Carrello vuoto
Papelitos
14 Maggio

Non ci ribelliamo perché non andiamo (più) in Curva

Lorenzo Ottone

18 articoli
Il lockdown, in realtà, non ci è pesato affatto.

C’è una scena nel documentario Ultras Curva Sud di Alberto Negri del 1980 in cui un giovane tifoso romanista, orfano di padre, racconta come lo stadio sia uno dei pochi intrattenimenti a basso costo disponibili, una delle poche alternative alla delinquenza o al cinema.

 

 

Lo stadio, dopotutto, non è mero intrattenimento, ma riveste un fondamentale ruolo sociale. Lo stadio, o meglio, la curva è in questi anni una necessità per il giovane, è estasi condivisa, è stile di vita. Non stupisce, infatti, se l’unica sottocultura a non nascere nelle strade e nei club – quella dei Casuals britannici – si affermi sulle gradinate.

 

 

In Italia, tra fine ’70 ed ’80, il discorso non è poi tanto distante da quello britannico. Nelle strade si crea un’amalgama (contro)culturale che fa comparire nelle curve striscioni che vantano una marcata matrice sottoculturale, come il celebre Mods del Torino, o gli omonimi di Bologna, Ternana, Roma, Teramo, Campobasso e Rimini (probabilmente convertiti in seguito ai raduni mod sulla riviera romagnola).

 

mods bologna
I Mods Bologna, in una foto degli anni Ottanta (foto da Bologna Club 707)

 

 

Il calcio giocato, di per sé, è il pretesto, l’aggregazione il fine. Come confessa un altro giovane ultras intervistato da Negri:

 

“Io vado allo stadio per gli altri ragazzi. Siamo 2000 a una partita normalissima. A volte mi dicono che non tifo per la Roma, tifo per il Commando Ultras”.

 

Che si ascolti punk, hard rock, reggae o 2Tone, musica e calcio sono le forme di escapismo dal conformismo e dall’angosciante morsa della vita ordinaria. Per quanto queste scene musicali risultino oggi assorbite dalla cultura dominante, all’epoca portano i giovani a maturare un’attitudine genuinamente ribelle, termine oggi a dir poco pericoloso (vedasi l’affermazione del sottoculturalmente innocuo ‘indie’ nostrano).

 

 

Se ad un live del Settembre 1992 i torinesi e torinisti Statuto introducono il loro inno “Ragazzo Ultrà” con le parole «Abbiamo capito che finalmente si è scoperto il male dell’Italia. Non sono i mafiosi, gli spacciatori, i politici corrotti, ma i ragazzi che non si possono permettere il biglietto in tribuna centrale numerata e vanno a vedere le partite in curva, come noi» oggi Ghali – che ci si aspetterebbe essere il volto della trap, la nuova controcultura giovanile – si fa portavoce del Comune di Milano in un video che esorta i suoi fan ad attenersi ai decreti ministeriali, rimanendo a casa e ripartendo con cautela.

 

ghali
Ghali si esibisce sul prato di San Siro prima del derby del 17 marzo 2019 (foto Emilio Andreoli/Getty Images)

 

 

Oggi, non è la passione per il pallone ad essere scemata tra i giovani, è il consumo ad essere cambiato. Se prima dell’avvento della Pay TV eri giovane e ti piaceva il calcio non avevi altra opzione che andarlo a vedere. Perché diciamolo pure, Tutto Il Calcio Minuto Per Minuto era per matusa, o giusto per le domeniche in cui eri costretto alla gita fuori porta dai genitori e, allora, pronta la mano andava a sintonizzare l’autoradio – se non era stata rubata nella notte. Se i genitori non elargivano la paghetta o erano di strette vedute, nessun problema, ben o male c’era la squadra locale.

 

 

Le ultime generazioni di tifosi – se così possiamo davvero definire gli spettatori da divano – hanno perso, davanti al moltiplicarsi delle offerte di intrattenimento e della progressiva diminuzione del divario comportamentale e culturale con i propri genitori, un’attitudine ribelle. La curva non è più una necessità dettata da fattori economici, tantomeno un ambìto luogo di aggregazione e di affermazione generazionale. È piuttosto un ambiente demonizzato dalla cultura ufficiale – dettata, da chi negli ’80, molto probabilmente, non aveva amici e la domenica stava a casa con mammà.

