Carrello vuoto
Calcio
7 Marzo

Il vecchio che avanza

La conferma di Carlo Tavecchio, una vittoria più di clientele che di programmi.

Mentre l’opinione pubblica continuava a parlare di polemiche arbitrali, di rigore o non rigore, di regolamenti, di favoritismi e tutto il resto, a Roma, presso l’Hilton Rome Airport di Fiumicino, nella giornata di ieri si votava per l’elezione del presidente della FIGC. Il che significa che si andava ad eleggere l’uomo che, in prima persona, prenderà le decisioni dell’intero movimento calcistico italiano. Hanno partecipato 279 delegati in rappresentanza di Serie A, Serie B, Lega Pro, Dilettanti e le Associazioni Calciatori, Allenatori e Arbitri. In quella sala, ieri, c’era il calcio italiano: dai campetti di periferia fino a San Siro. Ha vinto, per la seconda volta consecutiva, Carlo Tavecchio. L’altro candidato era Andrea Abodi, presidente dimissionario della Lega Serie B che aveva lavorato egregiamente negli ultimi anni con progetti innovativi, guadagnandosi una certa autorità nel mondo del calcio italiano. Tavecchio ha avuto la meglio con il 54,03% dei voti contro il 45,97% di Abodi, risultato arrivato solo alla terza e ultima votazione. Importante il 2% rappresentato dall’AIA (Associazione Italiana Arbitri) che è andato in favore del rieletto presidente non senza polemiche.

ROME, ITALY - MARCH 06: Referees President Marcello Nicchi attends the Italian Football Federation (FIGC) new president elections on March 6, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)
Il Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana Arbitri Marcello Nicchi

Ma facciamo un passo indietro per capire meglio la situazione. Nell’estate 2014 la FIGC si è trovata a gestire una situazione critica a causa delle improvvise dimissioni di Giancarlo Abete. Nel giro di poche settimane è stata convocata un’assemblea per andare al voto. I candidati, tre anni fa, erano lo stesso Tavecchio (poi eletto) e Demetrio Albertini. I giorni precendenti l’elezione furono – da buona tradizione italiana – ricchi di polemiche e controversie legate alle dichiarazioni del futuro presidente sui calciatori extracomunitari. Molti personaggi dello sport (fra cui Gigi Riva, Enrico Preziosi, Adriano Galliani e Maurizio Zamparini) presero le sue difese accusando i critici di falso moralismo e tentativi di destabilizzazione. Tavecchio, effettivamente, perse voti ma riuscì ad imporsi fra il malcontento popolare. Tuttavia il suo lavoro, fino a questo momento, ha smentito tutti. La mossa più strategica del suo mandato è stata quella – immediata – di chiamare Antonio Conte sulla panchina della Nazionale, gesto che ha riacceso la passione italiana per la maglia azzurra, soprattutto dopo gli ultimi Europei in Francia. Nell’assemblea di ieri l’ex sindaco di Ponte Lambro ha ribadito i progetti per il movimento calcistico nazionale. Innanzitutto la riforma della Serie A, sempre a venti squadre ma con sole due retrocessioni. Questo comporta anche la modifica del campionato di B, che vedrà due promozioni ma la riduzione delle squadre dalle 22 attuali a 20. Altra modifica riguarda il format della Lega Pro. Attualmente le squadre sono 60, suddivise in tre gironi; anche qui, Tavecchio vorrebbe una riduzione del numero di club, con la formazione di due soli gironi con 20 contendenti ciascuno. Sono modifiche che non porterebbero grosse rivoluzioni, si resterebbe, dunque, in una fase più o meno simile a quella attuale. L’unica proposta fuori dall’ordinario è l’apertura alle seconde squadre di A, le famose Primavere. L’idea è quella di non farle scontrare in campionati appositi per la categoria, ma iscriverle al campionato di Lega Pro con il vincolo di non poter né retrocedere né salire di categoria (come già accade in parte in Spagna e in Germania). Una proposta poco chiara nella forma e, per il momento, remota, che porterebbe però senza dubbio ad un aumento nella qualità dei giovani calciatori italiani.

