A Padova c’è bisogno di fede
Interviste
Jacopo Gozzi
29 Gennaio 2023

A Padova c’è bisogno di fede

Un lungo calvario che vuole essere superato.

Ultime

Tutte
Calcio
Altri sport
Papelitos
Interviste
Mourinho duro con Zaniolo e piccante con Spalletti: “il Napoli ha già vinto lo Scudetto”
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Gennaio 2023

Mourinho duro con Zaniolo e piccante con Spalletti: “il Napoli ha già vinto lo Scudetto”

Nella settimana del suo sessantesimo compleanno, Mourinho ricorda a tutti perché è eterno.
Elkann vs Agnelli, atto finale
Calcio
Giovanni Casci
25 Gennaio 2023

Elkann vs Agnelli, atto finale

La resa dei conti tra John e Andrea sulla Juventus.
L’ottimismo metafisico di Roberto Mancini
Papelitos
La Redazione
22 Gennaio 2023

L’ottimismo metafisico di Roberto Mancini

Secondo il CT, anche noi avremmo 4-5 Bellingham.
La rivoluzione di Xavi al Barcellona
Calcio
Emanuele Iorio
20 Gennaio 2023

La rivoluzione di Xavi al Barcellona

Che, paradossalmente, parte dalla solidità difensiva.
C’era una volta il Castel di Sangro di Jaconi
Calcio
Matteo Mancin
19 Gennaio 2023

C’era una volta il Castel di Sangro di Jaconi

Memorie su un'indimenticabile (e incredibile) cavalcata.
Il Lens di Franck Haise viene da un’altra epoca
Calcio
Emanuele Iorio
15 Gennaio 2023

Il Lens di Franck Haise viene da un’altra epoca

Allenare uomini, prima che calciatori.
Elkann vs Agnelli, atto finale
Calcio
Giovanni Casci
25 Gennaio 2023

Elkann vs Agnelli, atto finale

La resa dei conti tra John e Andrea sulla Juventus.
La rivoluzione di Xavi al Barcellona
Calcio
Emanuele Iorio
20 Gennaio 2023

La rivoluzione di Xavi al Barcellona

Che, paradossalmente, parte dalla solidità difensiva.
C’era una volta il Castel di Sangro di Jaconi
Calcio
Matteo Mancin
19 Gennaio 2023

C’era una volta il Castel di Sangro di Jaconi

Memorie su un'indimenticabile (e incredibile) cavalcata.
Il Lens di Franck Haise viene da un’altra epoca
Calcio
Emanuele Iorio
15 Gennaio 2023

Il Lens di Franck Haise viene da un’altra epoca

Allenare uomini, prima che calciatori.
L’importanza di saper leggere le partite
Calcio
Gianluca Palamidessi
09 Gennaio 2023

L’importanza di saper leggere le partite

E di non saperle leggere.
Ritirare le maglie va contro l’essenza del calcio
Calcio
Enrico Ciccarelli
07 Gennaio 2023

Ritirare le maglie va contro l’essenza del calcio

Un dibattito riaperto dopo la morte di Pelé.
Il Tiro con l’arco ha radici profonde
Altri Sport
Gennaro Chiappinelli
11 Gennaio 2023

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Don’t take me home
Altri Sport
Luca Quartarone
28 Dicembre 2022

Don’t take me home

Una serata al mondiale di freccette.
La boxe cubana dopo Fidel
Altri Sport
Raffaele Scarpellini
30 Novembre 2022

La boxe cubana dopo Fidel

Una nuova rivoluzione, stavolta sportiva.
Scacchi, arte e scienza dell’inganno
Altri Sport
Gennaro Chiappinelli
24 Novembre 2022

Scacchi, arte e scienza dell’inganno

Lo sport “più violento del mondo” come metafora dell'esistenza.
La Ferrari 499P per Le Mans è un sogno
Altri Sport
Giacomo Cunial
04 Novembre 2022

