Carrello vuoto
Calcio
13 Dicembre

Ultras d’Italia, ep. III

Alberto Fabbri

78 articoli
I sanguinosi anni Ottanta.

Teschi alati, crani sfondati e ghigni beffardi sopra ossa incrociate. Felini e bulldogs, lupi, aquile ed altre belve feroci. Asce, spade, cacciaviti e martelli. Paperino, Corto Maltese, Andy Capp, il navajo Hamal e Ranxerox. Bambulè e foglie di Maria. Negli anni Ottanta l’iconocografia Ultras adorna gli stadi di tutto lo Stivale e migliaia di giovani sottoscrivono il tesseramento nei vari gruppi. Ormai il movimento ha abbandonato la nicchia ed è esondato tra la gente, come testimoniano i palazzetti della palla a spicchi, già da qualche tempo. Archiviato lo scandalo del “Totonero”, il Mundial di Spagna preannuncia il decennio più fulgido del pallone nostrano e gli occhi del mondo volgono all’Italia, dove i protagonisti strabiliano in campo e sugli spalti.

 

Andy Capp Ultras del Catanzaro (http://www.ilgiallorosso.info)

 

Innanzitutto i settori popolari offrono una verace rappresentazione della nuova mutazione affrontata dalla società italiana, dopo il boom economico ed i plumbei Settanta. Il Movimento del 77′ infiamma nuovamente le strade, dove disordini e turbolenze non sono più soltanto conseguenza delle rivendicazioni studentesche, bensì estremo disagio delle frange del sottoproletariato e della piccola borghesia. Così, quando l’alba del decennio sancisce l’abbandono definitivo della pratica politica, da un lato la violenza diviene l’extrema ratio delle cellule terroristiche, mentre dall’altro apre un nuovo fronte presso le arene sportive. Intanto il terremoto d’Irpinia, la strage di Ustica e l’attentato alla stazione di Bologna mettono alla prova la saldezza delle Istituzioni che, una volta pacificate le piazze, si illudevano di poter tirare il fiato.

 

I resti della stazione di Bologna, dopo l’attentato

 

Nel frattempo le sirene della pubblicità, propugnata dall’esordio della televisione commerciale, offrono l’illusione di un benessere economico alla portata di tutte le classi e di qualsiasi portafoglio. Durante gli indimenticabili sabato sera, ogni sogno diviene realizzabile ed ogni desiderio appagabile, seguendo le note della discomusic. Eppure, al risveglio della domenica, ai giovani non rimane altro che l’amaro in bocca delle promesse non mantenute e delle nuove droghe, miniera d’oro della malavita. Eroina e cocaina affiancano in fretta cannabis e LSD nei consumi in strada, in discoteca e allo stadio. Il ricambio generazionale e l’arruolamento di nuove leve contribuiscono alla frammentazione interna delle curve, dove “cani sciolti”, lontani dalle logiche e dal controllo dei gruppi tradizionali, costituiscono le autentiche mine vaganti domenicali.

 

L’estremismo degli Irriducibili, gruppo storico della Nord laziale nato nel 1987

 

Quando dalle piazze viene importato l’uso di armi e nelle divise dei celerini è individuato l’altro nemico, se non il primo, gli ingredienti per l’innalzamento del livello della violenza negli scontri ci sono tutti. In particolare la legge del beduino, secondo cui “l’amico del mio nemico è mio nemico”, definisce il risiko dei rapporti tra le tifoserie. Le rivalità possono avere matrice sportiva, politica, spesso campanilistica, oppure essere frutto dei primi gemellaggi, prima stretti e poi infranti. Così, la scacchiera è allestita e tutte le pedine pronte a darsi battaglia, i cui resoconti di cronaca nera sovente affiancano i tabellini delle partite, sui giornali del lunedì.