 

 

In data 1 Maggio Il Corriere della Sera scriveva del futuro del calcio dopo il virus, prevedendo porte chiuse per 12 o 18 mesi, capienze ridotte, ingressi scaglionati, termoscanner e, dulcis in fundo, curve tutte a sedere. Insomma, il sogno asettico di Michael Jackson, se fosse stato un appassionato di calcio. Molto più concretamente il sogno degli amanti dei salotti sul VAR, dei depravati che passano più tempo su Transfer Market che su un sito a luci rosse, e di quelli che se proprio si vedono costretti ad andare allo stadio scelgono il box o la tribuna. Il sogno di quelli che negli ’80 ascoltavano I Pooh e che in curva non sono mai entrati.

 

 

Non solo lo stadio non è un teatro, ma lo spettacolo è il tifo, non lo sport giocato. Qui i tifosi della Fortitudo Bologna (video SportPeople)

 

 

Non è difficile immaginare l’insurrezione popolare e giovanile a cui si sarebbe assistito se 20, 30 o 40 anni fa si fosse prospettato un calcio simile o, esulando dallo sport, se ci si fosse trovati dinanzi al sequestro domiciliare della popolazione intera. Le generazioni che hanno riempito le curve – in piedi – tra i ’70 ed i primi ’00 hanno imparato a diffidare dello stato, così come delle forze dell’ordine diffida chi è stato parte di una sottocultura.

 

 

Generazioni che hanno fatto del loro stile di vita un’attitudine ribelle che li ha portati a rapportarsi attivamente alla vita, senza timore di chiudersi in casa e non disposti a rinunciare alla privazione della libertà.

 

 

Quando è stato messo in atto il lockdown, chi scrive ha creduto fosse questa l’occasione per riaccendere il fuoco controculturale tra i teenager italiani. Aggregazioni locali, un rinnovato spirito DIY, una reinterpretazione contemporanea dei bloc parties newyorchesi o dei ritrovi beatnik negli scantinati. Disilluso chi scrive. I nostri coetanei trovano appagamento nelle repliche del Mondiale 2006 e nell’ergersi a sceriffi del coprifuoco. Come cantava il poeta afroamericano Gil Scott-Heron, ‘the revolution will not be televised’; chiaramente, nessuno la farà. In televisione, ci rimarranno solo auto-professati esperti di calciomercato, i veri modelli dei tifosi d’oggi.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Marco Gambaudo
13 Agosto

Genoa, un altro anno aspettando Godot

Sulla sponda rossoblù del Bisagno si naviga a vista.
Italia
Antonio Torrisi
17 Giugno

La Coppa Italia è antidemocratica

Un torneo che ci rappresenta: da rifondare, ma sempre domani.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Tifo
Alberto Fabbri
12 Dicembre

ToroMio: un altro Toro è possibile!

Intervista a Guido Regis, presidente della più attiva associazione di tifosi granata.
Tifo
Alberto Fabbri
5 Ottobre

Ultras d’Italia, ep. I

Incipit della storia del tifo italiano.
Estero
Luca Giorgi
6 Febbraio

Sport USA e getta

Dobbiamo essere chiari, per come intendiamo noi lo sport gli Stati Uniti non hanno una cultura sportiva.
Editoriali
Alberto Fabbri
22 Aprile

Torneremo a cantare, ma non sui balconi

Siamo una tribù che non può rinunciare ai suoi riti.
Papelitos
Domenico Rocca
18 Luglio

Contro il campionato spezzatino

Il calcio che siamo abituati a conoscere è una carcassa abbandonata nel deserto: l’avvoltoio che la smembra è il business televisivo.
Italia
Giuseppe Cappiello
12 Marzo

US Fasano, il calcio del suo popolo

Il pallone come rito e bene collettivo.
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Ottobre

Elogio della guerra

Il calcio è stato trasformato in uno spettacolo, e come tale deve sottostare alle leggi dello show business.
Papelitos
Matteo Paniccia
27 Giugno

Porgere la mano al tifoso. Ma accade in Francia

Il biglietto, in trasferta, avrà un prezzo unico, per tutte le partite di Ligue 1 e Ligue 2.
Italia
Francesco Andreose
9 Maggio

La maglia più bella è quella Made in Italy

Un viaggio nei marchi storici della provincia italiana.
Interviste
La Redazione
6 Novembre

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Interviste
Simone Meloni
4 Novembre

I ragazzi della Sud

Antonio Bongi racconta i gloriosi anni del Commando Ultrà Curva Sud.
Tifo
Alberto Fabbri
28 Ottobre

Ultras d’Italia, ep. II

Il decennio della diffusione in tutta la Penisola.
Tifo
Alberto Fabbri
2 Marzo

I tifosi sono cattivi e Dietmar Hopp è un santo

Questa la versione che passa a reti unificate, e invoca addirittura il protocollo razzismo.
Tifo
26 Novembre

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Tifo
Emanuele Meschini
2 Novembre

Avete mai giocato a PES con Andy Warhol?

