Ritratti
16 Gennaio 2023

Victor Osimhen, calciatore selvaggio

Caccia rituale, istinto. Liberazione e depensamento.

Victor Osimhen non è un centravanti di manovra e nemmeno un bomber vecchio stampo. I suoi piedi piatti rendono la sua falcata dinoccolata, eppure terribilmente efficace. Quando corre alza e agita le braccia verso l’alto, quasi a voler tagliare con furente impazienza lo spazio che gli si pone di fronte. Fa parte di quei giocatori che non fanno ciò che è giusto, ma ciò che sentono. Di quelli che vivono al limite e che corrono costantemente il rischio del loro fallimento. Non pondera mai le sue scelte e non gestisce il ritmo: non riesce e forse non può. Spesso accelera da solo, senza aspettare l’arrivo dei suoi compagni di squadra. Aborrisce la moderazione: il calcio, per Osimhen, è una caccia rituale da vivere al massimo delle proprie potenzialità.

La sua infanzia è ardua. Cresce a Lagos (nei pressi della discarica di Oregun) e trascorre le sue giornate vendendo per strada cartoni d’acqua e dividendo con i sei fratelli soltanto un letto e una sedia. A livello calcistico di lui si parla dal 2015, quando trascina la sua Nigeria alla vittoria del mondiale Under 17 (con 10 reti in 7 partite). Poi passa al Wolsburg, ma senza lasciare mai davvero il segno. La vera svolta della sua carriera arriva al Lille. In Francia lo scenario è perfetto. La squadra è giovane e l’allenatore, Christophe Galtier, esalta le sue straordinarie qualità fisiche in campo aperto. Victor Osimhen segna diciotto reti stagionali e attira le attenzioni di mezza Europa. A spuntarla, alla fine, è il Napoli.



E pensare che l’infortunio al volto del novembre 2021 poteva segnare la fine della sua carriera: «la guarigione è avvenuta in tempi decisamente sorprendenti, potrebbe anche rimuovere la maschera ma probabilmente c’è anche un discorso scaramantico. Deve decidere lui, forse per il suo modo di giocare è anche un bene che continui ad indossarla. Il ragazzo è stato esemplare nel corso di questo percorso» (G. Tartaro, chirurgo che lo ha operato).

Ora Osimhen si è ripreso, ma ha deciso di non rimuovere, in campo, le protezioni dal suo volto. Così come i popoli primitivi indossavano maschere nelle cerimonie religiose per mettersi in contatto con l’energia della natura e degli spiriti, Osimhen lo fa per perdere la propria identità e connettersi con la sua dimensione più selvaggia e ferina. La sua maschera non lo nasconde, ma lo rivela. Soprattutto, rivela il suo modo di intendere il calcio, che è per lui rito di liberazione e appagamento di istinti naturali. È vivere nel “depensamento”, in una totale immersione nell’immediato. È realizzazione, sul palcoscenico del prato verde, di atti sempre nuovi e per questo irriproducibili.

«Osimhen deve migliorare molto nella gestione della palla, deve essere più lucido nelle scelte di gioco. Lui è utilissimo nell’attacco alla profondità, dove è maestro. Però deve saper gestire di più la palla, deve essere più utile alla squadra».

Luciano Spalletti


A Napoli, tra Osimhen e Kvara, impazzano i calciatori selvaggi. Per la gioia nostra e di Marco Ciriello


E se Spalletti afferma che Victor deve migliorare nella scelta delle sue giocate e nella capacità di dialogare con i compagni, a noi, francamente, interessa poco. Adoriamo Osimhen proprio per questo, perché vive il calcio come l’archetipo delle esperienze piacevoli. Perché si sottrae al nostro illusorio bisogno di controllo e ci invita ad accettare di buon ordine il caos, ricordandoci che è impossibile eliminare da questo sport la contingenza. Perché gioca per sfogo, allo stesso modo in cui giocherebbe per strada, laddove schemi e tatticismi non hanno senso di esistere.

Il nigeriano gioca un calcio liberatorio che sfugge alla ragione ma allo stesso tempo è comprensibile a tutti: un esperanto calcistico che ha il sapore dell’infanzia, di dimensioni lontane ma paradossalmente conosciute. Adoriamo Osimhen perché è un hapax, una ginestra che cresce spontaneamente nel deserto calcistico dell’ordinarietà circostante, e che ci riporta in una dimensione, umana e calcistica, ancestrale. Guerra, caccia, istinto, liberazione. E legge del più forte, quella che Victor Osimhen sta imponendo alle difese di tutta Italia.

Gruppo MAGOG

Marco Armocida

31 articoli
Caro Paul
Critica
Marco Armocida
04 Novembre 2023

Caro Paul

Lettera d'amore a Pogba.
Filip Kostic, l’arma umile del cross
Ritratti
Marco Armocida
01 Novembre 2023

Filip Kostic, l’arma umile del cross

Un dettaglio non da poco nell'epoca dei ruoli (e dei calciatori) liquidi.
Le rivoluzioni non durano 90 minuti
Papelitos
Marco Armocida
01 Settembre 2023

Le rivoluzioni non durano 90 minuti

Sulla Juventus di Allegri va sospeso il giudizio.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

L’allenatorismo, mania dei nostri giorni
Papelitos
Federico Brasile
16 Febbraio 2023

L’allenatorismo, mania dei nostri giorni

Un'ideologia che rappresenta un'epoca.
A riveder le stelle
Calcio
Lorenzo Santucci
19 Settembre 2018

A riveder le stelle

L'Inter è tornata in Champions League.
Togliamoci la maschera
Italia
Gianluca Palamidessi
14 Gennaio 2023

Togliamoci la maschera

Di fronte a un Napoli così, la Juventus passa in secondo piano.
La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante
Critica
Pippo Russo
02 Ottobre 2018

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
Cristiano Giuntoli, sacrificio e visione
Ritratti
Ciro Cuccurullo
10 Gennaio 2023

Cristiano Giuntoli, sacrificio e visione

L'uomo dietro alla rinascita del Napoli.