Carrello vuoto
Papelitos
14 Maggio

Non ci ribelliamo perché non andiamo (più) in Curva

Lorenzo Ottone

18 articoli
Il lockdown, in realtà, non ci è pesato affatto.

C’è una scena nel documentario Ultras Curva Sud di Alberto Negri del 1980 in cui un giovane tifoso romanista, orfano di padre, racconta come lo stadio sia uno dei pochi intrattenimenti a basso costo disponibili, una delle poche alternative alla delinquenza o al cinema.

 

 

Lo stadio, dopotutto, non è mero intrattenimento, ma riveste un fondamentale ruolo sociale. Lo stadio, o meglio, la curva è in questi anni una necessità per il giovane, è estasi condivisa, è stile di vita. Non stupisce, infatti, se l’unica sottocultura a non nascere nelle strade e nei club – quella dei Casuals britannici – si affermi sulle gradinate.

 

 

In Italia, tra fine ’70 ed ’80, il discorso non è poi tanto distante da quello britannico. Nelle strade si crea un’amalgama (contro)culturale che fa comparire nelle curve striscioni che vantano una marcata matrice sottoculturale, come il celebre Mods del Torino, o gli omonimi di Bologna, Ternana, Roma, Teramo, Campobasso e Rimini (probabilmente convertiti in seguito ai raduni mod sulla riviera romagnola).

 

mods bologna
I Mods Bologna, in una foto degli anni Ottanta (foto da Bologna Club 707)

 

 

Il calcio giocato, di per sé, è il pretesto, l’aggregazione il fine. Come confessa un altro giovane ultras intervistato da Negri:

 

“Io vado allo stadio per gli altri ragazzi. Siamo 2000 a una partita normalissima. A volte mi dicono che non tifo per la Roma, tifo per il Commando Ultras”.

 

Che si ascolti punk, hard rock, reggae o 2Tone, musica e calcio sono le forme di escapismo dal conformismo e dall’angosciante morsa della vita ordinaria. Per quanto queste scene musicali risultino oggi assorbite dalla cultura dominante, all’epoca portano i giovani a maturare un’attitudine genuinamente ribelle, termine oggi a dir poco pericoloso (vedasi l’affermazione del sottoculturalmente innocuo ‘indie’ nostrano).

 

 

Se ad un live del Settembre 1992 i torinesi e torinisti Statuto introducono il loro inno “Ragazzo Ultrà” con le parole «Abbiamo capito che finalmente si è scoperto il male dell’Italia. Non sono i mafiosi, gli spacciatori, i politici corrotti, ma i ragazzi che non si possono permettere il biglietto in tribuna centrale numerata e vanno a vedere le partite in curva, come noi» oggi Ghali – che ci si aspetterebbe essere il volto della trap, la nuova controcultura giovanile – si fa portavoce del Comune di Milano in un video che esorta i suoi fan ad attenersi ai decreti ministeriali, rimanendo a casa e ripartendo con cautela.

 

ghali
Ghali si esibisce sul prato di San Siro prima del derby del 17 marzo 2019 (foto Emilio Andreoli/Getty Images)

 

 

Oggi, non è la passione per il pallone ad essere scemata tra i giovani, è il consumo ad essere cambiato. Se prima dell’avvento della Pay TV eri giovane e ti piaceva il calcio non avevi altra opzione che andarlo a vedere. Perché diciamolo pure, Tutto Il Calcio Minuto Per Minuto era per matusa, o giusto per le domeniche in cui eri costretto alla gita fuori porta dai genitori e, allora, pronta la mano andava a sintonizzare l’autoradio – se non era stata rubata nella notte. Se i genitori non elargivano la paghetta o erano di strette vedute, nessun problema, ben o male c’era la squadra locale.

 

 

Le ultime generazioni di tifosi – se così possiamo davvero definire gli spettatori da divano – hanno perso, davanti al moltiplicarsi delle offerte di intrattenimento e della progressiva diminuzione del divario comportamentale e culturale con i propri genitori, un’attitudine ribelle. La curva non è più una necessità dettata da fattori economici, tantomeno un ambìto luogo di aggregazione e di affermazione generazionale. È piuttosto un ambiente demonizzato dalla cultura ufficiale – dettata, da chi negli ’80, molto probabilmente, non aveva amici e la domenica stava a casa con mammà.

 

 

In data 1 Maggio Il Corriere della Sera scriveva del futuro del calcio dopo il virus, prevedendo porte chiuse per 12 o 18 mesi, capienze ridotte, ingressi scaglionati, termoscanner e, dulcis in fundo, curve tutte a sedere. Insomma, il sogno asettico di Michael Jackson, se fosse stato un appassionato di calcio. Molto più concretamente il sogno degli amanti dei salotti sul VAR, dei depravati che passano più tempo su Transfer Market che su un sito a luci rosse, e di quelli che se proprio si vedono costretti ad andare allo stadio scelgono il box o la tribuna. Il sogno di quelli che negli ’80 ascoltavano I Pooh e che in curva non sono mai entrati.

 

 

Non solo lo stadio non è un teatro, ma lo spettacolo è il tifo, non lo sport giocato. Qui i tifosi della Fortitudo Bologna (video SportPeople)

 

 

Non è difficile immaginare l’insurrezione popolare e giovanile a cui si sarebbe assistito se 20, 30 o 40 anni fa si fosse prospettato un calcio simile o, esulando dallo sport, se ci si fosse trovati dinanzi al sequestro domiciliare della popolazione intera. Le generazioni che hanno riempito le curve – in piedi – tra i ’70 ed i primi ’00 hanno imparato a diffidare dello stato, così come delle forze dell’ordine diffida chi è stato parte di una sottocultura.

