Carrello vuoto
Storie
8 Gennaio

Unione Sportiva Milanese, il cuore a scacchi di Milano

Massimiliano Vino

16 articoli
L'Unione Sportiva Milanese, terza squadra di milano, alle radici dell'Ambrosiana.

Nei primi anni del XX secolo Milano è la città più ricca e sviluppata tra quelle del giovane Regno d’Italia. È un luogo vivace in cui all’arte e alla letteratura si affiancano i tumulti degli operai, la cui sanguinosa repressione porta all’assassinio di re Umberto I a Monza, in risposta alle cannonate ordinate dal generale Bava Beccaris. Intanto un fenomeno spontaneo, clamorosamente coinvolgente e riguardante tutti i ceti sociali, sta esplodendo proprio a Milano, oltre che a Genova e Torino, nel cosiddetto Triangolo Industriale.

 

 

Questo nuovo passatempo è il football, già battezzato come meraviglioso gioco, o meglio “the beautiful game” dai suoi padri d’Oltremanica. Nel Nord Italia la sua espansione è travolgente e porta rapidamente alla fondazione di club dal futuro glorioso quali Genoa, Juventus, Torino e Andrea Doria. Sotto la Madunina è venuto alla luce il Milan, squadra destinata a scrivere pagine di successi negli almanacchi del movimento calcistico italiano e che si è già laureata campione d’Italia per la prima volta nella sua storia, appena dopo il sorgere del XX secolo.

 

Tuttavia una città complessa come Milano non avrebbe mai potuto accontentarsi di un figlio unico, di una sola compagine in grado di rappresentarne le contraddizioni e la vivacità: oggi, però, non è l’Internazionale la protagonista della nostra vicenda.

 

us milanese
Scacchi bianconeri e croce biancorossa (di Milano): questo il simbolo della nostra protagonista

 

Infatti questa storia comincia circa sei anni prima della nascita dell’odierna rivale stracittadina del Milan, lontano da quel locale che il 9 marzo del 1908 diede i natali alla Milano nerazzurra. Il luogo in questione è un altro caffè, ben diverso dal prestigioso “L’Orologio”, simposio di artisti e letterati, in cui fu sancita la fatidica scissione.

 

Al “Caffè Verdi” di Porta Nuova, in cui ci si sarebbe potuti incontrare al massimo per giocare a carte o a biliardo, un gruppo di venti giovani capitanati da Gilbert Marley, Romolo Buni e Ambrogio Ferrario fondano l’Unione Sportiva Milanese. Di quel 16 gennaio 1902 possiamo immaginare l’odore del fumo delle sigarette, il rumore delle palle da biliardo, le imprecazioni e le grida, mentre i ragazzi scelgono di vestire una rigorosa maglia a scacchi bianca e nera.

 

 

Così simili a quel Dr. B. protagonista della “Novella degli scacchi” di Stefan Zweig, essi proiettano tutte le proprie energie nel football che, come le dispute sulla scacchiera,«convogliando le energie intellettuali su un campo delimitato, possiede il meraviglioso privilegio di non spossare il cervello, neppure nei momenti di massima concentrazione, ma anzi di affinarne agilità e vigore». Gli scacchi scendono in campo per la prima volta nel 1905, nell’ottava edizione del Campionato nazionale di calcio. In quell’occasione a contendersi il titolo ci sono soltanto sei squadre, due per ognuna delle regioni del Triangolo industriale: Genoa e Andrea Doria in Liguria, Juventus ed FC Torinese in Piemonte, infine Milan e US Milanese in Lombardia.

 

Per l’US Milanese fu un inizio con i fiocchi, sorprendente per certi aspetti, ma il successo era ben lungi dall’essere assicurato.

