Papelitos
29 Settembre 2021

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.

Zaniolo non è stato squalificato. Una (ridicola) ammenda di appena 10mila euro e la storia si è conclusa. E menomale, aggiungiamo noi. Il giocatore della Roma non è il primo ad aver “rivolto ai sostenitori della squadra avversaria un gesto di sfida volgare”, come scrive il giudice sportivo nel comunicato in cui viene riportata la multa. E di certo non sarà l’ultimo calciatore a farlo. Per i pochi che se lo fossero perso, Zaniolo è stato colto in fallo (in tutti i sensi) dall’occhio di una videocamera presente allo stadio domenica sera (probabilmente quella di Anna Falchi, giusto per rendere il tutto ancor più assurdo).

Noi, forse esagerando ma senza alcun tipo di ipocrisia o buonismo, ci permettiamo di dire che è stata la miglior giocata della partita. La stessa che fece entrare Simeone nel cuore dei tifosi biancocelesti in un derby di vent’anni fa. Il colore della maglia quando accadono certe cose non ha alcuna importanza, è l’importanza del gesto ciò che conta. Se parliamo di educazione ed eleganza allora il ragazzo ha sbagliato, se parliamo di Derby tra Lazio e Roma, il ragazzo ha fatto bene (soprattutto alla luce di certe testimonianze d’amore che il tifo biancoceleste gli ha riservato da due anni a questa parte). Alla stampa generalista che ha immediatamente condannato Zaniolo per il “terribile gesto” suggeriamo di continuare ad occuparsi dell’ultima fiamma del ragazzo. Qualcuno ha detto che ci vorrebbe “la VAR per questi episodi”, qualcun altro che il numero 22 della Roma ha sbagliato in quanto esempio per i più piccoli (gli stessi che su internet possono godere di qualsiasi porcheria).

Il puritanesimo ha rincoglionito l’occidente.

Nessuno però ha riflettuto sul fatto che un atteggiamento simile rappresenta una doppia vittoria: sia per i laziali che per i romanisti. Per i primi ovviamente perché non è altro che un ottimo pretesto per continuare a sfottere i cugini (una reazione del genere rappresenta la “rosicata” per eccellenza, se arriva dopo una sconfitta). Per i romanisti perché un loro giocatore, nonostante un derby perso, ha dimostrato di essere in grado di uscire dal campo con un’arroganza fuori dal comune. Tipica di quei personaggi che ami alla follia se sono nella tua squadra e che odi con tutto il cuore se hai contro. E vissero tutti felici e contenti.

Quasi tutti. Durante il derby di Roma si ha solo un compito: entrare in campo con la bava alla bocca, dare tutto per la vittoria, per se stessi, per i tifosi per la città. Mostrare gli attributi all’avversario fa parte del gioco. Il calcio non è una cena di gala. È sport di popolo e per questo viva tutti i gesti scorretti che possono esaltare le tifoserie. Di bravi ragazzi alla Claudio Marchisio ne abbiamo pieni i coglioni (a proposito di attributi). Viva la visceralità di Zaniolo. Viva Nicolò che a 20 anni proprio non deve essere l’esempio di nessuno. Permetteteci di chiudere con una speranza. Ci auguriamo che Maurizio Sarri, prima del prossimo derby, mostri nello spogliatoio il video di Zaniolo. Ne vedremo delle belle!

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Viva le devianze? No, viva lo sport
Altro
Alessandro Imperiali
02 Settembre 2022

Viva le devianze? No, viva lo sport

Si è riusciti a fare ideologia anche su questo.
Rieducare con lo sport, per non morire di carcere
Altro
Alessandro Imperiali
12 Agosto 2022

Rieducare con lo sport, per non morire di carcere

Un pallone per fuggire, almeno metaforicamente.
È tornato il derby della Capitale
Tifo
Alessandro Imperiali
03 Giugno 2022

È tornato il derby della Capitale

A Roma si respira un'atmosfera antica.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Il derby di Sarajevo
Calcio
Jacopo Benefico
01 Marzo 2021

Il derby di Sarajevo

FK Sarajevo e Željezničar, diverse ma unite.
Maledetto campionato
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Dicembre 2016

Maledetto campionato

Quarto caffè al Bar Sport, offre Allegri. La Serie A è un campionato serio. Rectius: è tornato alla serietà. Sì, perché in Europa paiono essersi allineati i pianeti.
Duellanti
Recensioni
Luigi Fattore
11 Marzo 2017

Duellanti

Paolo Condò ci racconta i diciotto giorni di fuoco in cui Guardiola e Mourinho si affrontarono per ben quattro volte.
Contro l’ Ünder-mania
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Febbraio 2018

Contro l’ Ünder-mania

Si plachi l’entusiasmo per il calciatore, si plachi la turcofilia (governativa) che comporta.
Herr Pep
Recensioni
Luigi Fattore
22 Marzo 2019

Herr Pep

Uscito ormai quattro anni fa, il libro di Perarnau è già diventato un classico della letteratura sportiva.