Altri Sport
05 Settembre 2022

Il terrore ai giochi

Mezzo secolo fa, la strage che cambiò per sempre lo sport.

Con i Giochi del ‘72 la Germania voleva cancellare il ricordo di quelli “nazisti” del ‘36: ora era un Paese democratico, teatro di una guerra pacifica fra popoli. L’ombra del passato aleggiava però ancora così tanto che le misure di sicurezza furono volutamente assai scarne. In realtà una guerra era in corso, anche se fredda. Si infiammò nella finale di basket: tra scontri e proteste, l’URSS interruppe la striscia di 63 vittorie degli Stati Uniti alle Olimpiadi inaugurata proprio a Berlino ‘36.

Ma tra il 5 ed il 6 settembre alla Germania sembrò di ripiombare in un incubo. Una partita terribile che fece vittime di eventi molto più grandi dei loro uomini di sport: uccisi dal conflitto israelo-palestinese in terra tedesca.

Tutto ebbe inizio al Villaggio olimpico sulla Connollystraße. Nell’edificio 31 riposavano gli israeliani: i pesisti David Berger, Ze’ev Friedman e Yossef Romano; Yossef Gutfreund, arbitro di lotta greco-romana; i lottatori Eliezer Halfin e Mark Slavin; l’allenatore di atletica leggera Amitzur Shapira e quello di lotta greco-romana Moshe Weinberg; André Spitzer, maestro di scherma; Kehat Shorr, tecnico del tiro a segno; Yakov Springer, giudice di sollevamento pesi. Molti erano emigrati in Israele dai Paesi d’origine ed avevano già visto la Storia: Friedman, Shorr e Springer vivendo la Shoah e Romano combattendo la Guerra dei Sei giorni.

Verso le 3:30 del 5 settembre si mossero gli uomini di Settembre Nero: il capo Luttif Afif detto Issa, col volto coperto da lucido per scarpe, occhiali da sole e un cappellino bianco; Yusuf Nazzal conosciuto come Tony con un cappello da cowboy; Paolo ossia Afif Ahmad Hamid; Khalid Jawad noto come Salah; Ahmad Shiq Taha detto Abu Halla; Mohammed Safadi “Badran”, Adnan al-Gashei “Denawi” e Jamal al-Gashei “Samir”.

Issa e Tony conoscevano il Villaggio olimpico per averci lavorato durante la costruzione. Avevano l’ordine di non uccidere gli israeliani per scambiarli con altri prigionieri ed usare armi e bombe a mano solo per difendersi, far pressione sulle autorità o in casi estremi. Segue ora il racconto di un disastro. Crudele e totale.


L’articolo continua sulle colonne del Cuoio


SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Cossiga e lo stile Juventus
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Il Quidditch (ahinoi) esiste davvero
Altro
Francesca Lezzi
06 Dicembre 2021

Il Quidditch (ahinoi) esiste davvero

Alla faccia di Harry Potter e della magia.
Lo sport nel Nazismo
Cultura
Francesca Lezzi
10 Settembre 2021

Lo sport nel Nazismo

Una preparazione alla guerra.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Vito Dell’Aquila, il guerriero timido con l’oro al collo
Altri Sport
Giacomo Rossetti
25 Luglio 2021

Vito Dell’Aquila, il guerriero timido con l’oro al collo

Il metallo più prezioso ha cinto il collo di un ragazzo pugliese che incarna lo spirito del taekwondo.
Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo
Altri Sport
Antonio Aloi
07 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Ian Thorpe, se la gloria cela lo spettro della depressione
Ritratti
Jacopo Benefico
13 Ottobre 2020

Ian Thorpe, se la gloria cela lo spettro della depressione

Una vita in vasca tra estasi e ricadute.
Patrizio Oliva, da Poggioreale all’oro olimpico
Interviste
Mattia Di Lorenzo
02 Marzo 2020

Patrizio Oliva, da Poggioreale all’oro olimpico

Uno dei più grandi rappresentanti del pugilato tricolore ci ha raccontato la sua storia, umana ancor prima che sportiva.
Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo
Altri Sport
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.