La Ferrari 499P per Le Mans è un sogno

Una macchina fedele alla linea, bellissima, rossa per vocazione: il ritorno del mito.
Budget cap, tra FIA e Red Bull finisce a tarallucci e vino
Altri Sport
Giacomo Cunial
29 Ottobre 2022

Budget cap, tra FIA e Red Bull finisce a tarallucci e vino

E forse è anche giusto così.
Mourinho duro con Zaniolo e piccante con Spalletti: “il Napoli ha già vinto lo Scudetto”
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Gennaio 2023

Mourinho duro con Zaniolo e piccante con Spalletti: “il Napoli ha già vinto lo Scudetto”

Nella settimana del suo sessantesimo compleanno, Mourinho ricorda a tutti perché è eterno.
L’ottimismo metafisico di Roberto Mancini
Papelitos
La Redazione
22 Gennaio 2023

L’ottimismo metafisico di Roberto Mancini

Secondo il CT, anche noi avremmo 4-5 Bellingham.
Togliamoci la maschera
Italia
Gianluca Palamidessi
14 Gennaio 2023

Togliamoci la maschera

Di fronte a un Napoli così, la Juventus passa in secondo piano.
L’importanza di saper leggere le partite
Calcio
Gianluca Palamidessi
09 Gennaio 2023

L’importanza di saper leggere le partite

E di non saperle leggere.
Lega Calcio e DAZN, il gatto e la volpe
Critica
Gianluca Palamidessi
08 Gennaio 2023

Lega Calcio e DAZN, il gatto e la volpe

Le colpe di un disastro annunciato sono da spartire equamente.
Il suicidio sportivo di Cristiano Ronaldo
Papelitos
Giovanni Casci
02 Gennaio 2023

Il suicidio sportivo di Cristiano Ronaldo

Chi vive per il tutto, e non può raggiungerlo, piuttosto sceglie il nulla.
Life on the terraces
Estero
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2023

Life on the terraces

Seguire la Non League per esplorare l'anima di un popolo: il racconto di Stefano Faccendini.
Ascoli calcio, comunità e tradizione
Interviste
Matteo Zega
28 Dicembre 2022

Ascoli calcio, comunità e tradizione

Gli Ultras 1898 custodiscono il fuoco del tifo ascolano.
Sébastien Frey: il Buddismo, il calcio, il fato
Interviste
Federico Calabrese
17 Novembre 2022

Sébastien Frey: il Buddismo, il calcio, il fato

Sfide su sfide, sempre controcorrente.
Wolfram Eilenberger: il calcio degli stregoni
Interviste
Leonardo Arigone
16 Novembre 2022

Wolfram Eilenberger: il calcio degli stregoni

Un manifesto di libertà (e inattualità) nel pallone.
Javier Aguirre e la bellezza del calcio
Calcio
La Redazione
23 Ottobre 2022

Javier Aguirre e la bellezza del calcio

L'allenatore del Maiorca è contrastiano e selvaggio.
Jean-Michel Jarre su Qatar 2022: «Sono contro il boicottaggio»
Calcio
La Redazione
23 Ottobre 2022

Jean-Michel Jarre su Qatar 2022: «Sono contro il boicottaggio»

L'intervista concessa all’Équipe dall'artista francese è una boccata d'ossigeno.

