si sono viste annullare la partita a poche ore di distanza dalla discesa in campo. A questo punto la domanda sorge spontanea: perché prendere una decisione del genere a ridosso del fischio d’inizio, in particolar modo quando tutto si era incastrato per disputare i match a porte chiuse?

 

Il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, fino a un paio di giorni fa sosteneva convintamente – insieme al ministro dello sport Spadafora – di giocare le partite a porte chiuse (Foto Paolo Bruno/Getty Images)

 

D’altronde erano tutti d’accordo, Governo e vertici federali: il Ministro dello Sport Spadafora aveva dato il via libera a giocare le gare nel Nord senza pubblico, accogliendo di fatto la proposta arrivata dalle stesse istituzioni calcistiche, che la scorsa mattina con un triplo carpiato hanno invece deciso di mettere i sigilli agli stadi. Lo capirebbe a questo punto anche un bambino, qualcosa non torna.

 

Certo le vie del cospirazionismo sono infinite, nel senso che le versioni ufficiali – e lo sappiamo – fanno acqua da tutte le parti, ma da qui a formulare delle ipotesi contrarie e definitive ce ne passa. Continuando a ragionare con il buon senso, certamente ci sono state delle pressioni: il big match di domenica sera rappresentava l’appuntamento per eccellenza, un “evento segnato sul calendario”, come si dice orrendamente in questi casi: probabilmente, era stato garantito alle televisioni uno spettacolo completamente diverso. Per usare le parole di Marco Bellinazzo, giornalista del Sole 24 ORE:

“Mandare in onda in 200 paesi Juventus – Inter a porte chiuse contro quelle del Clasico spagnolo a spalti gremiti sarebbe stato un danno di immagine ulteriore ben al di là del calcio. Già ci siamo fatti più male del necessario. Bene il rinvio. Però decidere prima e con più chiarezza? Personalmente avrei rinviato da subito intera giornata. Si poteva tranquillamente farlo a metà settimana. Le ragioni di salute pubblica vengono prima dell’interesse sportivo. Ma la regolarità del torneo va salvaguardata. Così ora non è”.

Questa la situazione analizzata in biechi termini statistici. Le pressioni maggiori, in effetti, potrebbero venire proprio da qui anche perché 1) tutta questa improvvisa preoccupazione per i tifosi è poco credibile; 2) la teoria delle pressioni “interne”, quindi provenienti dai supporters e dalle associazioni di categoria, si scontra con l’effettivo (e praticamente nullo) potere contrattuale dei tifosi, puntualmente ignorati dalle alte sfere del calcio nazionale.

 

Inoltre va bene l’autonomia delle leghe, ma vi sembra normale che in Serie A non si giochi mentre invece in Serie B sì? Il campionato cadetto ha scelto infatti di disputare regolarmente le partite previste a porte chiuse, senza troppi problemi nell’avere i tifosi sugli spalti (sarà perché mancano le telecamere internazionali ad inquadrare gli spalti vuoti e a far risuonare l’eco di un rumorosissimo silenzio, si sarebbe detto un tempo con un ossimoro).

 

Serie A
Comprensibili anche le parole di Paulo Fonseca, allenatore della Roma: «Ci può essere un problema di regolarità sportiva e per non avere dubbi o si giocano tutte le partite, a porte aperte o chiuse a seconda delle necessità, o non se ne gioca nessuna» (Foto Paolo Bruno/Getty Images)

 

Con questa presa di posizione, la Federcalcio ha creato un caso giurisprudenziale di difficile risoluzione, un vero e proprio precedente. La lezione di questi giorni è stata a dir poco goffa, confusionaria, contraddittoria, portata avanti senza neanche prendere in considerazione quello che le squadre interessate avevano da dire a riguardo. Per di più si è arrivati alla conclusione che, in Italia, non si possono giocare determinate partite a porte chiuse non tanto per i tifosi paganti – che nemmeno sarebbero stati risarciti – quanto perché si perde in spettacolo e guadagni.

 

Il DS interista Marotta, giustamente, è stato subito molto chiaro: se questa è la soluzione, dovrebbe essere adottata anche per le prossime gare. Altrimenti cosa dovremmo pensare, che si è rinviata una (mezza) giornata, falsando in parte il campionato, solo per preservare un grande evento? Già perché qualora la prossima settimana si dovesse regolarmente giocare, come verrebbe giustificato il rinvio? Verrebbe quasi da pensare che, senza la partita di cartello, la giornata si sarebbe svolta regolarmente.

“Credo che, come al solito, in Italia si prendano decisioni a vantaggio di chi vuole decidere i propri tempi: vengono prese decisioni senza senso e senza logica. Da qui e sino al 24 maggio porta tutte le persone a vedere il lato oscuro del calcio” (Fabio Liverani)

Eccoci allora al punto di partenza. Non sappiamo precisamente da chi, e quando, sia arrivato l’imput di non giocare, ma una sola cosa ci sentiamo di dire: smettetela di prendere in giro tifosi e appassionati. Sono esattamente atteggiamenti come questi che, in gran parte del pubblico, hanno causato la perdita di fiducia nelle élite tanto sportive quanto mediatiche, politiche e culturali.

 

Guardate che non è un problema da poco: se chi deve rappresentare un intero sistema dimostra con i fatti – e le parole – di non essere credibile, come possiamo noi fidarci? E inoltre, se intendete assumere determinate decisioni, assumetevi le dovute responsabilità senza strumentalizzare i tifosi (per di più usandoli come alibi) quando più vi fa comodo. A forza di tirare la corda questa rischia di spezzarsi ma poi, con tutta la disponibilità del mondo, non potrete lamentarvi se non vi crederà più nessuno.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Tifo
Jacopo Benefico
20 Marzo 2022

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Italia
Michelangelo Freda
18 Dicembre 2021

Liberate la Salernitana!

Il calcio italiano si sta coprendo di ridicolo.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Tifo
Alberto Fabbri
12 Dicembre 2021

ToroMio: un altro Toro è possibile!

Intervista a Guido Regis, presidente della più attiva associazione di tifosi granata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Luca Pulsoni
27 Settembre 2021

Le lacrime di coccodrillo su DAZN

I presidenti hanno poco da piangere, adesso.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Tifo
Alberto Fabbri
16 Settembre 2021

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.