Carrello vuoto
Calcio
13 Aprile

La difesa è il miglior attacco

Gianluca Palamidessi

127 articoli
Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.

In un calcio ormai spettacolarizzato fino all’eccesso, con difese inesistenti e squadre lunghissime – vuoi anche per un comprensibile calo psicofisico dei calciatori –, il Chelsea di Thomas Tuchel è una splendida sorpresa. Da quando l’ex tecnico di Paris Saint Germain e Borussia Dortmund ha preso il posto di Frank Lampard sulla panchina dei blues, i londinesi sono tornati a ridosso delle prime in Premier e ad un passo dalla semifinale di Champions League.

Poco prima di venir esonerato – a dicembre – dal PSG, Tuchel ha dichiarato alla stampa francese di sentirsi «più un politico, a volte, che un allenatore». Al Chelsea l’allenatore tedesco ha dimostrato con i fatti il senso profondo di questa dichiarazione. Più che offendere – prima, anzi, di offendere – il Chelsea ha imparato a difendere, a gestire la partita (e i suoi momenti), insegnando al calcio europeo una lezione ormai dimenticata – e recentemente ricordata da Max Allegri: la difesa è importante quanto l’attacco, se non di più.

Lo ha dimostrato, paradossalmente, anche il PSG di Pochettino una settimana fa. Incantati dalle giocate a campo aperto di Neymar e Mbappé, ci è sfuggito un dettaglio non irrilevante: la prova di coraggio e determinazione del trio Navas, portiere a dir poco sottovalutato, Danilo Pereira, che ha dovuto adattarsi come difensore per l’infortunio di Marquinhos, e Gueye, un Kanté in miniatura che ha bloccato il Bayern Monaco in più di un’occasione. Mentre il PSG sbancava l’Allianz Arena, il Porto di Conceição prendeva gol (2) e non riusciva a sorpassare la solidissima difesa del Chelsea di Tuchel.

tuchel azpilicueta
L’abbraccio con Azpilicueta, perno della difesa dei blues (Mike Hewitt/Getty Images)

Prima del Porto, agli ottavi di finale, il Chelsea si era trovato di fronte Simeone – maestro tattico proprio di Conceição – e l’esito era stato lo stesso. 1-0 con perla di Giroud in casa dell’Atletico Madrid, addirittura 2-0 nel ritorno a Stamford Bridge. Da quando Tuchel ha esordito sulla panchina dei blues, il 27 gennaio contro il Wolverhampton, il Chelsea, su 18 partite giocate tra Premier, FA Cup e Champions League, è riuscito a mantenere la propria porta inviolata ben 13 volte. Sono numeri incredibili, che dimostrano l’intelligenza del tecnico tedesco. Tuchel ha capito che non prendere gol è fondamentale per andare avanti (soprattutto in Champions).

È una storia già vista al Chelsea, che con Conte aveva fatto della solidità difensiva la prima arma per offendere (frustrare) l’avversario. Ma è la scelta degli uomini che racconta, meglio di qualsiasi statistica, lo straordinario lavoro di Tuchel.


Con Thiago Silva costretto spesso ai box, l’allenatore tedesco ha sì confermato la difesa a 3 già utilizzata da Lampard, ma ha rinforzato soprattutto il centrocampo, che tra Jorginho, Kovacic e il monumentale lavoro (ritrovato) di Kanté riesce a fondere perfettamente fase difensiva, fraseggio corto e fantasia. Anche i due esterni di centrocampo, Reece James e Ben Chillwell, sono più giocatori di copertura che di spinta.

Detto altrimenti, è come se il Chelsea giocasse a cinque dietro, e l’esclusione dal piano partita di Emerson Palmieri dice molto in questo senso. Lo stesso Palmieri, tra l’altro, con l’Atletico è entrato al 93′ e al 94′ ha segnato il gol della sicurezza, certificando il grande lavoro di gestione delle risorse e dello spogliatoio da parte di Tuchel (abile politico, come detto, oltre che grande tattico).

tuchel kante
L’abbraccio di Tuchel con Kanté, uomo chiave del Chelsea (Adrian Dennis – Pool/Getty Images)

Di più, Tuchel ha dato continuità ai giovani fenomeni già pupilli di Frank Lampard – parliamo di Havertz, dello stesso James, di Mason Mount –, reintegrando e responsabilizzando due senatori messi ai margini dalla precedente gestione tecnica: Kanté e Azpilicueta. Del primo si parla pochissimo, ma in poche squadre al mondo il centrocampista francese non giocherebbe titolare. La sua importanza per il gioco di Tuchel è sotto gli occhi di tutti.