 

Il 12 febbraio le due squadre milanesi si affrontano per il passaggio del turno, nella prima vera stracittadina della storia del capoluogo meneghino. Per il Diavolo, campione d’Italia nel 1901 e favorito per la vittoria finale con il già plurititolato Grifone e la Juventus, il primo derby non è affatto una passeggiata. Infatti, tra le mura amiche dello stadio dell’Acquabella, non bastano i due gol del trentino Gustavo Carrer e la rete di Treré, in quanto gli scacchi reagiscono con una tripletta di “Topolino” Agostino Recalcati, peraltro ex ala destra rossonera in quel fortunato 1901.

 

Unione Sportiva Milanese
Il bianco e il nero sono anche negli inizi di Milano (foto www.museogrigio.it)

 

Il 19 febbraio il ritorno sul campo di via Comasina si conclude con l’eliminazione del Diavolo, piegato per 7- 6 al termine di una partita spettacolare. Per la squadra di casa, indiscusso protagonista della partita fu Franco Varisco, futuro calciatore della nazionale italiana, nonché autore di una doppietta. Alla luce di questo verdetto, Genoa, Juventus e US Milanese si sarebbero contese il titolo nazionale nel girone finale.

 

In questa seconda fase l’esordio dei meneghini è pessimo, battuti nettamente per 3-0 dai bianconeri, poi sconfitti a domicilio dai campioni genoani. Il 26 marzo gli scacchi perdono nuovamente con la Juventus in casa, per quattro reti a una. Questo risultato obbliga i rossoblù a vincere contro i milanesi per almeno quattro reti a zero, in modo da portare i bianconeri allo spareggio decisivo.

 

Però, il 9 aprile  l’US Milanese di Umberto Meazza, Recalcati e Varisco, costringe il Grifone ad un clamoroso pareggio per 2-2, consegnando il titolo alla Juventus. Per l’US Milanese la stagione inaugurale è un inizio con i fiocchi, sorprendente per certi aspetti, ma il successo è ben lungi dall’essere assicurato. Infatti il Milan si conferma prima forza di Milano, portandosi a tre titoli italiani nel 1908 ed affermandosi come la vera rivale del pluridecorato Genoa.

 

Nel torneo riservato ai soli talenti nostrani, l’US Milanese lotta per il titolo per la prima volta.

 

Nel 1908 le dispute che si scatenano all’interno della Federazione sembrano aumentare le possibilità per l’affermazione degli scacchi e portano all’istituzione di due diversi campionati, uno per soli italiani e uno aperto ai giocatori stranieri. Nel torneo riservato ai soli talenti nostrani, l’US Milanese lotta per il titolo per la prima volta, in una competizione in cui figurano la Juventus e le bianche casacche della neopromossa Pro Vercelli, oltre all’Andrea Doria.

 

Unione Sportiva Milanese De Simoni
Mario De Simoni fu uno dei primi giocatori a far parte della Nazionale Italiana.

 

Con i bianconeri clamorosamente eliminati proprio dai Leoni vercellesi, la corsa al titolo diviene appannaggio di questi ultimi, del Doria e dell’US Milanese. Gli scacchi hanno la meglio sui liguri per 5-1, poi pareggiano in Piemonte e giungono a disputarsi il titolo di campioni nel proprio stadio di casa in via Comasina, ai primi di maggio. La partita termina però con una bruciante sconfitta per 2-1, che inaugura l’epopea della Pro Vercelli e spegne sul nascere le ambizioni dell’allora seconda squadra di Milano. Nella stagione seguente l’atto conclusivo oppone gli scacchi ai bianchi, di nuovo.

 

Nonostante gli investimenti la fortuna è ancora ingrata ed il dio del calcio si abbatte sulla povera US Milanese mediante la scure della caotica federazione italiana.

 

Ancora una volta gioiscono i vercellesi, ma per un anno Milano divenne dominio della US Milanese, capace di superare tanto il Milan quanto la neonata Internazionale nel girone lombardo. Seppur tanto forti da ambire al titolo in ben due occasioni consecutive, beffardamente gli scacchi vivono il momento migliore della loro storia nel biennio di affermazione della gloriosa Pro Vercelli. E quasi per un ulteriore scherzo del destino, nel 1910 i cugini nerazzurri si rivelano gli unici in grado di fermare i Leoni piemontesi.