Editoriali

Andrea Antonioli
17 Gennaio 2023

Troppo facile sparare sugli ultras

Troppo facile sparare sugli ultras
Il giornalismo, sosteneva Jacques Derrida, non informa sui fatti o dei fatti bensì informa i fatti: li plasma, li orienta, decide ancora prima quali debbano essere fatti e quali no. Così, nell'escalation mediatica che abbiamo vissuto negli ultimi giorni, e nell'emergenza ultras creata dalle redazioni dei giornali e dalle segreterie di partito – dati alla mano, in Italia non esiste e anzi non è mai stata così lontana – la decisione spropositata del Ministro degli Interni Piantedosi, sospendere per due mesi le trasferte ai tifosi di Napoli e Roma, non arriva certo come un fulmine a ciel sereno. Cerchiamo però, almeno qui, di esercitare un minimo di onestà intellettuale. Di andare oltre il chiacchiericcio e le frasi fatte, oltre una narrazione dai toni bellici, tribali, talmente polarizzante da scadere nell'irrazionalità; di sfuggire al ricatto mediatico – e ad un metodo già ampiamente collaudato in altre 'emergenze' – per cui basta avanzare un paio di domande sulle ricostruzioni ufficiali per essere immediatamente marchiati come filo-ultras, e quindi sillogisticamente difensori dei criminali, collaborazionisti e fiancheggiatori dei teppisti. Come diceva un vecchio filosofo danese "se mi etichetti mi annulli”, ed è forse proprio per questo che negli ultimi anni etichette e patenti si sono sprecate. Ad ogni modo, in tuttà onestà, a noi di difendere gli ultras non ce ne frega proprio niente. Anzi. Il problema però sta anche qui, nel fatto che gli unici a cercare di approfondire la questione, oltre i ritornelli di una 'tolleranza zero' mai così populista, siano esponenti che fanno già parte di quel mondo: ultras, gente di curva, nella migliore delle ipotesi “giornalisti-tifosi”. Per il resto è tutto un fuoco incrociato di editorialisti e semplici scribacchini, presentatori in studio e anchorman televisivi, politici e pseudo-influencer; ci si sono messi persino gli attori, con l’intervento di Diego Abatantuono che, forse interpellato in quanto ex Zebrone, si è sentito di dire la sua: «Le trasferte del tifo organizzato vanno abolite». Gli ultras sono diventati i nuovi ravers, una categoria marginalissima (e sostanzialmente inoffensiva) ma indifendibile per eccellenza, forse un'utile arma di distrazione di massa – dice qualcuno con malizia – per un governo alle prese con una difficile congiuntura economica, e chiamato ad utilizzare il pugno di ferro con bersagli facili quando non riesce a farlo per l'ordine pubblico in generale e i migranti in particolare (gli sbarchi sono aumentati di più del 50% negli ultimi tre mesi, con buona pace delle promesse da campagna elettorale). Così, continuando a pensare male, sembra che "l'emergenza ultras” arrivi come acqua nel deserto per la politica, e come un dono dal cielo per la sete di moralismo, catartica e purificatrice, del giornalismo nostrano. Giornalismo che, emotivo e sensazionalista come non mai, ridotto ormai ad un ventriloquio della pancia del Paese o dei palazzi, dipende dai giorni, ha bisogno di creare l'emergenza, di sbattere in prima pagina l'uomo (vestito di) nero; nelle ultime ore è stato un tourbillon di ricostruzioni più o meno surreali, tra mappe degli autogrill stilate dagli ultras per scontrarsi, codici di riconoscimento per ingaggiare battaglie, metodologie di combattimento, patti segreti tra curve, matrici di estrema destra, dress-code e armamentari di guerriglia. Per non parlare poi delle "testimonianze-choc” delle madri di famiglia, di ritorno dalla settimana bianca con i bambini piccoli, che si sono trovate in questo scenario bellico e, allarmate, sono «andati via il più velocemente possibile». Argomenti di sicuro incasso emotivo che invece non erano stati spolverati, ad esempio, quando un agente della Polizia Stradale, Luigi Spaccarotella, sparò ad altezza uomo due colpi di pistola che attraversarono sei corsie d'autostrada e viaggiarono per più di 60 metri uccidendo infine Gabriele Sandri: allora non passavano famiglie, nessuno tornava dalla settimana bianca né andava a fare una gita fuori porta, né madri né figli, e quel proiettile non avrebbe potuto colpire nessun altro se non un perfido ultras laziale (che stava dormendo in macchina). A tal proposito, nella sfilza di articoli un po' da pubblici ministeri, un po' da Cetto La Qualunque, c'è anche chi ha imputato la morte di Sandri alla violenza degli ultras, in un pezzo intitolato 'Le vere star del tifo' che attacca