Carrello vuoto
Italia
13 Dicembre

Ultras d’Italia, ep. III

Alberto Fabbri

74 articoli
I sanguinosi anni Ottanta.

Teschi alati, crani sfondati e ghigni beffardi sopra ossa incrociate. Felini e bulldogs, lupi, aquile ed altre belve feroci. Asce, spade, cacciaviti e martelli. Paperino, Corto Maltese, Andy Capp, il navajo Hamal e Ranxerox. Bambulè e foglie di Maria. Negli anni Ottanta l’iconocografia Ultras adorna gli stadi di tutto lo Stivale e migliaia di giovani sottoscrivono il tesseramento nei vari gruppi. Ormai il movimento ha abbandonato la nicchia ed è esondato tra la gente, come testimoniano i palazzetti della palla a spicchi, già da qualche tempo. Archiviato lo scandalo del “Totonero”, il Mundial di Spagna preannuncia il decennio più fulgido del pallone nostrano e gli occhi del mondo volgono all’Italia, dove i protagonisti strabiliano in campo e sugli spalti.

 

Andy Capp Ultras del Catanzaro (http://www.ilgiallorosso.info)

 

Innanzitutto i settori popolari offrono una verace rappresentazione della nuova mutazione affrontata dalla società italiana, dopo il boom economico ed i plumbei Settanta. Il Movimento del 77′ infiamma nuovamente le strade, dove disordini e turbolenze non sono più soltanto conseguenza delle rivendicazioni studentesche, bensì estremo disagio delle frange del sottoproletariato e della piccola borghesia. Così, quando l’alba del decennio sancisce l’abbandono definitivo della pratica politica, da un lato la violenza diviene l’extrema ratio delle cellule terroristiche, mentre dall’altro apre un nuovo fronte presso le arene sportive. Intanto il terremoto d’Irpinia, la strage di Ustica e l’attentato alla stazione di Bologna mettono alla prova la saldezza delle Istituzioni che, una volta pacificate le piazze, si illudevano di poter tirare il fiato.

 

I resti della stazione di Bologna, dopo l’attentato

 

Nel frattempo le sirene della pubblicità, propugnata dall’esordio della televisione commerciale, offrono l’illusione di un benessere economico alla portata di tutte le classi e di qualsiasi portafoglio. Durante gli indimenticabili sabato sera, ogni sogno diviene realizzabile ed ogni desiderio appagabile, seguendo le note della discomusic. Eppure, al risveglio della domenica, ai giovani non rimane altro che l’amaro in bocca delle promesse non mantenute e delle nuove droghe, miniera d’oro della malavita. Eroina e cocaina affiancano in fretta cannabis e LSD nei consumi in strada, in discoteca e allo stadio. Il ricambio generazionale e l’arruolamento di nuove leve contribuiscono alla frammentazione interna delle curve, dove “cani sciolti”, lontani dalle logiche e dal controllo dei gruppi tradizionali, costituiscono le autentiche mine vaganti domenicali.

 

L’estremismo degli Irriducibili, gruppo storico della Nord laziale nato nel 1987

 

Quando dalle piazze viene importato l’uso di armi e nelle divise dei celerini è individuato l’altro nemico, se non il primo, gli ingredienti per l’innalzamento del livello della violenza negli scontri ci sono tutti. In particolare la legge del beduino, secondo cui “l’amico del mio nemico è mio nemico”, definisce il risiko dei rapporti tra le tifoserie. Le rivalità possono avere matrice sportiva, politica, spesso campanilistica, oppure essere frutto dei primi gemellaggi, prima stretti e poi infranti. Così, la scacchiera è allestita e tutte le pedine pronte a darsi battaglia, i cui resoconti di cronaca nera sovente affiancano i tabellini delle partite, sui giornali del lunedì.

 

Stagione 86/87, gli Ultras della Roma attendono gli Ultras dell’Hellas Verona

 

Seppur non causato da un episodio violento, l’accidentale rogo allo Stadio Ballarin, costato le giovani vite di Maria Teresa Napoleoni e Carla Bisirri, inaugura la luttuosa rassegna. Immediatamente dopo segue Vittore Palmieri, deceduto a cause delle ferite riportate in occasione di un derby meneghino, al Mundialito per Club nel giugno 81; da questo episodio si porranno le basi per il patto di non belligeranza, stretto tra le due curve del Giuseppe Meazza. Poi verranno Andrea Vitone e Paolo Siroli, romanisti e giovanissime vittime di incendi appiccati su vagoni di due treni, che riportano i tifosi nella capitale. Ancora, Marco Fonghessi, accoltellato da un altro rossonero, perché scambiato per un cremonese. Nazzareno Filippini invece, tra i fondatori del gruppo piceno “Settembre Bianconero”, muore in seguito ai colpi ricevuti nel convulso dopopartita di Ascoli-Inter.

