Carrello vuoto
Altro
29 Luglio

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.

La Gloria gli ha concesso (e si è concessa) un ultimo ballo, stretta tra le sue braccia. Nulla avrebbe avuto senso se, nella notte italiana della definitiva vasca di Federica Pellegrini, gli azzurri della sciabola fossero usciti nei quarti di finale contro l’Iran con Aldo Montano a fare da capitano non giocatore, seduto a bordo pedana come un turista qualsiasi.

Invece Luca Curatoli ha infilato la botta del 45-44 e mandato gli azzurri, tra mille brividi, a giocarsi di nuovo l’accesso al podio dei Giochi. E a quel punto tutto è tornato ad avere una logica, nel mondo biancovestito. Di fronte agli eterni avversari ungheresi e ad un Áron Szilágyi appena entrato nell’olimpo della sciabola col terzo oro individuale di fila, il destino ha indirizzato definitivamente gli eventi: ha fermato fisicamente il fresco argento di Gigi Semele e mandato Aldino a regolare i suoi conti con la Storia.

E così è stato proprio lui, 17 anni dopo, a chiudere il suo (quinto) cerchio contro i magiari, così come aveva cominciato. E anche a nome del nonno suo omonimo. Contro Zsolt Nemcsik Aldo junior vinse l’oro ad Atene nel 2004, adesso a Tokyo – contro i connazionali Andras Szatmari, ex campione del mondo, e Tamas Decsi, da Kazincbarcika sul confine est, con la sua lunga coda che fa pensare alle cariche degli ussari sulle piane d’Oriente – si prende la rivincita contro la squadra che ad Aldo senior, a Berlino 1936, tolse la gioia dell’oro sotto la guida del mitologico Aladár Gerevich.



D’altra parte mica è un caso se sei (6, numero) Montano, di tre generazioni diverse, in 85 anni di scherma hanno conquistato 14 medaglie olimpiche. Ed è proprio la grinta del veterano a ridare fiducia e colpi agli eredi Luca Curatoli ed Enrico Berrè, per portare a medaglia la nazionale azzurra di sciabola per la quarta olimpiade di fila (solo nel 2016 a Rio non era in programma la prova). Aldo c’è sempre stato: Atene, Pechino, Londra, Tokyo, costante imprescindibile di una formula che si è sempre rivelata magica anche quando pareva impossibile.

La finale contro la Corea del Sud infine dura giusto il tempo del primo assalto concluso 4-5, poi gli asiatici travolgono tutto e confermano, ad oggi, di essere di un altro pianeta per tutti nel mondo dell’arma che colpisce di taglio. Ad Aldo rimane solo qualche spicciolo in quella finale, un sanguinoso 0-5 di partenza ma anche qualche stoccata messa dentro, con la solita classe cristallina, quando però è ormai tardi per rimettere in gioco tutto ancora una volta.

Ma mentre lo guardi chiudere per sempre (si chiama Gu Bon-gil l’ultimo predestinato, fortunato, avversario) non ti luccicano gli occhi tanto per l’oro perduto dai nostri sciabolatori quanto perché ad ogni Êtes-vous prêts? Allez! che pronuncia il presidente di giuria sai che manca un secondo di meno al momento in cui Aldo su quella pedana ti mancherà già da morire. Anche se, a tutti gli orfani della sua classe, resteranno i filmati su youtube da riguardare in loop a giornate intere, per sognare ogni volta, anche se sai già il risultato di ogni singolo assalto.



Sai che sarà, semplicemente, qualcosa tipo dopo l’addio di Roby Baggio: da quando Aldo non tira più…

Anche se lui, il bimbo livornese che tanti anni fa sembrava uscito da una sceneggiatura di Virzì, nonostante gli occhi lucidi alla fine non potrà non lasciarsi scappare una battuta: “Quasi quasi continuo fino a Parigi 2024”. Ma la verità è che un addio così bello è concesso solo a pochi eletti. E perciò va bene così, anche se ci manca già, Aldo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Altri Sport
Giacomo Cunial
24 Settembre

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Antonio Aloi
26 Marzo

Giovanni De Carolis e il senso della boxe

Intervista con Giovanni De Carolis, degno rappresentante del vero spirito italiano: umile e talentuoso lavoratore con lo spirito in fiamme ed il sorriso gentile.
Calcio
Lorenzo Santucci
3 Luglio

San Francesco

29 giugno 2000.
Ritratti
Alberto Fabbri
4 Agosto

Ondina Valla

Il sole in un sorriso.
Calcio
Matteo Mancin
19 Dicembre

Gianni Brera

Ritratto di Gioannfucarlo.
Altro
Matteo Fontana
19 Marzo

Manuel Bortuzzo: un campione di resilienza

Cosa ci insegna il giovane Manuel.
Altro
Lorenzo Innocenti
21 Dicembre

Il rugby in Italia parla veneto

Il nord-est è la patria dell'ovale nostrana.
Storie
Luca Giorgi
10 Dicembre

Il Calcio nel Fascismo

Nel regime fascista il calcio si è affermato, anche involontariamente, come sport nazionale.
Calcio
Nicola Caineri Zenati
17 Marzo

Di Biagio e la ricostruzione dell’Italia

Ripartire da zero (o quasi).
Altro
Giacomo Proia
26 Luglio

Il gioco delle bocce grida: viva l’Italia!

