Carrello vuoto
Italia
8 Febbraio

Ultras d’Italia, ep. IV

Alberto Fabbri

74 articoli
Italia 90, il "Calcio moderno" ed il principio della crisi.

Non esisteva un carnevale più colorato, una festa più divertente, oppure uno spettacolo tanto esaltante. Così appariva la partita agli occhi di un bambino negli anni Novanta. La settimana trascorsa in preda all’immaginazione e alla fantasia, quindi il batticuore alla vista dello stadio, poi le gradinate che si aprivano davanti, soltanto per lui, una volta salite le scalinate di corsa. Se il primo sguardo era rivolto al tappeto verde, sul quale i colori delle maglie dei suoi campioni creavano l’effetto più vivido ed inconfondibile del mondo, la seconda occhiata volgeva alla curva di casa, dove i cori tonanti, i bandierioni, i tamburi ed i fumogeni creavano un’atmosfera di assoluta magia. E ancora le torce lanciate ai gol come stelle filanti, le nere confezioni di Borghetti sulla pista ed ovviamente le proibite parolacce dedicate agli ospiti, da cui bisognava assolutamente astenersi e soprattutto non replicare a scuola. L’esaltazione si esauriva solo il giorno successivo quando, tra i banchi e nel cortile, si rivivevano le prodezze ed i ricordi si custodivano in attesa della prossima partita.

 

Coreografia della Curva Andrea Costa nel settembre 1996 (https://archiviotimf.blogspot.com)

 

L’ultimo decennio del calcio del Novecento si apre con il torneo iridato, ospitato proprio nel Belpaese, dove si approfitta della cascata di fondi pubblici per rammodernare gli stadi e soprattutto rimpinguare le tasche di amici e parenti, implementando il peggiore dei modi di “fare impresa” nostrani. Infatti, l’alba successiva alle Notti Magiche rivela la superficialità degli interventi manutentivi, che riporteranno l’arretratezza degli impianti italiani al centro del dibattito pubblico, nemmeno trascorse due decadi. Ad ogni modo si registra la delimitazione fisica dei settori per i tifosi ospiti, dove sono seguiti con particolare attenzione i sudditi di Elisabetta II, relegati a Cagliari durante la fase a gironi del mondiale. Tale gestione è volta da un lato a limitare il raggio d’azione degli Hooligans, vogliosi di sfogarsi dalla repressione interna propugnata dal governo Thatcher, dall’altro ad evitare il più possibile i contatti con i gruppi ultras italiani, nelle cui menti sono indelebili le immagini della strage dell’ Heysel.

 

Il cammino dell’ Inghilterra di Platt, Lineker e Gascoigne si conclude soltanto nella finalina contro gli Azzurri, scendendo così in campo a Bologna, Napoli, Torino e Bari. Gli scontri con la polizia ed i locali non mancano, tanto che nel capoluogo emiliano un inglese muore dopo essere stato investito da un auto, in circostanze oscure. Tuttavia si può affermare che i sentimenti nei confronti degli ospiti d’Albione non siano univoci tra le tifoserie italiane, poiché  il modo di vivere la partita dei sostenitori dei Tre Leoni suscita una forte fascinazione da sempre, nel variegato panorama del tifo nostrano. In particolare l’attitudine goliardica, i canti prolungati, il rifiuto dei tamburi ed un nuovo codice estetico, al di là dell’effettiva o solo apparente adesione alla sottocultura casual, diventano i caratteri di coloro che strizzano l’occhio alle terraces d’Oltremanica.