a testa bassa gli hooligans nostrani e lega Badia al Pino a Badia al Pino, il 2007 al 2023, scrivendo che 15 anni fa ci fu «una incredibile battaglia con un ragazzo che resta a terra ammazzato, il povero Gabriele Sandri», come se questo fosse stato ucciso dai tifosi rivali e non da un membro delle forze dell'ordine – ricordiamo anche che il colpo partì quando la rissa tra qualche tifoso laziale e juventino era già ampiamente terminata. Un racconto a reti unificate che ha scavato in profondità nei chiaroscuri del mondo ultras ma che, al contrario, è rimasto in superficie quando si trattava di interrogarsi più approfonditamente, ponendosi il problema di chi dovesse «amministrare e tracciare lo spostamento delle tifoserie più numerose del Paese: Osservatorio, CASMS, riunioni fiume di Prefetti, Questori. Un posto normale e sviluppato del globo avrebbe ammesso l'inutilità di divieti e avrebbe posto pesanti interrogativi su tutta la giornata. E al massimo ci si sarebbe occupato di punire i colpevoli (...) Sarebbe bello, quanto utopico, se questi giornalisti (se fossero in buona fede) ponessero domande e perplessità su tutto il resto», come scrive sul suo profilo il giornalista Simone Meloni. È proprio questo il punto ma, per l'ennesima volta, abbiamo deciso di abdicare alla razionalità per sprofondare nel campo dell'emotività, del facile e rinfrancante giustizialismo d'accatto. Così il sistema mass-mediatico e l'opinione pubblica si sono ritrovati nella richiesta di condanne esemplari, e la retorica giornalistica si è saldata con il senso comune: giornali e Bar di tutto il Paese uniti dietro a formule vuote e irresistibilmente populiste quali "questi non sono tifosi”, "i danni li paghiamo noi”, "potevano restare ferite donne e bambini”. Un copione accompagnato dalle solite invocazioni sulle "famiglie allo stadio”, che secondo molti non andrebbero a vedere le partite per il pericolo di scontri – che negli impianti o subito fuori non si verificano da anni – e non per le strutture fatiscienti, il livello infimo del nostro campionato e soprattutto le alternative di intrattentimento migliori. Una trama riproposta anche da importanti giornalisti eppure una retorica che, con questi ultras, ha gioco facile. Inutile negarlo: molti di loro, soprattutto nelle grandi piazze, laddove maggiori sono gli interessi, sono brutti, volgari, feroci, inutilmente cattivi e prepotenti. La mutazione antropologica delle curve di mezza Italia negli ultimi decenni, specchio d'altronde del Paese, è desolante, per certi versi spaventosa: un autentico genocidio di umanità, laddove la parola umanità è spogliata di connotazioni morali. E non è questione di incidenti, che anzi negli ultimi anni sono calati drasticamente ad opera dei tifosi – come è costretto ad ammettere, dati alla mano, pure il Presidente della Lega Serie A Casini – bensì di spirito, contenuti, valori. Che piacessero o meno, una volta le curve erano sì luoghi di violenza ma anche di avanguardie, vecchi ideali, nuove sintesi, codici e leggi non scritte; oggi sono sempre più spesso luoghi di malaffare, di personalismi criminali, di gerarchie stabilite in base al grado di narcotraffico e ai legami con le organizzazione criminali; templi del tardo-nichilismo, etico ed estetico. Laddove il vecchio mondo (degli ultras) è morto e quello nuovo tarda a comparire, è in questo chiaroscuro, parafrasando Gramsci, che nascono i mostri. Ecco: tanti ultras oggi sono irrimediabilmente brutti, mostruosi, non più attrattivi da fuori bensì respingenti, repellenti. I migliori alleati possibili di chi vuole condannarli all'oblio. I media lo sanno e vanno a riprendere proprio loro, riproponendo a ciclo continuo le immagini più violente e disturbanti; un metodo surrettizio per demonizzare un'intera categoria e colpire un certo modello di tifo, troppo ingombrante, che i potenti del calcio già da anni stanno provando ad eradicare (Florentino Perez, Andrea Agnelli, Al-Khelaifi etc., per non parlare delle varie leghe nazionali e internazionali). Non a caso in Europa, a differenza di quanto accadeva fino a 10-15 anni fa, gli scontri negli stadi o subito fuori si sono drasticamente ridotti, e ciò contribuisce ad alimentare i dubbi di chi si chiede perché debba intervenire la giustizia sportiva – riscontrando quindi un coinvolgimento, seppur indiretto, dei club – per dei gruppi di persone che si scontrano in un autogrill o in un parcheggio. Il codice di giustizia sportiva, l'articolo 26 per la precisione, prevede infatti la possibilità di