Ma il mondo non gli concede il prestigio che meriterebbe.
Tennis
Francesco Domenighini
23 Luglio

Le Olimpiadi mutilate

Al via i Giochi più discussi di sempre.
Altro
Alessio Nannini
18 Luglio

Laurel Hubbard, la prima trans alle Olimpiadi

Una competizione sleale, ma secondo le regole.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Storie
Alberto Fabbri
25 Aprile

Paradiso-inferno, andata e risorto

La drammatica vicenda di Mario Pagotto, dai campi della massima serie ai lager, morto e risorto.
Papelitos
Giacomo Rossetti
23 Luglio

La mia pazza estate alle Olimpiadi di Tokyo

Seguire i Giochi dal vivo, sputo dopo sputo.
Basket
27 Agosto

Il basket italiano tira a campare

Anche stavolta, la pallacanestro si riforma l'anno prossimo.
Podcast
La Redazione
4 Agosto

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
2 Marzo

Patrizio Oliva, da Poggioreale all’oro olimpico

Uno dei più grandi rappresentanti del pugilato tricolore ci ha raccontato la sua storia, umana ancor prima che sportiva.
Altro
Alberto Fabbri
4 Settembre

Un popolo di santi, poeti e giocatori

Le carte, eterna passione arcitaliana.
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.
Editoriali
Leonardo Aresi
2 Maggio

Elogio del calcio parrocchiale

Colpire un pallone all'ombra di un campanile ci ricorda chi siamo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Papelitos
Luca Pulsoni
17 Giugno

Governare l’entusiasmo

Non soffiare sul fuoco, ma nemmeno spegnerlo.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Storie
Antonio Aloi
13 Aprile

L’epica della scuola pugilistica italiana

La Nobile Arte scorre nelle vene del Bel Paese.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Altro
Alessandro Autieri
22 Gennaio

I Fourcade, due pesci combattenti

Il dualismo tra Simon e Martin Fourcade si è risolto in modo inaspettato, facendo la Storia.
Podcast
La Redazione
13 Luglio

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Recensioni
Gezim Qadraku
17 Gennaio

L’ultima estate di Berlino

Federico Buffa e Paolo Frusca ci raccontano la storica Olimpiade del 1936. Un romanzo di sport, passione e ferocia.
Altro
Lorenzo Innocenti
30 Agosto

Geopolitica di Francia-Italia. Il rugby come metafora della guerra

Il rugby è molto più di un semplice sport.
Recensioni
Alberto Fabbri
26 Novembre

ILVA Football Club

Ai piedi degli altiforni il pallone è un inno alla vita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
Ritratti
Gabriele Fredianelli
4 Luglio

Aldo Montano, la scherma nel sangue

Cinque olimpiadi e non sentirle.
Storie
Pierfilippo Saviotti
10 Febbraio

Tifosi

Facciamo un viaggio alla scoperta dello spirito che ha animato le origini del nostro calcio, al riparo dalla compostezza e dal conformismo dell’attuale Serie A.
Altro
Cristian Lovisetto
26 Febbraio

Sei Nazioni 2019, terzo atto

Come è andata la terza giornata di gioco tra i titani europei della palla ovale.
Calcio
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Tifosi
Alberto Fabbri
8 Marzo

Ragazze Ultrà

L'emancipazione femminile è passata anche dalle curve.
Altro
Vito Alberto Amendolara
3 Dicembre

Basta retorica buonista sul rugby italiano

Siamo stanchi delle “sconfitte onorevoli”.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Papelitos
Alberto Fabbri
6 Marzo

Giù le mani dal Meazza!

Contro l'abbattimento dello stadio di San Siro.
Calcio
Remo Gandolfi
12 Dicembre

In ricordo di Pierino Prati

Il calciatore che ha segnato un'intera generazione.
Interviste
La Redazione
17 Aprile

Ragazzi di stadio

Intervista a Daniele Segre, il regista che ha raccontato la nascita dei gruppi ultras italiani.
Ritratti
Edoardo Salvati
12 Novembre

Julio Velasco

Allenatore, filosofo, leader, vate.
Tennis
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Immagine e depressione

Non un problema sportivo, ma culturale.
Papelitos
Simone Morichini
21 Giugno

L’ultima stoccata di Elisa Di Francisca

Elisa Di Francisca ci dimostra come si possa vincere lontano dal clamore mediatico.
Interviste
Jacopo Falanga
16 Giugno

Il Senso del gioco

Intervista in libertà a Francesco D'Arrigo, docente a Coverciano ed ex allenatore, sulle prospettive (e gli errori) del movimento calcistico italiano.
Altro
Cristian Lovisetto
3 Febbraio

6 Nazioni 2019, primo atto

Cosa c'è da sapere sulla prima giornata del più antico torneo internazionale di rugby.