Lo dimostra la prova contro l’Atletico Madrid, ma lo certificano anche alcune recenti dichiarazioni del calciatore:

«sono tornato a giocare in un ruolo che mi piace e che ho ricoperto qui, a Leicester e in Nazionale. Non è solo il modo migliore per giocare per me, ma anche per la squadra».

Oltre a Kanté, cruciale è stato, in questi primi mesi al Chelsea, il reintegro di Azpilicueta. Il giocatore spagnolo ha parlato molto chiaramente del proprio tecnico: «Tuchel ha le idee molto chiare, ha cercato di cambiare sistema di gioco e mentalità per ritrovare equilibrio pur senza perdere incisività in avanti». Mentalità ed equilibrio, due concetti cruciali che fanno venire le bolle ai progressisti del pallone, ma che al momento stanno dando ragione al tecnico tedesco.

Il quale, dal canto suo, ha usato per Azpilicueta parole al miele: «Ho il massimo rispetto per lui, è un giocatore incredibile. È un regalo per me avere un capitano del genere. È con un grande capitano che si ottengono grandi risultati. È umile, ha tante qualità in mezzo al campo, è pronto a dare tutto per i compagni, sempre, ad aiutarli dentro e fuori dal campo, in allenamento: Azpilicueta is the key». Gestione del gruppo, capacità di comunicazione, attenzione difensiva. Il nuovo Tuchel versione Chelsea ci piace parecchio. Anche se non ci piacesse, comunque, i risultati parlerebbero per lui. L’Europa è avvertita.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Luigi Fattore
23 Gennaio

L’equivoco Higuain

Il deprezzamento del Pipita nella percezione calcistica collettiva segue quello sul piano economico. L'approdo al Chelsea come ultima spiaggia per tornare a sorridere.
Ritratti
Ignazio Campanella
26 Luglio

Il fu Aljaksandr Hleb

Una carriera sbagliata: così si può riassumere la parabola calcistica di Aljaksandr Hleb.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Calcio
Roberto Gotta
8 Aprile

I Magpies vogliono la testa di Mike Ashley

Cronistoria del tormentato rapporto tra i tifosi del Newcastle United e il loro presidente.
Tifosi
Lorenzo Santucci
6 Settembre

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Calcio
Emanuele Iorio
21 Novembre

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Calcio
Lorenzo Solombrino
3 Agosto

Burnley, Britishness and Brexit

La squadra più britannica della Premier rispecchia la città.
Calcio
Antonio Grimaldi
13 Dicembre

La caduta degli dei

La storia di Roberto Di Matteo, dalla Champions all'anonimato.
Ritratti
Lorenzo Santucci
7 Aprile

Le follie di Massimo Moratti

Sbagliare per amore. E vincere.
Interviste
Alberto Fabbri
4 Aprile

Nella culla del Football

Intervista all'autore Stefano Faccendini, impareggiabile appassionato di calcio inglese.
Calcio
Andrea Antonioli
24 Agosto

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
2 Maggio

C’è Dio con loro

Il Madrid raggiunge la terza finale consecutiva, la quarta in cinque edizioni.
Calcio
Antonio Torrisi
14 Luglio

La supremazia della Premier è un falso storico

Non è tutto inglese quel che luccica, anzi.
Papelitos
Luca Rubeo
13 Aprile

Ancora tu

Lo scontro tra titani termina con una netta vittoria dei blancos, guidati dal solito CR7.
Papelitos
Federico Brasile
12 Dicembre

L’Atalanta ci fa tornare bambini

Il trionfo dell'Atalanta è la vittoria dei belli e dei giusti.
Storie
Leonardo Aresi
7 Novembre

Dal campo alla trincea

“When football was football and footballers were men“. Come i calciatori del Regno Unito nel primo conflitto mondiale abbandonarono i campi da gioco per arruolarsi nell'esercito di Sua Maestà.
Storie
Marco Gambaudo
26 Novembre