 

 

 

Lo striscione da trasferta delle Brigate Gialloblu ospite nello Shed di Stamford Bridge (parlandodisport.it)

 

In una meravigliosa sequenza del documentario “Ragazzi di Stadio” del 1980, i Fighters bianconeri rivelano la loro ammirazione per la Kop del Liverpool. Queste immagini, che a posteriori suscitano un amaro sorriso, ritraggono un ragazzo che fa suonare un vinile diffondendo nella propria camera le inconfondibili note di “You’ll never walk alone”, la canzone che ogni tifoso vorrebbe dedicare alla propria squadra. Altri celebri esempi di curve, che hanno mutuato parzialmente i dettami del tifo all’inglese, sono rappresentati da Veronesi e Laziali. Riguardo ai primi, si può affermare inoltre che le Brigate Gialloblu abbiano fatto giurisprudenza, loro malgrado. Infatti lo scioglimento nel novembre del ’91 è l’epilogo coatto di un’operazione repressiva attuata dalla fine degli anni Ottanta, il cui apice sono stati arresti e condanne per “associazione a delinquere”, capo d’imputazione allora inedito per un gruppo ultras.

 

Archiviate le immagini delle sfrenate esultanze di Schillaci, nel primo lustro dei Novanta si registra un innalzamento del tasso di incidenti, che vedono protagonisti non solo tifoserie rivali, ma anche le forze dell’ordine, accompagnati da feriti e decessi. In questo periodo, oltre alle tragedie di Celestino Colombi e Salvatore Moschella, è l’assassinio del genoano Vincenzo Spagnolo a sconvolgere le coscienze. Infatti “Spagna” è stato accoltellato nel piazzale antistante la Gradinata Nord dello Stadio Luigi Ferraris, durante un contatto con un gruppo di milanisti. Così come viene sospesa la gara, nel tentativo di gestire la reazione dei locali, anche l’intero movimento ultras si ferma per la prima volta a riflettere. Dalla riunione a cui partecipano quasi tutti i principali gruppi del Paese, viene diffuso un volantino che esprime una sorta di invito alla autoregolamentazione dai toni critici, intitolato “Basta Lame Basta Infami”.

 

Il testo del volantino (dalla pagina facebook “Sostieni la curva”)

 

Nel frattempo, nell’estate del 1993 le televisioni private hanno fatto il loro ingresso nel mondo del pallone, sconvolgendone per sempre gli equilibri. E’ l’avvento del cosiddetto “Calcio moderno”, flagello che spalanca definitivamente le porte del tempio ai mercanti, bramosi di sostituire il culto del Gioco con l’idolo del dio Denaro. Non che prima di essi a bordo campo si aggirassero esclusivamente vergini ed innocenti sacerdotesse, tuttavia si può affermare senza remore che l’avvento delle tv a pagamento abbia avviato la definitiva mutazione del football in industria. Così, dissacrate le domeniche pallonare, il cui fascino era accresciuto dalla spasmodica attesa settimanale, l’appassionato assume i connotati del cliente da spremere, sia chiaro, prima ancora che soddisfare. Il calcio diviene un mero prodotto da propinare in qualsiasi orario e giorno, ad un pubblico acritico, inerme fisicamente ed intellettualmente, meglio ancora se esclusivamente televisivo.

 

Indebolito nei numeri dall’emorragia di pubblico ed al centro di una costante campagna di demonizzazione, il movimento non è in grado di opporre un fronte compatto alle battaglie che chiudono il millennio, dal caro-biglietti ai nuovi orari dello spezzatino televisivo, passando per l’inasprimento delle “Leggi speciali”. Purtroppo nemmeno i buoni propositi diffusi mediante il volantino avranno seguito. Ai lutti di Fabio Di Maio e Mario Bani, invero non vittime di scontri, si aggiunge il rogo vandalico del convoglio che riporta i salernitani a casa, dalla trasferta di Piacenza. La tragedia costa la vita a quattro giovanissimi granata e segna la soppressione dei convogli organizzati per i tifosi. Messi all’angolo dai nuovi padroni del vapore, duramente colpiti dalle istituzioni e divisi da lotte intestine, gli ultras sembrano costretti ad alzare bandiera bianca, mentre l’Italia festeggia l’avvento del Duemila.

 

 


Leggi anche l’episodio I , l’episodio II e l’episodio III della serie Ultras d’Italia! 