 

Stagione 86/87, gli Ultras della Roma attendono gli Ultras dell’Hellas Verona

 

Seppur non causato da un episodio violento, l’accidentale rogo allo Stadio Ballarin, costato le giovani vite di Maria Teresa Napoleoni e Carla Bisirri, inaugura la luttuosa rassegna. Immediatamente dopo segue Vittore Palmieri, deceduto a cause delle ferite riportate in occasione di un derby meneghino, al Mundialito per Club nel giugno 81; da questo episodio si porranno le basi per il patto di non belligeranza, stretto tra le due curve del Giuseppe Meazza. Poi verranno Andrea Vitone e Paolo Siroli, romanisti e giovanissime vittime di incendi appiccati su vagoni di due treni, che riportano i tifosi nella capitale. Ancora, Marco Fonghessi, accoltellato da un altro rossonero, perché scambiato per un cremonese. Nazzareno Filippini invece, tra i fondatori del gruppo piceno “Settembre Bianconero”, muore in seguito ai colpi ricevuti nel convulso dopopartita di Ascoli-Inter.

 

Il muro della Curva ascolana

 

Il caso di Stefano Furlan, appassionato triestino picchiato dalla polizia nei momenti seguenti un derby di coppa con l’Udinese, dimostra che non solo i tifosi possono indossare il cappuccio del boia. Infine, la stagione 88/89 si conclude violentemente con il dramma di Antonio De Falchi, aggredito da sostenitori locali prima di Milan-Roma, e con l’assalto al treno dei bolognesi alla stazione di Firenze Rifredi; Ivan Dall’ Olio avrà salva la vita, ma lo segneranno per sempre le ustioni provocate dalla molotov, che ha colpito il suo vagone. Dopo pochi mesi è approvata la legge n. 401 del 1989 che introduce il cosiddetto Divieto di Accesso alle manifestazioni SPOrtive, la cui natura amministrativa è ancora oggi al centro di controversie.

 

Il murales di Caktus e Maria in onore di Stefano Furlan, in Via Valmaura a Trieste (foto http://www.artefatto.info/)

 

In quell’epoca di “bomber indossati al contrario”, ad occuparsi della vita di curva, oltre alle fanzine autoprodotte dai gruppi ed alla rivista settoriale Supertifo, si cimenta anche il Guerin Sportivo, sacra lettura sportiva degli Italiani. Addirittura la sua tiratura settimanale raggiunge centinaia di migliaia di lettori, tra cui il pontefice Giovanni Paolo I, che lo alterna al Vangelo domenicale. Tempo fa sulle nostre pagine virtuali abbiamo provocatoriamente incitato la testata a riconquistare l’autorevolezza di quel periodo, quando, sotto la guida di Italo Cucci, affidava a Renato Curcio l’analisi della più sanguinosa pagina del calcio tricolore. Così, riguardo la strage dello Stadio Heysel del maggio 85, dal carcere la mente delle BR scriveva:

 

<< All’appuntamento con lo show dell’anno si è presentato anche Thanatos, il Guastafeste. Kissinger, Agnelli & C. hanno assistito al suo rumoroso ingresso nella curva Z…

 

Il rito del calcio, infatti, nella crisi dei valori e del politico che corrode le antiche certezze, svolge per così dire un ruolo di supplenza e raccoglie i cocci della civiltà della morte cercando in qualche modo di tenerli insieme…

 

Per quanto “accesi” i tifosi non sono animali. E neppure psicopatici, mestatori politici o sub-normali..Sono masse culturalmente manipolate. Cristalli di massa sociale canalizzata, influenzata e spinta ad identificarsi con una “bandiera” e a identificare, in un’altra, il suo generico nemico…

 

Le guerre negli stadi sono guerre di corpi in trappola che finiscono per perfezionare la trappola..Metafore spietate della guerra in quest’epoca metropolitana >> (1)

 

 


Leggi anche l’episodio I e l’episodio II della serie Ultras d’Italia! 


Note

(1) Testo tratto da Guerin Sportivo (numero 11, dicembre 2018)

Bibliografia

“Ultrà. Le sottoculture giovanili negli stadi d’Europa” di V. Marchi (Hellnation, 2015)

“I ribelli degli stadi. Una storia del movimento ultras italiano” di P. Spagnolo (Odoya, 2017)

“@Ultras. Parole e suoni dalle curve” di D. Mungo e G. Ranieri (Edizioni Il Galeone, 2017)

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Tennis
Diego Mariottini
7 Giugno 2022

Il rogo del Ballarin, una tragedia dimenticata

Il più grande dramma in uno stadio italiano, in un periodo molto delicato.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno 2022

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Tifo
Michelangelo Freda
19 Maggio 2022

Si può essere ultras a Lipsia?