Stella Rossa v Bayern 1991, scontro di mondi

Una doppia semifinale che riassume la grande Stella Rossa di Belgrado, con pregi e difetti.
Storie
Rudy Galetti
22 Aprile

Il miracolo di Brian Clough

La straordinaria epopea del Nottingham Forest.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
15 Febbraio

Robbie Keane, il fiore d’Irlanda

Il fallimento con la maglia dell'Inter ha privato il nostro calcio di un giocatore entusiasmante.
Recensioni
Gezim Qadraku
22 Aprile

Febbre a 90°

Il film che spiega cosa significa essere un tifoso di calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Calcio
Simone Galeotti
23 Novembre

Suffolk Song

C'era una volta l'Ipswich Town.
Calcio
Gennaro Malgieri
14 Dicembre

Davide contro Golia

Tra Napoli e Madrid si combatterà una battaglia che ricorda quella di Salamina (480 a.C.), tramandataci nella sua epicità dolorosa e gloriosa da Eschilo nella tragedia "I Persiani".
Calcio
Federico Brasile
6 Marzo

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.
Papelitos
Luigi Fattore
25 Febbraio

Solo per tre minuti

Come un episodio di vergognosa insubordinazione ha oscurato agli occhi della stragrande maggioranza dei media la buona prova dei Blues di Sarri contro il City di Guardiola nella finale di League Cup.
Calcio
Gianluca Palamidessi
3 Febbraio

Così parlò Xabi Alonso

A Xabi Alonso è sempre piaciuto l’atto pratico: l’eleganza era in lui connaturata.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Calcio
Alberto Fabbri
12 Marzo

Dammi solo un minuto, un soffio di fiato, un attimo ancora

Ad Anfield ci siamo dimenticati di tutto il resto.
Cultura
Enrico Leo
7 Aprile

Arctic Monkeys e il calcio: Flourescent Adolescent(s)

Arctic Monkeys, Chris Waddle, Sheffield. Tra musica, dribbling ed emozioni.
Calcio
Maurizio Fierro
6 Febbraio

La promessa di Bobby Charlton

Dalla tragedia alla gloria: gli storici decenni del Manchester United.
Calcio
Matteo Donadoni
20 Settembre

La caduta della Dea

È difficile rimproverare qualcosa all'Atalanta, ma il tracollo di Zagabria deve almeno farci interrogare.
Calcio
Lorenzo Solombrino
23 Marzo

La crisi del West Ham United

I tifosi degli Hammers sono stanchi dopo anni di illusioni e prese in giro.
Storie
Roberto Tortora
18 Marzo

L’ultimo Liverpool campione d’Inghilterra

Trent'anni di attesa, ma serve ancora qualche mese.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio

Paolo Di Canio, sacerdote della Premier League

Lo spettacolo nello spettacolo.
Calcio
Lorenzo Santucci
29 Agosto

This is (not) England

Esiste ancora l'identità britannica?
Ritratti
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Alen Boksic, l’alieno

Perduto è l'amore di una classe così pura.
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Editoriali
Andrea Antonioli
3 Maggio

Hasta el Cholo siempre

Apologia del cholismo, dopo la nottata più difficile.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
4 Maggio

I cavalieri di Montecarlo

Con una prestazione solida e limpida, la Juventus passa 2-0 a Monaco.
Calcio
Rudy Galetti
10 Marzo

Vardy 33, l’anno della rinascita

L'attaccante del Leicester, attualmente capocannoniere della Premier, ha riscoperto le sue radici.
Storie
Lorenzo Solombrino
1 Agosto

Damon Albarn e il Chelsea, finché morte non ci separi

Dai Blur ai Gorillaz, nell'eclettismo di Albarn c'è un solo punto fermo.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.
Papelitos
Luigi Fattore
27 Maggio

Gli anni d’oro

La decimotercera.
Calcio
Michelangelo Freda
27 Settembre

Il Qarabag è la speranza del Nagorno

Alla scoperta del calcio nel Nagorno Karabakh.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Il tifoso del Manchester City sta morendo

Persone che diventano cose.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
8 Maggio

Thierry Henry, immensamente bello

Il francese è stato soprattutto un miraggio estetico.