Bibliografia

“Ultrà. Le sottoculture giovanili negli stadi d’Europa” di V. Marchi (Hellnation, 2015)

“I ribelli degli stadi. Una storia del movimento ultras italiano” di P. Spagnolo (Odoya, 2017)

“Ultras. Parole e suoni dalle curve” di D. Mungo e G. Ranieri (Edizioni Il Galeone, 2017)

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
Tifo
Domenico Rocca
15 Settembre

Supertifo, il peso del tempo

Parabola della prima storica rivista dedicata al tifo organizzato.
Estero
Lorenzo Solombrino
10 Dicembre

Malaga, sedotto e indebitato

Quando finisce l'amore, rimangono solo i debiti.
Papelitos
Beniamino Scermani
2 Settembre

Il calcio femminile contro le regole base dell’economia

Il professionismo femminile non può salvare il calcio italiano.
Interviste
Domenico Rocca
26 Settembre

Sulla strada puoi morire ma non invecchi mai

Oscar degli Statuto ha analizzato con noi la condizione odierna delle sottoculture giovanili. Dai mods ai casual, passando per gli ultras, qual'è stato il passato e quale sarà il futuro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Ottobre

L’Antinferno della Serie A

Il Benevento non esiste, la SPAL però ci crede. Chi sono dunque le ignave del campionato?
Tifo
Alberto Fabbri
10 Giugno

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Italia
Luca Pulsoni
8 Febbraio

Suning naviga in cattive acque

Nel frattempo l'Inter non può concedersi distrazioni.
Italia
Marco Metelli
7 Dicembre

Tremendismo granata

La scalata al Paradiso del Toro dei miracoli.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Ritratti
Matteo D'Argenio
27 Novembre

Le tre vite del Mono Burgos

Calciatore, allenatore, rockstar: un personaggio straordinario.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
13 Settembre

Lo spogliatoio è l’ultimo luogo sacro

In un mondo privo di regole, c'è un posto che impone ancora la propria legge.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Tifo
Alberto Fabbri
17 Maggio

Psicanalisi di Curva

Scambio di epistole digitali con Giuseppe Ranieri, autore Ultras.
storie
Massimiliano Vino
8 Gennaio

Unione Sportiva Milanese, il cuore a scacchi di Milano

L'Unione Sportiva Milanese, terza squadra di milano, alle radici dell'Ambrosiana.
Italia
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Estero
Marco Terranova
11 Febbraio

Patria o successo

Sempre più Paesi costruiscono rappresentative impostate su giocatori che non sono nati (nè cresciuti) nei confini nazionali. Convenienza o processo "fisiologico"?
Papelitos
Beniamino Scermani
24 Agosto

Attenti al lupo sessista!

Malgrado un'estate che ha messo a dura prova la tenuta del nostro calcio, le battaglie simboliche e marginali continuano ad occupare il dibattito e le prime pagine dei giornali.
Estero
Niccolò Giusti
17 Dicembre

Il risveglio nel pallone

«Il calcio, come la letteratura, se ben praticato è forza di popolo. I dittatori passano. Passeranno sempre. Ma un gol di Garrincha è un momento eterno. Non lo dimentica nessuno».
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Italia
Luca Giannelli
28 Dicembre

Il fallimento di un modello che non c’è

Concentrarsi sul singolo fatto per non mettere in discussione un sistema marcio.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
recensioni
Francesco Valerio Tommasi
15 Marzo

Cosa accade quando un teologo s’interroga sul calcio?