 

 

Generazioni che hanno fatto del loro stile di vita un’attitudine ribelle che li ha portati a rapportarsi attivamente alla vita, senza timore di chiudersi in casa e non disposti a rinunciare alla privazione della libertà.

 

 

Quando è stato messo in atto il lockdown, chi scrive ha creduto fosse questa l’occasione per riaccendere il fuoco controculturale tra i teenager italiani. Aggregazioni locali, un rinnovato spirito DIY, una reinterpretazione contemporanea dei bloc parties newyorchesi o dei ritrovi beatnik negli scantinati. Disilluso chi scrive. I nostri coetanei trovano appagamento nelle repliche del Mondiale 2006 e nell’ergersi a sceriffi del coprifuoco. Come cantava il poeta afroamericano Gil Scott-Heron, ‘the revolution will not be televised’; chiaramente, nessuno la farà. In televisione, ci rimarranno solo auto-professati esperti di calciomercato, i veri modelli dei tifosi d’oggi.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tennis
Massimiliano Vino
29 Giugno 2022

Il tifoso Giacomo Leopardi

Prima del calcio, uno sport nazionale trascinava folle e intellettuali.
Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno 2022

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Tifo
Michelangelo Freda
19 Maggio 2022

Si può essere ultras a Lipsia?

Un tifo in provetta, o meglio in lattina.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
27 Marzo 2022

L’anima nera degli ultras ucraini

Dalle curve al fronte, tra guerra e ultranazionalismo.
Tifo
Jacopo Benefico
20 Marzo 2022

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Tifo
Alberto Fabbri
8 Marzo 2022

Ragazze Ultrà

L'emancipazione femminile è passata anche dalle curve.
Tifo
Alessandro Imperiali
1 Marzo 2022

Stefano Furlan vive

La morte di un tifoso, la morte senza giustizia di un ragazzo.
Tifo
Jacopo Benefico
9 Febbraio 2022

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Tifo
Alessandro Imperiali
27 Gennaio 2022

Sì, viaggiare

Alba e tramonto degli Eagles Supporters, storico gruppo della Curva Nord laziale.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Tifo
Simone Meloni
25 Dicembre 2021

Avellino e Foggia, amici mai

Reportage sul tifo delle due curve dal Partenio.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Tifo
Alberto Fabbri
12 Dicembre 2021

ToroMio: un altro Toro è possibile!

Intervista a Guido Regis, presidente della più attiva associazione di tifosi granata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Tifo
Alberto Fabbri e Domenico Rocca
26 Novembre 2021

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Tifo
Emanuele Meschini
2 Novembre 2021

Avete mai giocato a PES con Andy Warhol?

Chi non salta, una mostra artistica tra calcio, cultura e identità.
Tifo
Andrea Mainente
15 Ottobre 2021

No one likes us, we don’t care

Viaggio nel mondo Millwall e nel popolo degli abissi.
Tifo
Diego D'Avanzo
12 Ottobre 2021

In fondo al buio c’è la luce

La storia del Dortmund, la storia del Muro Giallo.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Tifo
Alberto Fabbri
16 Settembre 2021

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Tifo
Alberto Fabbri
10 Giugno 2021

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Tifo
Alberto Fabbri
6 Maggio 2021

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Tifo
Jacopo Benefico
24 Aprile 2021

I tifosi salveranno il calcio

Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.
Tifo
Valerio Santori
9 Aprile 2021

Il posto dei tifosi è all’inferno

Quello spot Nike in cui rappresentavano il Male.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo 2021

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo 2021

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.
Italia
Gianluca Palamidessi
14 Marzo 2021

Il modello AlbinoLeffe tra futuro e distopia

Luci e ombre della società bergamasca.
Interviste
Giuseppe Cappiello
12 Marzo 2021

US Fasano, il calcio del suo popolo

Il pallone come rito e bene collettivo.
Recensioni
Alessandro Saviano
2 Marzo 2021

Hool non è solo letteratura sportiva

Vite ribelli tra pub, palestre e cimiteri.
Editoriali
Alberto Fabbri
27 Febbraio 2021

Controstoria del tifo americano

Non tutti negli USA si accontentano dello Sports Entertainment.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Tifo
Emanuele Meschini
17 Dicembre 2020

Genoa-Siena: tra farsa e realtà

Una tragedia inscenata sul palcoscenico dello Stadio Ferraris.
Storie
Maurizio Fierro
8 Dicembre 2020

Ribelli al potere

Alle origini anarchiche e ribelli del calcio totale.
Tifo
Alberto Fabbri
19 Novembre 2020

I colori dividono le torcidas, Bolsonaro le unisce

Le tifoserie organizzate unite contro il presidente.
Tifo
Jacopo Benefico
19 Novembre 2020

Marsiglia vs Nizza, il derby del mare

Storia di due città che si odiano da sempre.
Tifo
Alessandro Imperiali
11 Novembre 2020

Gabriele Sandri, storia di un omicidio

Tredici anni fa veniva ucciso un cittadino italiano.
Interviste
La Redazione
6 Novembre 2020

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Calcio
Raffaele Scarpellini
24 Ottobre 2020

Il Valencia non vede più la luce

Il magnate Peter Lim sta portando il club nel baratro.
Calcio
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre 2020

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Tifo
Alessandro Imperiali
12 Ottobre 2020

Chi canta prega due volte

Chiesa, cultura popolare, stadio: l'evoluzione dei cori in terra anglosassone.