 

Il muro della Curva ascolana

 

Il caso di Stefano Furlan, appassionato triestino picchiato dalla polizia nei momenti seguenti un derby di coppa con l’Udinese, dimostra che non solo i tifosi possono indossare il cappuccio del boia. Infine, la stagione 88/89 si conclude violentemente con il dramma di Antonio De Falchi, aggredito da sostenitori locali prima di Milan-Roma, e con l’assalto al treno dei bolognesi alla stazione di Firenze Rifredi; Ivan Dall’ Olio avrà salva la vita, ma lo segneranno per sempre le ustioni provocate dalla molotov, che ha colpito il suo vagone. Dopo pochi mesi è approvata la legge n. 401 del 1989 che introduce il cosiddetto Divieto di Accesso alle manifestazioni SPOrtive, la cui natura amministrativa è ancora oggi al centro di controversie.

 

Il murales di Caktus e Maria in onore di Stefano Furlan, in Via Valmaura a Trieste (foto http://www.artefatto.info/)

 

In quell’epoca di “bomber indossati al contrario”, ad occuparsi della vita di curva, oltre alle fanzine autoprodotte dai gruppi ed alla rivista settoriale Supertifo, si cimenta anche il Guerin Sportivo, sacra lettura sportiva degli Italiani. Addirittura la sua tiratura settimanale raggiunge centinaia di migliaia di lettori, tra cui il pontefice Giovanni Paolo I, che lo alterna al Vangelo domenicale. Tempo fa sulle nostre pagine virtuali abbiamo provocatoriamente incitato la testata a riconquistare l’autorevolezza di quel periodo, quando, sotto la guida di Italo Cucci, affidava a Renato Curcio l’analisi della più sanguinosa pagina del calcio tricolore. Così, riguardo la strage dello Stadio Heysel del maggio 85, dal carcere la mente delle BR scriveva:

 

<< All’appuntamento con lo show dell’anno si è presentato anche Thanatos, il Guastafeste. Kissinger, Agnelli & C. hanno assistito al suo rumoroso ingresso nella curva Z…

 

Il rito del calcio, infatti, nella crisi dei valori e del politico che corrode le antiche certezze, svolge per così dire un ruolo di supplenza e raccoglie i cocci della civiltà della morte cercando in qualche modo di tenerli insieme…

 

Per quanto “accesi” i tifosi non sono animali. E neppure psicopatici, mestatori politici o sub-normali..Sono masse culturalmente manipolate. Cristalli di massa sociale canalizzata, influenzata e spinta ad identificarsi con una “bandiera” e a identificare, in un’altra, il suo generico nemico…

 

Le guerre negli stadi sono guerre di corpi in trappola che finiscono per perfezionare la trappola..Metafore spietate della guerra in quest’epoca metropolitana >> (1)

 

 


Leggi anche l’episodio I e l’episodio II della serie Ultras d’Italia! 


Note

(1) Testo tratto da Guerin Sportivo (numero 11, dicembre 2018)

Bibliografia

“Ultrà. Le sottoculture giovanili negli stadi d’Europa” di V. Marchi (Hellnation, 2015)

“I ribelli degli stadi. Una storia del movimento ultras italiano” di P. Spagnolo (Odoya, 2017)

“@Ultras. Parole e suoni dalle curve” di D. Mungo e G. Ranieri (Edizioni Il Galeone, 2017)

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
26 Novembre

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
recensioni
Alberto Fabbri
22 Marzo

Il ricordo di un’estate italiana

Dopo il Mondiale delle Notti Magiche l'Italia ed il calcio non sarebbero stati più gli stessi.
Italia
Remo Gandolfi
28 Dicembre

Pierluigi Casiraghi aveva due palle così

Contro-storia di Pierluigi Tyson Casiraghi
Italia
Marco Metelli
7 Dicembre

Tremendismo granata

La scalata al Paradiso del Toro dei miracoli.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Giugno

Vogliamo ballare in Curva, non nelle discoteche

L'ultimo DPCM si è dimenticato dei tifosi, ancora una volta.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Tifo
Jacopo Benefico
19 Novembre

Marsiglia vs Nizza, il derby del mare

Storia di due città che si odiano da sempre.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Gennaio

Se questi sono ultras

Le curve rischiano di morire di criminalità.
Ritratti
Marco Metelli
2 Novembre

Antonio Cassano

Il ragazzo che non voleva crescere.
recensioni
Alberto Fabbri
26 Novembre

ILVA Football Club

Ai piedi degli altiforni il pallone è un inno alla vita.
Tifo
Andrea Angelucci
20 Aprile

Il calcio è di tutti

Azionariato popolare e Finanziamento collettivo. L'utopia esiste.
storie
Roberto Puglisi
9 Febbraio

Domenica era sempre Domenica

La domenica di calcio raccontata da un ragazzo cresciuto negli anni 80: un rito sacro tra radioline, televisori in bianco e nero e Novantesimo Minuto.
Papelitos
Alberto Fabbri
6 Marzo

Giù le mani dal Meazza!