Perché bisogna leggere la Filosofia del calcio di Bernhard Welte.
Papelitos
Alberto Fabbri
27 Maggio

Italia senza palle

Perché l'uscita dalle coppe è stata una questione di attributi.
recensioni
Alessandro Saviano
2 Marzo

Hool non è solo letteratura sportiva

Vite ribelli tra pub, palestre e cimiteri.
Italia
Michelangelo Freda
4 Settembre

Il modello del Südtirol

La Bolzano biancorossa sogna il calcio che conta, ma è divisa tra tedeschi e italiani.
Italia
14 Gennaio

Damiano Tommasi

Dalla Roma a San Marino, una vita da mediano controcorrente.
storie
Emanuele Meschini
12 Novembre

Amatori Ponziana, la squadra che scelse Tito

La squadra di Trieste che giocò nel campionato jugoslavo.
storie
Marco Metelli
20 Giugno

La favola di Baggio ai tempi del Brescia

Amarcord del celebre matrimonio tra la Leonessa e il Divin Codino.
Italia
Alberto Fabbri
29 Dicembre

Nessun vaccino per il calcio italiano

All'estero piani concreti, in Italia fumo negli occhi.
Tifo
Alberto Fabbri
20 Dicembre

A Natale regala un DASPO

Alle diffide sotto l'albero preferiamo il carbone della Befana.
Interviste
Sebastiano Caputo
8 Novembre

L’arte di raccontare il calcio moderno

Vice-direttore de "Il Giornale", direttore della rivista "Undici", si firma su "Il Foglio" con il nome Beppe Di Corrado. Abbiamo incontrato Giuseppe De Bellis, giornalista barese trapiantato a Milano, che ha ideato un prodotto editoriale raffinato che mescola scienza ed epica al servizio del calcio.
Italia
Diego Mariottini
2 Marzo

Te lo do io Zico

La Leggenda di uno dei più forti numeri 10 della storia del calcio.
storie
Matteo Paniccia
14 Marzo

La Master League di PES come lezione di vita

Il 15 Marzo del 2001 usciva Pro Evolution Soccer per Play Station, segnando la storia dei videogiochi.
Italia
Giuseppe Cappiello
12 Marzo

US Fasano, il calcio del suo popolo

Il pallone come rito e bene collettivo.
Italia
Gianluca Palamidessi
13 Novembre

La crisi profonda del calcio nel Sud-Italia

Indagine di un problema storico e culturale.
Estero
Carlo Brigante
19 Dicembre

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Editoriali
Alberto Girardello
27 Novembre

I bambini sono seri e non conoscono l’impossibile

Sport e gioco condividono una libertà sempre più compressa dalla spettacolarizzazione.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
26 Ottobre

Stefano Cerioni diventerà il Mancini della scherma?

Un parallelo tra i CT del fioretto e del calcio.
Tifo
26 Novembre

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Italia
Michelangelo Freda
22 Ottobre

Juventus: l’apparente quiete prima della tempesta

Cosa ci dobbiamo aspettare dall'inchiesta che Report manderà in onda stasera?
storie
Simone Galeotti
8 Dicembre

Il Subbuteo ci ricorda che il calcio non è solo un gioco

Prima della Playstation, c'è stato il Subbuteo.
Ritratti
Alberto Fabbri
12 Febbraio

Giacomo Bulgarelli, eterna bandiera

Di Bologna figlio, del Bologna sposo.
Estero
Jacopo Benefico
6 Febbraio

Il calcio in Libano tra guerra, politica e religione

Crocevia di culture e religioni, il Libano è oggi un Paese sconvolto e senza futuro (anche nel calcio).
recensioni
Luigi Fattore
23 Luglio

La fine del calcio italiano

Il giornalista del Sole 24 Ore analizza con precisione chirurgica gli ultimi trent'anni del calcio nostrano, segnato da ogni tipo di scandalo, partendo dallo scempio di Italia '90 fino ad arrivare all'esclusione di Russia 2018. Contrasti recensisce l'ultima fatica di Bellinazzo.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
27 Marzo

Moggi è stato premiato al Senato

Il riconoscimento alla carriera conferito a Luciano Moggi, in un'aula del Senato, è l'ennesima prova di un Paese senza memoria.
Italia
Alessandro Imperiali
2 Marzo

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.