ritenere le società responsabili delle violenze: «sia all'interno dell'impianto sportivo, sia nelle aree esterne immediatamente adiacenti». Non però in un autogrill che dista centinaia di chilometri dall'impianto "incriminato" più vicino. Perché, allora, vietare le trasferte per una rissa che ha bloccato un'autostrada? Perché la giustizia sportiva? Per quale ragione la stragrande maggioranza dei tifosi, che non va in trasferta con spranghe e coltelli ma al massimo con qualche striscione e bandiera (i romanisti in trasferta a Milano ad esempio erano 3000, quelli coinvolti negli scontri massimo un centinaio), ebbene perché questi tifosi devono essere penalizzati per "responsabilità indiretta" a causa di violenze che non avvengono nemmeno nei pressi dello stadio, ma in una stazione di servizio? Ma di cosa stiamo parlando? Sarebbe come vietare le manifestazioni solo perché dei fanatici si staccano dal corteo e distruggono la città – richiesta peraltro che troverebbe anch'essa, nel Paese, molti consensi. Club e tifosi devono così scontare l'incapacità degli organi preposti a gestire l'ordine pubblico e prevenire incidenti, il tutto per saziare un'opinione pubblica irrazionale (e condizionata mediaticamente) che richiede in maniera scomposta verdetti, punizioni, condanne: «sarebbe singolare che al coro di indignazione non venissero prese delle decisioni», ha affermato il ministro Piantedosi. Ecco l'indignazione come base legislativa, più forte della ragione e degli stessi codici di giustizia. D'altronde gli ultras, quegli uomini neri, armati, quei reietti emarginati e violenti, così irriducibili all'ordine borghese, non hanno diritto neanche a un processo e ad un avvocato d'ufficio. Di più, vanno aboliti come categoria umana. Poco importa che siano stati protagonisti o meno delle violenze, poco importa la "personalità della responsabilità” sancita dall'articolo 27 della nostra Costituzione, ma ancor prima dal buon senso di qualsivoglia società civile; qui si tratta di ultras, e come tali responsabili di un peccato originale: di uno stile di vita, ancor prima che di tifo, da eliminare una volta per tutte. Ebbene noi che ultras non lo siamo stati e non lo saremo mai, noi che anche volendo siamo uomini di pensiero e non di azione, siamo qui per lanciare, un po' come Toro Seduto ai 'civilizzatori', un avvertimento. Sì perché quando avremo bloccato l'ultimo striscione, fatto ammainare l'ultima bandiera, quando avremo spento l'ultima torcia e comminato l'ultima diffida, solo allora ci renderemo conto che il calcio, non senza tifosi bensì senza ultras, sarà senza colori. Quando avremo trasformato anche l'ultimo stadio in un teatro capiremo che il calcio che abbiamo voluto, quello che avevano in mente i potenti del pallone, depurato dai suoi retaggi novecenteschi con la complicità di media e politica, sarà diventato semplicemente uno sport: uno spettacolo per consumatori, un intrattenimento, da casa così come nella "esperienza” – o experience che dir si voglia – dello stadio, da vivere rigorosamente al proprio posto. Ci renderemo conto che peggio delle dinamiche criminali di alcune curve ci sarà l'omologazione delle stesse, trasformate in settori escusivi ma ancor prima escludenti; e che aveva ragione il Pasolini maturo, disilluso ma mai così lucido, giunto alla conclusione per cui «la povertà non è il peggiore dei mali, e nemmeno lo sfruttamento. Il gran male dell’uomo non consiste né nella povertà né nello sfruttamento, ma nella perdita della singolarità umana sotto l’impero del consumismo». Lo stesso vale per la criminalità e la violenza, assai preferibili, nella loro minima percentuale, rispetto alla disumanizzazione del nuovo calcio a misura di storie instagram e video tik-tok. A quel punto forse rimpiangeremo quei pazzi fuori tempo massimo, ultimi mohicani e banditi, ribelli senza causa e reietti per necessità; pure i più mostruosi, esaltati, violenti, effetto collaterale di un movimento di strada e riflesso di una società senza più un Dio. Ci accorgeremo che qualche disagio alla circolazione e una cinquantina di feriti all'anno (46 l'anno scorso quelli riconducibili alle partite di Serie A, tra agenti e civili) non erano poi questa grande emergenza nazionale. E capiremo che in fondo i violenti bastava arrestarli, come prevede la legge, senza penalizzare club e tifosi. Risparmiandoci l'intervento dei ministri, i processi delle televisioni, gli inviti a "vietare le trasferte del tifo organizzato”; e i fondi, dal sapore mai così amaro, dei giornali.

