Carrello vuoto
Italia
3 Maggio

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Enrico Leo

9 articoli
Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.

L’uomo che vinse nei due mondi, l’eroe dei due mondi. Giuseppe Marotta da Varese, amministratore delegato dell’Inter dal dicembre 2018, è il vero simbolo del tricolore nerazzurro 2021. Con questo trionfo, Marotta si siede allo stesso tavolo di un altro monumento del calcio italiano di un tempo: Italo Allodi, storico deux ex machina della Grande Inter di Moratti senior e della Juventus di Boniperti e Trapattoni, oltre che del primo Napoli scudettato di Maradona nel 1987.

Conquistare titoli non è mai banale. Meno ancora farlo dalla scrivania. Dirigendo Juventus ed Inter non ne parliamo. Essere un grande dirigente calcistico è complesso. Ne sa qualcosa Fabio Paratici, ex delfino – ora annaspante – proprio di Marotta tra Sampdoria e Juventus, o Paolo Maldini, leggenda rossonera sul campo, ancora tutto da decifrare alla scrivania. Un conto è la panchina, un conto è la gestione societaria. Per l’Inter non è la prima volta che qualcuno legato a doppio filo al mondo juventino, porta tituli ad Appiano Gentile.

Oltre ad Allodi, era successo anche 32 anni fa con Giovanni Trapattoni in panchina, dopo una vita in bianconero per il Trap nazionale. Ora la storia si ripete con Antonio Conte. Bianconero sino alla punta dei capelli, l’ex ct azzurro ha dimostrato una professionalità enorme, compiendo un’impresa storica, al contrario di uno dei suoi mentori, Marcello Lippi. Ossessionato dalla vittoria, fin dal suo arrivo nel giugno 2019 ha creduto in un solo mantra: spodestare dalla leadership italiana il club del suo cuore, la Juventus.

Beppe Marotta, nel lontano 2010, mentre abbraccia Stefano Lucchini e festeggia la qualificazione della Sampdoria alla Champions League: una delle tante imprese sportive che, nell’ombra, Marotta ha contribuito a compiere. (Massimo Cebrelli/Getty Images)

Conte però, è una scelta voluta, tutelata e difesa proprio da Giuseppe Marotta, il vero regista – più di Brozovic o Eriksen sul terreno di gioco – di quest’Inter tricolore. Vincente, molto poco italiana (prendendo in prestito le parole del leggendario Stanis La Rochelle in Boris) nella sua composizione, ma con un animo ben rappresentato da due prodotti made in Italy: Alessandro Bastoni e Nicolò Barella. Marotta, con buon senso e discreti forzieri aperti tra maggio 2019 e maggio 2020, ha messo a disposizione di Conte una rosa omogenea, dalla qualità medio alta, con una quota tricolore – a differenza del recente passato – nitida e chiara.

Oltre ai citati Bastoni e Barella, ecco Darmian, Sensi, Gagliardini, Ranocchia, D’Ambrosio, Padelli e Pinamonti. Nomi magari poco esaltanti per il tifoso medio, ma essenziali in un meltin pot di nazionalità come lo spogliatoio dell’Inter. Questo microcosmo italico è stata una delle fortune di questo scudetto. Certo, senza i gol di Lukaku, le parate – alcune – di Handanovic, le sgasate di Hakimi, gli arpeggi di Eriksen e le veroniche di Lautaro, il titolo sarebbe stato forse più complesso vincerlo, per non dire impossibile, ma la “italian’s way” si è rivelata fondamentale per trasmettere senso di appartenenza agli stranieri presenti in rosa.

Raccordo preziosissimo tra il tecnico e i grandi giocatori approdati tra l’estate 2019 e il 2020 alla corte nerazzurra.

Marotta ha saputo così ricreare l’incantesimo di un’Inter vincente e non autolesionista. Impresa che sembrava impossibile, post macerie nucleari 2010. In appena 2 anni e mezzo è stato capace di rompere l’egemonia della Juve, prendendosi una rivincita su chi lo pensava un onesto mestierante della professione. La dimostrazione di come la gavetta faccia raccogliere enormi dividendi nel momento della maturità lavorativa.

L’esultanza al gol di Damian contro l’Hellas. Padelli, Ranocchia, Conte, una parte dell’Inter azzurra che ha cucito il tricolore. (Claudio Villa – Inter/Inter via Getty Images)

A Marotta, e in parte anche a Conte, va dato quindi un grande merito: aver trasformato la Serie A in un campionato quasi avvincente, non più sulla falsariga della Scottish Premiership di questi ultimi tempi. Come ci è riuscito? Buon senso, fiuto, malizia e il timing corretto nelle scelte.