Un tifo in provetta, o meglio in lattina.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Italia
Luca Pulsoni
30 Marzo 2022

I ragazzi che diventeranno uomini senza l’Italia ai mondiali

Storia di un disamore antico: quello tra i ragazzi italiani e il pallone.
Italia
Valerio Santori
28 Marzo 2022

La disfatta dell’Italia senza un capro espiatorio

Perché la conferma di Mancini è una buona notizia per il movimento.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
27 Marzo 2022

L’anima nera degli ultras ucraini

Dalle curve al fronte, tra guerra e ultranazionalismo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Marzo 2022

Capello: seguire il modello tedesco, non quello (defunto) di Guardiola

Don Fabio indica la via al calcio italiano.
Papelitos
Andrea Antonioli
25 Marzo 2022

È giusto così

Il male oscuro dell'Italia è tornato.
Papelitos
Matteo Paniccia
9 Marzo 2022

Non tifare, investi! (e perdi)

Perché i fan token sono pericolosi.
Tifo
Alessandro Imperiali
1 Marzo 2022

Stefano Furlan vive

La morte di un tifoso, la morte senza giustizia di un ragazzo.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Tifo
Jacopo Benefico
9 Febbraio 2022

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Italia
Alberto Fabbri
12 Gennaio 2022

Palermo vive di calcio

Il tifo per i rosanero, il Palermo Calcio Popolare e l'amore per il meraviglioso gioco.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Cultura
Gabriele Fredianelli
30 Novembre 2021

Luciano Bianciardi e quella notte speciale a Cagliari

Conversazioni alcolico-notturne con Scopigno tra Hegel, Guttuso e Gershwin.
Tifo
Alberto Fabbri e Domenico Rocca
26 Novembre 2021

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Ritratti
Domenico Rocca
3 Novembre 2021

Romeo Anconetani, il vescovo di Pisa

L'urlo della provincia in un calcio a misura d'uomo.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
26 Ottobre 2021

Stefano Cerioni diventerà il Mancini della scherma?

Un parallelo tra i CT del fioretto e del calcio.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Tifo
Alberto Fabbri
16 Settembre 2021

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Italia
Michelangelo Freda
4 Settembre 2021

Il modello del Südtirol

La Bolzano biancorossa sogna il calcio che conta, ma è divisa tra tedeschi e italiani.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Tifo
Alberto Fabbri
10 Giugno 2021

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Tifo
Alberto Fabbri
6 Maggio 2021

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Marzo 2021

Viva il pragmatismo degli Azzurrini di Nicolato!

Lotta, sudore, sacrificio: ma per De La Fuente è l'anticalcio.
Interviste
Giuseppe Cappiello
12 Marzo 2021

US Fasano, il calcio del suo popolo

Il pallone come rito e bene collettivo.
Recensioni
Alessandro Saviano
2 Marzo 2021

Hool non è solo letteratura sportiva

Vite ribelli tra pub, palestre e cimiteri.
Ritratti
Alberto Fabbri
12 Febbraio 2021

Giacomo Bulgarelli, eterna bandiera

Di Bologna figlio, del Bologna sposo.
Calcio
Luca Pulsoni
8 Febbraio 2021

Suning naviga in cattive acque

Nel frattempo l'Inter non può concedersi distrazioni.
Ritratti
Domenico Rocca
6 Febbraio 2021

Erasmo da Taranto

Erasmo Iacovone, l’uomo e il simbolo.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Tennis
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2021

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Calcio
Francesco Andreose
30 Dicembre 2020

Le favole non esistono

Dall'uso all'abuso di un termine inflazionato.
Calcio
Alberto Fabbri
29 Dicembre 2020

Nessun vaccino per il calcio italiano

All'estero piani concreti, in Italia fumo negli occhi.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Tifo
Emanuele Meschini
17 Dicembre 2020

Genoa-Siena: tra farsa e realtà

Una tragedia inscenata sul palcoscenico dello Stadio Ferraris.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Tifo
Jacopo Benefico
19 Novembre 2020

Marsiglia vs Nizza, il derby del mare

Storia di due città che si odiano da sempre.
Storie
Emanuele Meschini
12 Novembre 2020

Amatori Ponziana, la squadra che scelse Tito

La squadra di Trieste che giocò nel campionato jugoslavo.