ROME, ITALY - MARCH 06: FIGC President Carlo Tavecchio attends the Italian Football Federation (FIGC) new president elections on March 6, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Marco Rosi/Getty Images)
Carlo Tavecchio al cospetto dell’Assemblea Elettiva

Dall’altra parte il secondo candidato, Andrea Abodi, con alle spalle una carriera da manager non indifferente, aveva consegnato le dimissioni alla Lega Serie B per puntare alla presidenza della FIGC. Dalla sua aveva i voti di Serie B, Lega Pro e Associazione Italiana Calciatori che, però, non sono bastati. Rispetto alle nuove proposte “non rivoluzionarie” di Tavecchio, quelle di Abodi potrebbero essere definite “futuristiche”. Prevedevano anch’esse la riforma dei campionati, ma cambiamenti non di tipo “quantitativo” (riduzione del numero di squadre, retrocessioni, promozioni), ma “qualitativo”. In primis l’ammodernamento degli stadi basato sull’ambizioso modello B-Futura, progetto della serie cadetta presentato dallo stesso Abodi. Esso si propone di affrontare la tematica dello scarso coinvolgimento diretto del pubblico, al fine di favorire l’avvicinamento delle comunità di tifosi allo spettacolo sportivo. Un progetto in parte finanziato dalla stessa Lega che porterà alla costruzione e/o ammodernamento degli impianti sportivi italiani, fra i più vecchi d’Europa. Altri progetti interessanti di Abodi erano la revisione della giustizia sportiva attraverso l’uso della tecnologia e controlli più mirati sul Fair Play finanziario. Idee (queste sì) rivoluzionarie, realizzabili a lungo termine, e quindi difficili da accettare da una classe dirigente anziana come la nostra.

 

ROME, ITALY - MARCH 06: Andrea Abodi attends the Italian Football Federation (FIGC) new president elections on March 6, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Marco Rosi/Getty Images)
Il candidato “rivoluzionario” uscito sconfitto

La votazione è stata equilibrata e si è protratta fino al terzo turno. La vittoria di Tavecchio era pronosticata da tempo ma, nonostante la sconfitta, Abodi ha incassato numerosi consensi che fanno ben sperare per il futuro, anche se il diretto interessato ha lasciato intendere di non volerne sapere, almeno per il momento

“Gran parte del mio futuro è nelle mie mani e un altro pezzo è in chi deve valutare la mia competenza, magari non in questo sistema ma in un altro contesto”

C’è rammarico nelle sue parole, in particolare in riferimento al designatore Nicchi e a tutto l’ordine arbitrale: «C’è amarezza, perché quel 2% per me era sacro e rimane sacro. Ancora più mortificante è il non aver mai sentito nominare (nel discorso del presidente dell’AIA Marcello Nicchi, ndr) il secondo candidato né la Lega B e tutto il lavoro, il rispetto e la collaborazione data al corpo arbitrale in sei anni». Una caduta di stile importante, aggravata dall’iniziale decisione di astensionismo al voto da parte degli arbitri. Ad approfittare della situazione Carlo Tavecchio (il quale resterà alla guida della FIGC fino al 2020) che si è detto soddisfatto del risultato ottenuto lanciando un messaggio ben preciso: «Con la forza con cui ci si divide bisogna ritrovare la stessa forza per unire». Quella di ieri era una buona occasione per aprirsi al nuovo, per riuscire a raggiungere sul piano dell’organizzazione (ovviamente non nell’immediato) i club europei: quelli inglesi, che hanno stadi di proprietà anche nelle serie minori; quelli spagnoli e soprattutto tedeschi, che grazie a progetti a lungo termine nei settori giovanili sono diventati i dominatori della scena calcistica europea; ma anche quelli francesi, in crescita. In Italia preferiamo restare confinati nel passato, in un limbo in cui avanzano proposte di modifiche che in realtà non modificano nulla. Il presidente è stato eletto e resterà in carica per i prossimi quattro anni, non ci resta che attendere.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Italia
Michelangelo Freda
18 Dicembre 2021

Liberate la Salernitana!