Quest’Inter non fa strabuzzare gli occhi o non rapisce l’animo di sensazioni di onnipotenza tecnica. Eppure, anche dal cemento armato, si può scorgere bellezza. Il piacere della solidità, della forza, della sicurezza è stata la chiave di volta per questa squadra, da sempre abituata ad essere realista chiedendo l’impossibile, per citare Albert Camus. Pragmatica, granitica, come la migliore tradizione italica insegna.

Con gli attacchi si vendono i biglietti, con le difese si vincono i titoli” è il refrain che spesso si legge nelle fasi calde della lega più bella del mondo, l’NBA.

Come nel basket americano, in cui tutto viene analizzato ai raggi x, anche qui Marotta non ha lasciato nulla al caso e, in maniera certosina, ha messo in mano a Conte i migliori scalpelli e attrezzi possibili per la sua scultura. Eriksen incluso: il cambio di marcia dei nerazzurri avviene in una stanca serata di gennaio, proprio grazie al danese volante e al suo genio balistico. A farne le spese è il Milan, la squadra più sorprendente di quest’anno di pandemia, fino a quel momento in corsa su tutti i fronti.

26 gennaio 2021: il momento della svolta. Per Eriksen, e non solo (Marco Luzzani/Getty Images)

La tecnica al potere, perché quando c’è Marotta di mezzo è sempre una questione di tempo e tempi. Quello della semina e del raccolto, quello della vittoria e quello della sconfitta, quella della pazienza e delle accelerazioni, quello della gavetta e delle soddisfazioni. Di squadra e personali. Come un novello Robinson Crusoe, Beppe nel corso di più di 40 anni di carriera ha saputo inventare e re-inventare un mestiere: quello dell’amministratore delegato.

Uomo di calcio nel senso antico del termine, ma non per questo vetusto. Alla vecchia maniera, ma con un debole per la gioventù. La meglio gioventù. Meglio ancora se dominante tecnicamente. Pogba la sua scommessa più vincente, per non parlare del prestito più impattante della storia della Serie A: Alvaro Recoba, Venezia 1999.

Fabrizio De André, poeta prestato alle 6 corde, muore l’11 gennaio 1999 a Città Studi, quartiere di Milano noto per ospitare l’ICCS, una delle eccellenze lombarde in tema di sanità. In quegli stessi giorni se ne va da Milano per approdare in Laguna, in prestito secco proprio dall’Inter, El Chino, al secolo Alvaro Recoba.

È voluto fortemente proprio da Beppe di Varese, rimasto ammaliato l’anno prima dalle giocate di questo milonguero uruguaiano regalato al fútbol. Eh sì, perché Alvaro non gioca con la palla tra i piedi, Alvaro danza con la sfera attaccata al suo sinistro, proprio come un ballerino di tango quando muove in sincronia gambe, bacino e braccia.

E se in radio nei mesi a seguire lo sgarravenismo romantico di “Iris” dei Goo Goo Dolls, dimenticabile One Hit Wonder Band dell’imbrunire degli anni ’90, al Penzo Recoba mette in campo un bolero in piena regola, salvando praticamente da solo una squadra destinata al ritorno in B per direttissima. Raccontare i cinque mesi di Recoba a Venezia potrebbe essere un mero esercizio di retorica sportiva e in molti si sono già cimentati a tal proposito. Meglio limitarsi allora alla visione di Venezia-Inter 3 a 1 del 16 maggio 1999. Il giorno della matematica certezza di permanenza in serie A del Venezia.

Varese, Monza, Como, Ravenna – dove per primo crede in un giovanissimo Bobo Vieri – , Venezia, Atalanta, Sampdoria, Juventus ed infine Inter. Un personale cammino da nordovest a nordest del Belpaese, andata e ritorno, pieno di risultati e traguardi raggiunti. Sul campo e dietro la scrivania. Il preliminare di Champions conquistato con la Sampdoria nel 2010, forse la sua impresa più grande, ben più alta dei 7 scudetti consecutivi da timoniere della Juventus o del successo tricolore con l’Inter.

Per non parlare delle ricostruzioni e scalate con Ravenna, Venezia, Atalanta. Direttore, prima ancora che amministratore. Visionario, prima ancora che realizzatore. Perché Marotta non è solo l’uomo mercato, il dirigente che trova e scova talenti, ma un professionista con una visione globale del club in cui si trova a medio e lungo termine. Così in questi giorni tutti individuano in Conte colui che ha decretato la fine del “regno” bianconero, ma l’unico ad essere passato direttamente da una squadra all’altra, segnando il declino di una e l’ascesa dell’altra, è proprio Beppe Marotta. L’uomo che vinse (e convinse) nei due mondi.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
6 Aprile 2021

Pietro Vierchowod contro tutti

Compie oggi 62 anni l'ultimo Zar del calcio italiano.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile 2021

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.