Ritratti

Marco Metelli
24 Gennaio 2023

Franco Baresi: uomo, capitano, icona

Marco Armocida
16 Gennaio 2023

Victor Osimhen, calciatore selvaggio

Ciro Cuccurullo
10 Gennaio 2023

Cristiano Giuntoli, sacrificio e visione

Ciro Cuccurullo
14 Dicembre 2022

Perdere la testa per Sofiane Boufal

Thomas Novello
24 Novembre 2022

La musica e l’anima di Rafael Leao

Annibale Gagliani
18 Novembre 2022

Ernesto Chevanton, senza padroni

Raffaele Scarpellini
11 Novembre 2022

Luva de Pedreiro tra la polvere e i milioni

Marco Metelli
23 Ottobre 2022

Domenico Luzzara, il presidente-ultras

Edoardo Biancardi
20 Ottobre 2022

Zizou Zidane, il tutto e la parte

Alessandro Di Nardo
19 Ottobre 2022

Sam Allardyce non è quello che credete di conoscere

Tifo

A Padova c’è bisogno di fede
Interviste
Jacopo Gozzi
29 Gennaio 2023

A Padova c’è bisogno di fede

Un lungo calvario che vuole essere superato.
Il volto (s)coperto di Fabrizio Toffolo
Recensioni
Lorenzo Serafinelli
28 Gennaio 2023

Il volto (s)coperto di Fabrizio Toffolo

Volti coperti è un docufilm imperdibile.
Barletta e Austria Salzburg, storia di un’amicizia
Tifo
Gianluca Losito
04 Gennaio 2023

Barletta e Austria Salzburg, storia di un’amicizia

Una giornata di calcio vero, antico, profondo.