Il calcio italiano si sta coprendo di ridicolo.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Italia
Michelangelo Freda
13 Luglio 2021

Lotito e la Salernitana, una triste storia all’italiana

La telenovela della multiproprietà.
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo 2021

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo 2021

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Interviste
Michelangelo Freda
20 Febbraio 2021

Cosimo Sibilia contro tutti

Domani si vota per la presidenza FIGC: la versione dello sfidante.
Altro
Gianluca Palamidessi
28 Gennaio 2021

Lo Stadio Flaminio è un pezzo di storia

Riuscirà l'impianto a risorgere dalle (proprie) ceneri?
Papelitos
Matteo Paniccia
13 Gennaio 2021

Agli ordini di Sanremo

Perché Sanremo è Sanremo.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
1 Gennaio 2021

Stadi Uniti

Il sogno americano non è un ideale sportivo.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre 2020

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Calcio
Dario Bezzo
16 Ottobre 2020

Morto uno stadio se ne fa un altro

Il travaglio del nuovo San Siro.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre 2020

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Storie
Gennaro Malgieri
13 Agosto 2020

Le scuole calcio hanno tradito il pallone

Desertificazione della fantasia e profitto sulla pelle dei ragazzi.
Calcio
Antonio Torrisi
17 Giugno 2020

La Coppa Italia è antidemocratica

Un torneo che ci rappresenta: da rifondare, ma sempre domani.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Editoriali
Federico Brasile
29 Maggio 2020

Un campionato da sfigati, guardoni e addetti ai lavori

Pronti a ripartire, nel menefreghismo di milioni di tifosi.
Papelitos
Marco Gambaudo
2 Maggio 2020

Gli stadi nel post-umano

Dopo la carne non carne, arriva lo stadio non stadio!
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile 2020

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Papelitos
Federico Brasile
23 Aprile 2020

Siete voi che avete bisogno di soldi

Non la gente che ha bisogno di calcio.
Calcio
Michelangelo Freda
6 Aprile 2020

Fuori i mercanti dal tempio

È ora di finirla con lo strapotere dei procuratori sportivi.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
3 Aprile 2020

Boca Juniors significa La Bombonera

Il 3 Aprile del 1905 nasceva il Boca Juniors, una squadra inscindibile dal suo stadio.
Papelitos
Matteo Paniccia
30 Marzo 2020

Scommettere sulla crisi

Non sarà certo il betting a salvare il calcio italiano.
Editoriali
Lorenzo Santucci
1 Marzo 2020

Si scrive Serie A, si legge WWE

Il rinvio delle partite è la decisione tardiva di un sistema ipocrita.
Editoriali
Andrea Antonioli
25 Febbraio 2020

Il Coronavirus colpisce i tifosi

Ma giocare a porte chiuse è l'unica soluzione per non interrompere il campionato.
Papelitos
Michelangelo Freda
5 Novembre 2019

La Serie A morirà in esilio

L'ennesima genialata della Lega Serie A: trasferire almeno una partita all'anno in Asia o Stati Uniti, alla faccia dei tifosi ma a favore dei mercati.
Papelitos
Beniamino Scermani
2 Settembre 2019

Il calcio femminile contro le regole base dell’economia

Il professionismo femminile non può salvare il calcio italiano.
Papelitos
Simone Meloni
28 Agosto 2019

La discriminazione territoriale è una buffonata

Quando un semplice sfottò diventa pericoloso.
Tifo
Alberto Fabbri
6 Agosto 2019

No allo stadio teatro!

