Carrello vuoto
Estero
13 Aprile

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.

In un calcio ormai spettacolarizzato fino all’eccesso, con difese inesistenti e squadre lunghissime – vuoi anche per un comprensibile calo psicofisico dei calciatori –, il Chelsea di Thomas Tuchel è una splendida sorpresa. Da quando l’ex tecnico di Paris Saint Germain e Borussia Dortmund ha preso il posto di Frank Lampard sulla panchina dei blues, i londinesi sono tornati a ridosso delle prime in Premier e ad un passo dalla semifinale di Champions League.

Poco prima di venir esonerato – a dicembre – dal PSG, Tuchel ha dichiarato alla stampa francese di sentirsi «più un politico, a volte, che un allenatore». Al Chelsea l’allenatore tedesco ha dimostrato con i fatti il senso profondo di questa dichiarazione. Più che offendere – prima, anzi, di offendere – il Chelsea ha imparato a difendere, a gestire la partita (e i suoi momenti), insegnando al calcio europeo una lezione ormai dimenticata – e recentemente ricordata da Max Allegri: la difesa è importante quanto l’attacco, se non di più.

Lo ha dimostrato, paradossalmente, anche il PSG di Pochettino una settimana fa. Incantati dalle giocate a campo aperto di Neymar e Mbappé, ci è sfuggito un dettaglio non irrilevante: la prova di coraggio e determinazione del trio Navas, portiere a dir poco sottovalutato, Danilo Pereira, che ha dovuto adattarsi come difensore per l’infortunio di Marquinhos, e Gueye, un Kanté in miniatura che ha bloccato il Bayern Monaco in più di un’occasione. Mentre il PSG sbancava l’Allianz Arena, il Porto di Conceição prendeva gol (2) e non riusciva a sorpassare la solidissima difesa del Chelsea di Tuchel.

tuchel azpilicueta
L’abbraccio con Azpilicueta, perno della difesa dei blues (Mike Hewitt/Getty Images)

Prima del Porto, agli ottavi di finale, il Chelsea si era trovato di fronte Simeone – maestro tattico proprio di Conceição – e l’esito era stato lo stesso. 1-0 con perla di Giroud in casa dell’Atletico Madrid, addirittura 2-0 nel ritorno a Stamford Bridge. Da quando Tuchel ha esordito sulla panchina dei blues, il 27 gennaio contro il Wolverhampton, il Chelsea, su 18 partite giocate tra Premier, FA Cup e Champions League, è riuscito a mantenere la propria porta inviolata ben 13 volte. Sono numeri incredibili, che dimostrano l’intelligenza del tecnico tedesco. Tuchel ha capito che non prendere gol è fondamentale per andare avanti (soprattutto in Champions).

È una storia già vista al Chelsea, che con Conte aveva fatto della solidità difensiva la prima arma per offendere (frustrare) l’avversario. Ma è la scelta degli uomini che racconta, meglio di qualsiasi statistica, lo straordinario lavoro di Tuchel.


Con Thiago Silva costretto spesso ai box, l’allenatore tedesco ha sì confermato la difesa a 3 già utilizzata da Lampard, ma ha rinforzato soprattutto il centrocampo, che tra Jorginho, Kovacic e il monumentale lavoro (ritrovato) di Kanté riesce a fondere perfettamente fase difensiva, fraseggio corto e fantasia. Anche i due esterni di centrocampo, Reece James e Ben Chillwell, sono più giocatori di copertura che di spinta.

Detto altrimenti, è come se il Chelsea giocasse a cinque dietro, e l’esclusione dal piano partita di Emerson Palmieri dice molto in questo senso. Lo stesso Palmieri, tra l’altro, con l’Atletico è entrato al 93′ e al 94′ ha segnato il gol della sicurezza, certificando il grande lavoro di gestione delle risorse e dello spogliatoio da parte di Tuchel (abile politico, come detto, oltre che grande tattico).

tuchel kante
L’abbraccio di Tuchel con Kanté, uomo chiave del Chelsea (Adrian Dennis – Pool/Getty Images)

Di più, Tuchel ha dato continuità ai giovani fenomeni già pupilli di Frank Lampard – parliamo di Havertz, dello stesso James, di Mason Mount –, reintegrando e responsabilizzando due senatori messi ai margini dalla precedente gestione tecnica: Kanté e Azpilicueta. Del primo si parla pochissimo, ma in poche squadre al mondo il centrocampista francese non giocherebbe titolare. La sua importanza per il gioco di Tuchel è sotto gli occhi di tutti.

Lo dimostra la prova contro l’Atletico Madrid, ma lo certificano anche alcune recenti dichiarazioni del calciatore:

«sono tornato a giocare in un ruolo che mi piace e che ho ricoperto qui, a Leicester e in Nazionale. Non è solo il modo migliore per giocare per me, ma anche per la squadra».

Oltre a Kanté, cruciale è stato, in questi primi mesi al Chelsea, il reintegro di Azpilicueta. Il giocatore spagnolo ha parlato molto chiaramente del proprio tecnico: «Tuchel ha le idee molto chiare, ha cercato di cambiare sistema di gioco e mentalità per ritrovare equilibrio pur senza perdere incisività in avanti». Mentalità ed equilibrio, due concetti cruciali che fanno venire le bolle ai progressisti del pallone, ma che al momento stanno dando ragione al tecnico tedesco.

Il quale, dal canto suo, ha usato per Azpilicueta parole al miele: «Ho il massimo rispetto per lui, è un giocatore incredibile. È un regalo per me avere un capitano del genere. È con un grande capitano che si ottengono grandi risultati. È umile, ha tante qualità in mezzo al campo, è pronto a dare tutto per i compagni, sempre, ad aiutarli dentro e fuori dal campo, in allenamento: Azpilicueta is the key». Gestione del gruppo, capacità di comunicazione, attenzione difensiva. Il nuovo Tuchel versione Chelsea ci piace parecchio. Anche se non ci piacesse, comunque, i risultati parlerebbero per lui. L’Europa è avvertita.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Estero
Eduardo Accorroni
3 Febbraio 2022

Mikel Arteta è un maniaco del controllo

È lui il vero erede di Pep Guardiola?
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre 2021

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Estero
Emanuele Iorio
21 Novembre 2021

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Cultura
Emanuele Iorio
11 Novembre 2021

Joe Strummer, blue is the color

Frontman dei The Clash, ultras del Chelsea.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Estero
Lorenzo Solombrino
12 Settembre 2021

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto 2021

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile 2021

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Italia
Federico Brasile
18 Marzo 2021

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio 2021

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre 2020

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre 2020

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Ritratti
Emanuele Meschini
16 Dicembre 2020

Lo strano caso del dottor Dennis e di mister Wise

Compie 54 anni un fuoriclasse che amava picchiare gli avversari.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Ritratti
Mattia Curmà
9 Ottobre 2020

Mesut Özil, contraddire il talento

Gli assist in campo, gli autogol nella vita.
Calcio
Gianluca Palamidessi
30 Settembre 2020

Il Wolverhampton è più portoghese del Portogallo

La più grande magia del mago Jorge Mendes.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre 2020

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Calcio
Andrea Antonioli
24 Agosto 2020

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
16 Agosto 2020

In un calcio sballato, il solito Pep

Tutto cambia in questa Champions, tranne la sfortuna di Guardiola.