Cultura

Alberto Fabbri
23 Gennaio 2023

La strage dello Stadio Olimpico

La strage dello Stadio Olimpico
La mattina del 23 gennaio 1994 una Lancia Thema è parcheggiata in viale dei Gladiatori, a qualche decina di metri dai cancelli dello Stadio Olimpico. Nel baule ci sono circa settecento chili di esplosivo e tondini di ferro, racchiusi nei “parmigiani”, sacchi della spazzatura stretti da corde e nastro da pacchi. In cima alla colle di Monte Mario, un uomo ha in mano il telecomando per farla saltare in aria, al momento opportuno; ovvero, quando i tifosi usciranno ed  al triplice fischio di Roma-Udinese. In contemporanea si muoveranno anche i pullman dei carabinieri: boom, la strage più sanguinosa della storia della Repubblica. Questo non è l’incipit di un romanzo di De Cataldo, né il primo ciak di un thriller girato nell’Urbe; l’adagio vuole che la realtà superi la fantasia, anche quella più macabra, proprio come in questo caso. Questa trama è ricostruita nei  verbali a cui si fa riferimento nei processi sulle stragi del 1993, le parole sono confessate dai collaboratori di giustizia di fronte agli inquirenti. Il primo è Antonio Scarano, grilletto calabrese di Cosa Nostra, che alla Corte d’Assise di Firenze racconta del primo sopralluogo effettuato nei pressi dello Stadio Olimpico; poi è Gaspare Spatuzza a svolgere una ricognizione, una seconda volta, per studiare il percorso dei pullman delle forze dell’ordine, che si allontanano dall’impianto. Durante Roma-Udinese il telecomando è nelle sue mani. Classe 1964, originario di Brancaccio, uno dei soldati più fidati della famiglia di Filippo e Giuseppe Graviano, Madre Natura che dispone vita e morte nel quartiere palermitano. Per lui, un curriculum di quindici anni di contrabbando, estorsioni ed omicidi diretti o indiretti, scovando infami e doppiogiochisti. Lo chiamano u’tignusu, il pelato, ma senza ironia. Spesso gli sono affidate l’organizzazione e l’esecuzione delle missioni più delicate: la Fiat 126 che deflagra in via d’Amelio è rubata da lui, nei suoi occhi si spengono quelli di Don Salvatore Puglisi. Di fianco a lui nella radura di Monte Mario, c’è Salvatore Benigno, u’picciriddu, ventisette anni, studente di medicina e sicario. I due sono il braccio, che risponde direttamente alla mente, i vertici di Cosa Nostra, su tutti Matteo Messina Denaro ed i Graviano. La Mafia si è trovata alle strette ed ha reagito come un animale ferito, che diviene più disperato e pericoloso quando si sente in trappola. Gli attentati in cui sono stati eliminati (anche) i giudici Falcone e Borsellino hanno alleggerito la pressione sull’organizzazione criminale e privato lo Stato dei suoi uomini di punta. Nel 1993 si è entrati in una nuova fase: ora l’obiettivo è costringere le istituzioni a trattare; bisogna prendere contatti per aggiustare i processi in atto e migliorare le condizioni dei detenuti. Anche se forse, lo scopo finale è inserirsi nel processo di rinnovamento politico ed istituzionale in atto in Italia, il tramonto della Prima Repubblica. In quest’ottica si coinvolge anche la ‘Ndrangheta per supporto logistico ed esecutivo. Dopo il fallito attentato contro Maurizio Costanzo in Via Fauro, nel maggio 1993, si entra in nuova fase: attentati dimostrativi contro obiettivi fuori dai confini siciliani. Via dei Georgofili a Firenze, via Palestro a Milano, San Giorgio al Velabro e San Giovanni in Laterano a Roma. Nel frattempo la scoperta di un’autobomba nei pressi di Palazzo Chigi. “Bombe del dialogo” che esplodono di notte per convincere l’opinione pubblica del costo umano troppo elevato nella lotta alla criminalità organizzata. Le FARC in Colombia hanno fatto scuola. Tutto quello che è accaduto