Contro l'abbattimento dello stadio di San Siro.
Podcast
La Redazione
4 Agosto

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Podcast
La Redazione
13 Luglio

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Tifo
Alberto Fabbri
16 Settembre

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Italia
Giuseppe Cappiello
12 Marzo

US Fasano, il calcio del suo popolo

Il pallone come rito e bene collettivo.
Ritratti
Alberto Fabbri
1 Marzo

Giuseppe Meazza, il divo dai piedi d’oro

Alla scoperta di Peppìn, icona nerazzurra e monumento del calcio nazionale.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Ritratti
Luca Pulsoni
26 Gennaio

Valentino Mazzola, il primo degli Invincibili

La leggenda del giocatore simbolo del Grande Torino.
Tifo
Michelangelo Freda
29 Gennaio

The Club Shakhtar, tifosi sul fronte

Intervista al The Club, il gruppo ultras più influente dello Shakhtar Donetsk, tra tifo organizzato, nazionalismo e guerra.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Italia
Michelangelo Freda
12 Gennaio

Pandemonio Serie C

Oggi riparte la Serie C. Ma i problemi della Lega Pro sono ancora lungi dall'essere risolti.
Cultura
Domenico Rocca
8 Aprile

La sciarpa, il tamburo e la siringa

Negli anni '70 l'eroina ha cancellato una generazione, dalle piazze e dagli stadi.
Interviste
La Redazione
17 Aprile

Ragazzi di stadio

Intervista a Daniele Segre, il regista che ha raccontato la nascita dei gruppi ultras italiani.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Tifo
Domenico Rocca
2 Febbraio

Le ombre del caso Speziale

Ricorre oggi l'anniversario di una tragedia dai tratti oscuri.
Tifo
Alberto Fabbri
10 Giugno

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Papelitos
Alberto Fabbri
8 Ottobre

Prime sentenze

All'ottava giornata la Serie A si è già espressa.
Ritratti
Alberto Fabbri
12 Febbraio

Giacomo Bulgarelli, eterna bandiera

Di Bologna figlio, del Bologna sposo.
pellicole
La Redazione
11 Aprile

L’anti-gioco italiano

Secondo Carmelo Bene.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
17 Dicembre

La Jugoslavia degli ultras

Umesto Top Liste, la prospettiva dagli spalti.
Papelitos
Beniamino Scermani
24 Agosto

Attenti al lupo sessista!

Malgrado un'estate che ha messo a dura prova la tenuta del nostro calcio, le battaglie simboliche e marginali continuano ad occupare il dibattito e le prime pagine dei giornali.
Papelitos
Lorenzo Ottone
4 Luglio

L’insostenibile inutilità del derby di Torino

La fine delle rivalità attraverso la stracittadina all'ombra della Mole.
Interviste
Michelangelo Freda
9 Gennaio

Shkendija, non chiamateci macedoni

Intervista ai Ballistet, ultras dello Shkendija, tra nazionalismo albanese e supporto alla causa kosovara.
Italia
Marco Gambaudo
23 Dicembre

Il fu Mattia Perin

Le scelte sbagliate di un portiere straordinario.
Interviste
La Redazione
6 Novembre

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Italia
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Papelitos
Sebastiano Caputo
18 Agosto

La Serie A sta diventando una casa di riposo

Da campionato più bello del mondo a resort di lusso.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Tifo
Jacopo Benefico
7 Novembre

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Italia
Gianluca Palamidessi
25 Gennaio

Vedere Mauro Zarate alla Lazio e piangere

Ricordo di Mauro Zarate con la maglia della Lazio.
Papelitos
Lorenzo Santucci
27 Settembre

Aldrovandi vive nel ricordo

Lo stadio come luogo di coerenza sentimentale.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Settembre

Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!

Il trasferimento di Icardi al PSG è una manna dal cielo.
Italia
Andrea Mainente
6 Novembre

Lunga vita al Lanerossi Vicenza

La squadra e la città, unite per sempre.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
recensioni
Massimiliano Vino
9 Aprile

I primi cinquant’anni del calcio in Italia

Enrico Brizzi racconta il pallone tricolore, dalle sue origini fino al Grande Torino.
Italia
Alberto Fabbri
12 Gennaio

Palermo vive di calcio

Il tifo per i rosanero, il Palermo Calcio Popolare e l'amore per il meraviglioso gioco.
storie
Andrea Catalano
10 Luglio

La mistica del rigore. Francia-Germania 82

Tutto iniziò nella "Notte di Siviglia".
Tifo
Michelangelo Freda
6 Maggio

L’altro volto del Paris Saint-Germain

La storia che non conoscete dietro al PSG.