Chi non salta, una mostra artistica tra calcio, cultura e identità.
Tifo
Alberto Fabbri
14 Maggio

L’ora dell’azionariato popolare

L'ultima speranza per salvare e moralizzare lo sport italiano.
Tifo
Michelangelo Freda
30 Maggio

Il Bastia come orgoglio della Corsica

Una squadra che, insieme ai suoi tifosi, si identifica totalmente con il proprio territorio.
Papelitos
Domenico Rocca
21 Gennaio

Il tifoso non è una cavia da laboratorio

Che cosa sono gli esperimenti sociali?
Tifo
Domenico Rocca
17 Giugno

Caccia alle streghe

Nel modello che punta agli stadi-teatro, gli ultras rappresentano una minaccia e un ostacolo da eliminare nella loro interezza.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre

I tifosi non hanno diritto di parola

Dal “Vangelo” secondo Kolarov.
storie
Michelangelo Freda
21 Novembre

Shakhtar Donetsk, tra guerra e politica

In Ucraina si sta consumando da anni una guerra geopolitica, militare e infine anche calcistica.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Italia
Alberto Fabbri
6 Ottobre

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
storie
Simone Galeotti
3 Dicembre

I giardini di Marzo o della Lazialità

La Lazio e i laziali visti da una lente esterna.
storie
Maurizio Fierro
8 Dicembre

Ribelli al potere

Alle origini anarchiche e ribelli del calcio totale.
Papelitos
La Redazione
27 Febbraio

Il muro giallo contro il calcio spezzatino

La protesta intelligente dei tifosi del Borussia Dortmund contro il “calcio moderno”.
Interviste
Michelangelo Freda
25 Settembre

Tobias Jones – God save the Ultras

Intervista allo scrittore e giornalista inglese Tobias Jones, esperto di sottoculture italiane e del fenomeno ultras nel nostro Paese.
Tifo
Alberto Fabbri
14 Febbraio

Quando gli ultras scendono in piazza

Nel 2011 il tifo organizzato del Cairo è stato garante e difensore delle rivolte popolari.
Editoriali
Alberto Fabbri
27 Febbraio

Controstoria del tifo americano

Non tutti negli USA si accontentano dello Sports Entertainment.
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
storie
Gianluca Palamidessi
24 Gennaio

Dare calci al Caffè Borghetti e fregarsene della partita

Cos'è un sapore antico?
Tifo
Michelangelo Freda
29 Gennaio

The Club Shakhtar, tifosi sul fronte

Intervista al The Club, il gruppo ultras più influente dello Shakhtar Donetsk, tra tifo organizzato, nazionalismo e guerra.
Papelitos
Lorenzo Santucci
6 Settembre

È il vostro calcio ad incitare alla pirateria

Il patetico spot contro la pirateria tradisce l'ipocrisia di un sistema che ha dimenticato i tifosi, e se ne ricorda solo quando c'è da spennarli.
Editoriali
Lorenzo Santucci
1 Marzo

Si scrive Serie A, si legge WWE

Il rinvio delle partite è la decisione tardiva di un sistema ipocrita.
Tifo
Simone Meloni
25 Dicembre

Avellino e Foggia, amici mai

Reportage sul tifo delle due curve dal Partenio.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Editoriali
Gennaro Malgieri
2 Dicembre

Perchè il calcio non è solo uno sport

L’irresistibile “calcistizzazione” che ha ormai contagiato tutti gli strati e i ceti sociali, si spiega con un'inconscia e primordiale "spinta comunitaria" che è uno dei fondamenti, probabilmente il più importante, della “nuova” politicità, trascendente le forme tradizionali legate ai partiti e ai movimenti, che si va affermando ovunque.
maestri
La Redazione
29 Maggio

La gallina dalle uova d’oro

Maestri, Episodio VI: Massimo Fini.
Tifo
Jacopo Benefico
19 Novembre

Marsiglia vs Nizza, il derby del mare

Storia di due città che si odiano da sempre.
Tifo
Alberto Fabbri
8 Marzo

Ragazze Ultrà

L'emancipazione femminile è passata anche dalle curve.
Cultura
Domenico Rocca
8 Aprile

La sciarpa, il tamburo e la siringa

Negli anni '70 l'eroina ha cancellato una generazione, dalle piazze e dagli stadi.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.