è soltanto il prologo, dopo queste ultime bombe informiamo la Nazione che le prossime a venire saranno collocate soltanto di giorno ed in luoghi pubblici, poiché saranno esclusivamente alla ricerca di vite umane..P.S. Garantiamo che saranno a centinaia.Il testo trasmesso ai giornali (da "La strage e il miracolo" di A. Padellaro - PaperFirst, 2020) Nella lettera recapitata al Messaggero ed al Corriere delle Sera un monito: do ut des, oppure altro sangue. L’attentato allo Stadio Olimpico deve rimarcare il concetto, dimostrando che Cosa Nostra è disposta a tutto; nelle dichiarazioni dei pentiti si parlerà di colpo di grazia. Poco prima del 23 gennaio 1994, Giuseppe Graviano convoca Spatuzza al Bar Doney di Via Veneto a Roma. É di ottimo umore e parla con soddisfazione di un incontro avvenuto di recente: altroché i socialisti, crasti (“caproni” ndt) inaffidabili e vigliacchi, che prima si prendono i voti e poi dichiarano la guerra; i nuovi interlocutori sono persone serie. Il boss tira in ballo Silvio Berlusconi che, con il celebre “L’Italia è il paese che amo..”, il 26 gennaio annuncia la sua discesa in campo. Ad ogni modo, non si può tornare ad avere tentennamenti, la bomba deve esplodere. La preparazione dell’ordigno e l’organizzazione dell’operazione ha coinvolto vari attori attivi nella Capitale, è filato tutto liscio. Così sarebbe potuta, forse dovuta, andare la storia d'Italia. Gli azzurri in trasferta al San Paolo hanno superato ai rigori l’Argentina del padrone di casa Maradona, eroe dei due mondi. Sul prato dell’Olimpico si affronta la Germania, appena riunita, per una finale dell’esito già scritto. Tenaci come da tradizione i Tedeschi, è sufficiente un tocco di Schillaci per batterli; ancora è un gol quasi fortuito, la palla va dentro perché così sta scritto. Il 19 nel posto e nell’attimo giusto, poi la corsa a perdifiato, gli occhi fuori dalle orbite e le braccia al cielo. Bergomi alza la coppa e nella strade si scatenano caroselli per una settimana. L’Italia ha vinto e celebra se stessa, il Paese che è uscito dagli Anni di Piombo ed ha goduto nel decennio successivo. Non se ne sono accorti, ma gli Italiani si sono trasformati per sempre. I Mondiali di Italia 1990 sono la grande festa a cui è invitato il mondo. Triplice fischio, grazie a Pizzi e Branca l’Udinese è corsara all’Olimpico. Uscendo dalla Curva Sud e dalla Tribuna Monte Mario ci si incammina verso viale dei Gladiatori, la stessa direzione che prendono anche le camionette. Poi un boato e l’inferno in terra. Corpi straziati e fumo nero, urla e sirene, il rosso sull’asfalto, il blu delle luci dei primi mezzi di soccorso. Appena le televisioni diffondono le prime immagini, nelle stanze del potere si alza la cornetta e si convocano riunioni d’emergenza, in altre si aprono bottiglie delle migliori annate. Come sappiamo l’Italia non ha vinto quel mondiale e la strage è stata sventata. A rovinare la festa azzurra ci hanno pensato Maradona e Caniggia, mentre un guasto tecnico ha evitato l’innesco dell’ordigno. Non può essere né smentita né dimostrata l’intercessione della Madonna di Monte Mario, ex voto che dal 1953 veglia sulla Città Eterna; è stata costruita per ringraziare la Vergine di aver risparmiato la città ed i suoi abitanti dalla furia dello scontro tra Americani e Nazifascisti, nel 1944. Invece, quel che è certo è che Giuseppe Graviano viene arrestato il 27 gennaio 1994, seguito a distanza di anni da Spatuzza e Benigno. Il primo si convertirà alla Croce, il secondo completerà gli studi in carcere. La realtà può superare la fantasia, ed essere anche più imprevedibile. Purtroppo e per fortuna.

Negozio

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€