 

 

Da seconda squadra di Milano, in breve gli scacchi divengono la terza forza del capoluogo lombardo. Tuttavia ciò non è sufficiente per frenare l’ambiziosa crescita della società che, galvanizzata dagli ottimi piazzamenti, acquista il campo dell’odierno San Siro, salvo abbandonarlo per traslocare presso Via Stelvio. Nonostante gli investimenti la fortuna è ancora ingrata ed il dio del calcio si abbatte sulla povera US Milanese mediante la scure della caotica federazione italiana. In seguito al “Compromesso Colombo” del 1922 e la conseguente esclusione di dodici squadre dalla Prima Divisione, gli scacchi sono retrocessi in Seconda Divisione.

 

La maglia dell’Ambrosiana con gli scacchi bianconeri sul colletto, omaggio alle radici della Milanese

 

Tornati in massima serie nel 1926, sono coinvolti loro malgrado nella trasformazione operata dal regime nei confronti del mondo del calcio italiano. Così, in ossequio alle direttive di riduzione del numero di squadre cittadine, come già avvenuto a Roma e Genova, è ordinata la fusione tra l’Internazionale e l’US Milanese. Quindi nasce la Società Sportiva Ambrosiana, nemesi del Milan nell’unico derby di Milano rimasto. A questo punto, dato che la riduzione del numero di squadre favorisce la promozione in massima serie della Fiumana, si può affermare che si chiuda ufficiosamente la storia della terza squadra di Milano, tra intrighi extracalcistici e decisioni imposte dall’alto.

 

Rinata formalmente nel 1945, l’US Milanese scompare ufficialmente appena un anno dopo. Si congeda in silenzio, dopo il baccano che ne ha accompagnato la nascita nel lontano 1902 ed i sogni di gloria infranti rovinosamente dai Leoni della Pro Vercelli. Infine vale la pena congedarci con le ultime parole del Dr. B., che concludono “La Novella degli scacchi” e la storia altrettanto drammatica dell’US Milanese:

 

«Anche ai signori devo chiedere scusa. Ma vi avevo avvertiti che non dovevate aspettarvi troppo da me. Perdonatemi la figura indegna. È l’ultima volta che mi cimento con gli scacchi.»

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno 2022

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Italia
Luca Pulsoni
30 Marzo 2022

I ragazzi che diventeranno uomini senza l’Italia ai mondiali

Storia di un disamore antico: quello tra i ragazzi italiani e il pallone.
Italia
Valerio Santori
28 Marzo 2022

La disfatta dell’Italia senza un capro espiatorio

Perché la conferma di Mancini è una buona notizia per il movimento.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Marzo 2022

Capello: seguire il modello tedesco, non quello (defunto) di Guardiola

Don Fabio indica la via al calcio italiano.
Papelitos
Andrea Antonioli
25 Marzo 2022

È giusto così

Il male oscuro dell'Italia è tornato.
Papelitos
Matteo Paniccia
9 Marzo 2022

Non tifare, investi! (e perdi)

Perché i fan token sono pericolosi.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Italia
Alberto Fabbri
12 Gennaio 2022

Palermo vive di calcio

Il tifo per i rosanero, il Palermo Calcio Popolare e l'amore per il meraviglioso gioco.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Cultura
Gabriele Fredianelli
30 Novembre 2021

Luciano Bianciardi e quella notte speciale a Cagliari

Conversazioni alcolico-notturne con Scopigno tra Hegel, Guttuso e Gershwin.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
26 Ottobre 2021

Stefano Cerioni diventerà il Mancini della scherma?

Un parallelo tra i CT del fioretto e del calcio.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre 2021

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Italia
Michelangelo Freda
4 Settembre 2021

Il modello del Südtirol

La Bolzano biancorossa sogna il calcio che conta, ma è divisa tra tedeschi e italiani.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Tifo
Alberto Fabbri
10 Giugno 2021

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.