Diffidate da chi rinnega il valore emotivo degli spalti.
Papelitos
Matteo Paniccia
25 Luglio 2019

La Uefa vuole schiavi gratis

Per Euro 2020 la Uefa sta raccogliendo volontari da tutto il continente, con lo scopo di “promuovere i valori dello sport”. Cosa aspetti? Iscriviti anche tu!
Calcio
Michelangelo Freda
6 Giugno 2019

La Serie B è un enorme conflitto di interessi

L'annus horribilis della Serie B tra stravolgimenti, sentenze ad personam e clamorose smentite.
Papelitos
Michelangelo Freda
5 Marzo 2019

In Serie C tutto tace

Proclami elettorali e propaganda twitteriana. Ma le riforme nel campionato di Serie C dove sono?
Papelitos
Michelangelo Freda
18 Febbraio 2019

Pro Piacenza, la partita della vergogna

Il 20-0 incassato dal Pro Piacenza grida letteralmente allo scandalo, ed evidenzia un calcio minore sull'orlo del collasso.
Papelitos
Michelangelo Freda
18 Gennaio 2019

Malagò, il Coni ed i gialloverdi: il re è nudo

Viva la riforma sportiva dei gialloverdi (che però deve essere solo l'inizio): la monarchia al CONI di Malagò è al tramonto.
Interviste
Michelangelo Freda
31 Ottobre 2018

Sibilia e la FIGC: l’inizio di una nuova era?

Abbiamo intervistato in esclusiva Cosimo Sibilia, vice presidente vicario della FIGC, cruciale per l'elezione di Gravina e per il nuovo corso in Federazione.
Calcio
Domenico Rocca
25 Agosto 2018

Odissea Serie B

Dopo una tormentata estate passata tra sentenze, appelli e tribunali federali, ritorna finalmente il campionato cadetto.
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto 2018

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Interviste
Gianluca Palamidessi
10 Agosto 2018

Archistadia, o dell’ultimo tempio sacro

Intervista ad Antonio Cunazza, mente e motore di un grande progetto editoriale.
Interviste
Gezim Qadraku
24 Febbraio 2018

Essere un procuratore

Intervista a Marco Chiofalo, giovane procuratore calcistico.
Interviste
La Redazione
16 Gennaio 2018

British storytelling

La parola a Matthew Lorenzo, fra i più noti presentatori calcistici del Regno Unito.
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre 2017

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.
Papelitos
Matteo D'Argenio
5 Dicembre 2017

Quel pomeriggio di un giorno da Inter

La via nazionale dell'Inter alla ricostruzione, ovvero come adattarsi perfettamente al nostro campionato.
Calcio
Gennaro Malgieri
14 Novembre 2017

Crisi di identità

L'apocalisse dell'Italia calcistica si inscrive in un più generale fallimento culturale, sociale e programmatico.
Calcio
Lorenzo Santucci
7 Novembre 2017

(D)all’altezza di Ventura

Un allenatore allo sbaraglio.
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Ottobre 2017

Elogio della guerra

Il calcio è stato trasformato in uno spettacolo, e come tale deve sottostare alle leggi dello show business.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Ottobre 2017

Lezioni

Cosa ci ha insegnato l'8a giornata di campionato con il triplice incontro tra le prime (presunte) sei forze del campionato.
Calcio
Jacopo Falanga
13 Ottobre 2017

Paradosso argentino

Debiti, lotte intestine e contraddizioni scuotono la federazione sudamericana.
Storie
Domenico Rocca
22 Settembre 2017

La grande abbuffata

Italia 90: un mondiale che dovremmo rimpiangere ancora oggi fatto di sprechi, speculazioni e morti sul lavoro.
Calcio
Sabato Del Pozzo
15 Settembre 2017

Tessera del tifoso 2.0

La tessera ritratta la sua natura e riapre al passato.